11 dicembre 2009

L’Abominio della Desolazione



“…farà cessare il sacrificio e l`offerta;
sull`ala del tempio porrà l`abominio della desolazione…” (Daniele 9, 24-27)


“Quando dunque vedrete l'abominio della desolazione, di cui parlò il profeta Daniele, stare nel luogo santo – chi legge comprenda – allora…” (Matteo 24,15-24)


12 commenti:

  1. Mi trovo perfettamente d'accordo. A volte sembra che il tabernacolo sia un parente scomodo nella nostra Chiesa: si entra in una Chiesa e non si riesce a localizzare. Ciò è frutto di una teologia facile, arrogante e moderna, che per apparire aperta al mondo e al passo con i tempi non esita a rinnegare la Presenza Reale di Cristo nella Chiesa da Lui fondata. Ricordare che la Santa Messa è prima di tutto il Sacrificio di Gesù è premessa essenziale per tornare a mettere al centro della nostra vita e della Chiesa, l'Eucarestia.

    Grazie per l'ottimo articolo,

    Stefano

    RispondiElimina
  2. ma se metti quella foto ho forti dubbi che quella struttura sia stata concepita con il Tabernacolo al centro, bisogna attendere qualche secolo prima di vederlo troneggiare nel catino absidale di quella tipologia architetonica.

    RispondiElimina
  3. Ho cambiato foto. Adesso ho messo l'interno della nuova Chiesa di San Pio, progettata da Renzo Piano, e che si trova a San Giovanni Rotondo. In essa il tabernacolo è in una stanza interna a parte e non lo trovi neanche a cercarlo e la croce che sovrasta l'altare a quanto pare è piena di simboli massonici... Contento?

    RispondiElimina
  4. sì, egr. Salvatore, la sua desolante esperienza è la stessa che fanno tutti i fedeli cattolici, da più di 40 anni (i più maturi): ma almeno lei ha ancora la sensibillità spirituale di accorgersi dell'abisso al quale ci stiamo avviando, col consenso (e per volere espresso) di tante autorità ecclesiastiche...
    temo che il peggio sia ancora da venire...

    RispondiElimina
  5. peggio di così? tra un po' raschiano il fondo del barile!

    RispondiElimina
  6. L?abbiamo già raschiato....... non ci resta che aspettare la fine

    RispondiElimina
  7. Matteo 23:9 Non chiamate nessuno sulla terra vostro padre, perché uno solo è il Padre vostro, quello che è nei cieli.
    Il Pontefice si fa chiamare addirittura "Santo Padre".
    questa è solo una delle bestemmie della chiesa cattolica e non la peggiore.
    Carlo

    RispondiElimina
  8. Ma lei il vangelo lo deve leggere tutto e non citare solo i passi che le fanno comodo e che lei interpreta a modo suo.
    Le citerò allora anche io un passo di Matteo 16:18 : “E io ti dico: Tu sei Pietro e su questa pietra edificherò la mia Chiesa e le porte degli inferi non prevarranno contro di essa. A te darò le chiavi del Regno dei Cieli, e tutto ciò che legherai sulla terra sarà legato nei cieli, e tutto ciò che scioglierai sulla terra sarà sciolto nei cieli”
    Il passo di Matteo da lei riferito a mio avviso è un invito a non avere altri Dei, non c’entra proprio niente con l’appellativo di Padre che si da anche ai semplici preti. Il suo è un tentativo di polemizzare molto simile a quello dei farisei che si attaccavano al significato letterale della legge e non al suo significato vero, quello spirituale.

    RispondiElimina
  9. Devo trovarmi ad essere una voce fuori dal coro.
    sono molto giovane perciò sono figlio di questo grande abominio che descrive. Se devo essere sincero non credo che un uomo che è stato dipsoto a morire sulla croce per noi si offenda se i suoi officinati lo mettano in un angolo. l'importante è che Gesù ci sia, non dove sia collocato. quanto a considerare oltraggioso o sacrilego prendere l'ostia con le mani, non è forse un giudizio superficiale? quando il fedel mette in bocca l'ostia entra in contatto con Gesù, credo che ciò che conti sia la sua volontà di entrare nel mistero dell'eucaristia, non se prende in mano o mangia l'ostia dalle mani del prete. Dovremmo ricordarci che Gesù non sedeva su un trono nè giudicava le persone dal modo in cui volevano apparire. E dovremmo anche ricordarci che l'ultima volta che cenò con i suoi apostoli lavò loro i piedi. Credete davvero che Gesù consideri blasfeme delle persone che vanno a pregare nella sua dimora e a mangiare il suo corpo, solo perché non lo riveriscono come gli antichi facevano con i loro idoli?

    RispondiElimina
  10. Credo invece che sia necessario considerare alcuni importanti fattori circa il ricevere le Sacre Specie con le proprie mani!!!

    In questo link è possibile approfondire alcuni concetti oggi messi al bando e contestati da chi invece dovrebbe difendere e custodire la Santissima Eucarestia:

    http://www.tutelaeucarestia.org/excursus.htm

    RispondiElimina
  11. La Bibbia dice: "Al tempo fissato [il re del nord = Russia] tornerà". (Daniele 11:29a) Significa anche il disgregazione dell'Unione europea e della NATO. Solo più tardi sarà la guerra nucleare. (Daniele 11:29b, 30a; Matteo 24:7; Numeri 24:23, 24; Rivelazione 6:4) "Una grande spada" = una spada nucleare. Questo sarà "l'inizio delle doglie del parto". (Matteo 24:8)

    "L'abominio della desolazione" = "la bestia" = il futuro governo mondiale. (Daniele 11:31; Matteo 24:15, 21, 22; Rivelazione 11:2, 7; 13:1, 2, 7)

    Daniele 11:40-43 = la quarta guerra mondiale. (Matteo 24:29; Luca 21:25; Rivelazione 6:12, 13:3; Isaia 5:26-30; Daniele 7:11; Ezechiele 32:2-16; Abacuc 1:5-17; Sofonia 1:14-18; Gioele 2:1-11)

    Ewiak Ryszard

    RispondiElimina
  12. L'abominio della desolazione stare nel luogo santo è ogni bambino che ha subito violenza.

    RispondiElimina