8 maggio 2009

Il Paradiso dei santi piccoli martiri innocenti


"Tale è il mio Paradiso" - dice Dio - "Il mio Paradiso è ciò che c’è di più semplice. (..) Ai piedi dell’altare stesso, questi semplici bambini giocano con la loro palma e le loro corone di martiri… Giocano al cerchio, almeno lo suppongo, perché non dovete credere che mi si domanda mai il permesso … e la loro palma sempre verde serve loro, a quanto sembra, da bacchetta".



Bella questa rappresentazione del Paradiso …dei santi piccoli martiri innocenti.
Questi ‘bambini martiri’ che non invecchiano mai, che non hanno mai avuto bisogno di percorrere tutta la strada della vanità e della desolazione, in questo Paradiso non stanno ritti e solenni con le loro palme del martirio in mano e le corone in capo. Essi giocano "con la palma e le loro corone di martiri" e alla loro festosa allegria partecipa anche Dio che è il Signore dei piccoli e dei puri di cuore.

(Il brano è tratto dall'opera il "Mistero dei santi innocenti’, di Charles Peguy (1873-1914), socialista e scrittore che nel 1907 si convertì al cattolicesimo. Essa è una grande opera di meditazione sulla Speranza, seconda virtù teologale. In tale opera lo sguardo si leva al cielo e allo spirituale….e con incredibile audacia, Peguy fa parlare Dio con semplicita', con la familiarita' che nasce dall'amore...)

Nessun commento:

Posta un commento