22 giugno 2011

Tanto rumore per nulla

Anche quest’anno è ricominciato il rito degli esami di stato. Si potrebbe dire molta fatica e tanto rumore per nulla...
Infatti a che serve imbastire tutto questo apparato burocratico e formale quando si sa già in partenza che il 99% dei candidati sarà promosso?
Oggi infatti mentre ero di turno di ‘sorveglianza’ durante la prova scritta di Italiano, riflettevo sul fatto che la giovane ministra Gelmini l’anno scorso sembrava che fosse partita col piede giusto emanando una norma in cui diceva: 'non si può essere ammessi all’esame di stato senza la sufficienza in tutte le materie'. E allora ecco che le turbe buoniste, in buona e mala fede, subito si erano però levate insorgendo, 

per cui la ministra, spaventata, presentandosi  a Porta a Porta si era affrettata a dichiarare  che tanto sarebbero stati poi i consigli di classe a decidere a maggioranza se ammettere o meno gli studenti con delle insufficienze trasformandole, per voto di consiglio, in sei!
E così la ministra cercando di migliorare le cose in realtà le ha peggiorate! Infatti fino a tre anni fa si poteva anche essere ammessi con delle insufficienze, ma esse restavano però tali: infatti venivano ammessi ad esempio (come succede adesso) anche gli studenti con quattro in Fisica e quattro in Matematica (perfino in un  Liceo Scientifico!) ma rimanendo i voti inalterati, i commissari esterni potevano almeno farsi una idea della situazione del candidato e distinguerla da quella di un altro che aveva di suo il sei in ambedue le discipline.
Ora invece tutte le insufficienze degli ammessi vengono trasformate in sei per ‘voto di consiglio’ e quindi come di notte ‘tutte le vacche appaiono nere’! e perciò non distinguibili.
Dunque  se non è sei politico questo, cos’è?

Mi è arrivata voce di lamentele di alunni che avendo ottenuto come meritato il loro sudato sei si sono ritrovati allo stesso livello di quelli che il sei lo hanno avuto regalato. Ma belli - mi viene da dirgli - il buonismo provoca queste ingiustizie, non ve ne eravate accorti?  Aprite gli occhi e fate in modo che almeno  i vostri figli domani non debbano ‘patire’ queste disparità provocate dall’asfissiante buonismo del ‘politicamente corretto’ che imperando, incontrastato da troppo tempo ormai, ci sta rovinando tutti.

3 commenti:

  1. se anche per poco i ragazzi portati a 6 si pentissero e ringraziassero il cielo e i prof per l'aiuto, allora non ci sarebbe nulla di male.
    Dio porta a 6 tutti gli uomini che si pentono, anche se lo fanno in punto di morte.
    se i ragazzi che a buon diritto hanno il 6 o più invece si lamentano per queste dette ingiustizie, dico che non hanno disciplinato la loro volontà e intelligenza e ancor meno il cuore.

    RispondiElimina
  2. Succede anche alla scuola media dove,alunni con insufficienze in: italiano, storia, geografia, matematica, scienze e tecnologia vengono ammessi agli esami e poi promossi anche se fanno scena muta! E questa è la scuola del merito!!!!!!

    RispondiElimina
  3. Buoni a nulla......

    RispondiElimina