15 ottobre 2014

Un Papa, due Papi, nessun Papa...

La confusione sembra essere diventata una caratteristica fondamentale  del nostro tempo.
Forse complice la stessa parola Crisi, che giornalmente ci viene sbattuta in faccia come un mantra dai mass-media, tutto sembra essere entrato in  fibrillazione e rapido peggioramento, come sta avvenendo, tanto per portare un esempio che ci riguarda da vicino, nell’ambito dei rapporti umani e sociali, che sembra stiano diventando sempre più difficili da gestire, nonostante i mezzi di comunicazione si siano fatti più potenti e a portata di mano.

Ma non è di questo che voglio parlare in questo post, ma del fatto che quello che è più triste è che il campo che sarebbe dovuto rimanere immune da tutto questo ‘crollo’, il campo Religioso, che avrebbe dovuto rappresentare un’oasi di sicurezza e di tranquillità ristoratrice in mezzo alle tempeste, sembra essere anch’esso entrato in confusione e iniziato a trasformarsi, cominciando a diventare sempre più irriconoscibile.
Magari alcuni dei pochi che leggeranno questo mio post non saranno molto d’accordo, ma io considero che la crisi che sta passando la Chiesa cattolica sia rappresentativa delle altre che stiamo vivendo però anche molto più seria perchè coinvolge la nostra salvezza eterna. E’ come se, grazie anche alla 'strana' Gerarchia ecclesiastica che ci ritroviamo, primo fra tutti il Papa attuale, e che forse ci siamo meritata per i nostri peccati, questa crisi, da umana, si sia innalzata, accresciuta e trasformata, intrufolandosi così anche a livello spirituale. Una crisi che da fisica  sembra essere  diventata metafisica!

Anche a voler fare un discorso non necessariamente teologico, ma molto più terra terra, si stanno evidenziando infatti delle cose un po' strane...
Prendiamo ad esempio la faccenda che in Vaticano sembrino esserci due Papi. Vi pare una situazione normale?

Abbiamo  un ex ‘Papa’, ex perché purtroppo si è dimesso qualche tempo fa, e sulla cui reale volontà di dimissioni, viste le vicende velenose che lo hanno accerchiato e assediato negli anni del suo regno, è anche umanamente lecito nutrire dubbi, che conserva tuttora le caratteristiche esteriori (e ad avviso di alcuni anche interiori) di ‘Papa’… mentre per  contrasto abbiamo un ‘Papa’ che invece sembra non del tutto persuaso di essere tale, cioè l’ex cardinale Bergoglio, che  si definisce ‘Vescovo di Roma’ e pare mal sopporti anche i simboli esteriori del suo stato, e mentre  di alcuni di essi  si è rapidamente liberato (come della croce d’oro e delle scarpe rosse), di altri non ha potuto fare a meno e, forse suo malgrado, li ha dovuto tenere. Probabilmente avrebbe volentieri buttato alle ortiche anche la veste bianca, se non fosse successo che avendola però mantenuta Benedetto XVI a quel punto la confusione su chi fosse veramente il Papa sarebbe stata imbarazzante.

Fra l'altro debbo dire che non sono mai stato molto convinto dal modo di fare e di parlare di Bergoglio, dei tanti suoi gesti, che molti hanno interpretato come manifestazioni di umiltà o bontà ma che a me e a tanti altri tradizionalisti sono sembrati tutt’altro, del suo cosiddetto ‘magistero liquido’ predicato da Santa Marta, che considero come un tentativo un  pò troppo brusco e forse imprudente di 'predicare' da parte di un Papa, perchè può dare adito, come è già successo fin troppe volte da quando Bergoglio è stato eletto, a poco chiare o spericolate interpretazioni. Fra l'altro credo che a lungo andare purtroppo il  suo modo di fare minerà  l'immagine del Papa, privandola anche dell'aura di sacralità che l’ha sempre circondata. (1)

E come se non bastasse, dopo il fulmine sulla cupola di San Pietro immortalato in una famosa foto, è scoppiata anche la bomba rappresentata dall'ultimo libro di Socci, il cui titolo è tutto un programma: ‘Non è Francesco’! Se le cose si sono svolte infatti come detto nella narrazione, e che pare sia il reseconto di ciò che è effettivamente successo, frutto di confidenze fatte dallo stesso Bergoglio, allora durante l'ultimo Conclave è stato fatto un 'papocchio' che forse ha invalidato la stessa elezione. Dico 'forse' perché la vicenda sicuramente non si chiarirà mai in maniera definitiva in quanto già sono stati espressi pareri contrastanti di esperti di diritto canonico e così presumibilmente sarà fatto in futuro…(2)

Quindi, per concludere, abbiamo un ex Papa sulle cui validità delle dimissioni si nutrono seri dubbi e un Papa che non si sa se è veramente tale! Ed inoltre un magistero liquido papale che dà adito alle più strane e controverse interpretazioni e ultimamente anche un Sinodo che sta trattando temi scottanti e i cui risultati, come si nota già dalle avvisaglie, non mancheranno certo di provocare divisioni e feroci discussioni se questi dovessero risultare totalmente differenti dalle decisioni o dai pareri precedenti espressi da altri Papi e Sinodi...Più confusione di così?
(seconda parte a questo Link, post dal titolo E' Papa o no?)

Note

(1)  Per farla breve, sembra che assiso sul soglio di Pietro paradossalmente ci sia più  un antipapista che un antipapa, come invece ritengono alcuni...
Io non ho mai voluto credere alle voci che dicono che da cardinale Bergoglio sia stato affiliato alla Massoneria. Certo i saluti e salamelecchi  di tale organizzazione all’indomani della sua elezione, pur potendo essere considerati una specie di captatio benevolentiae che mi sembra però non ci sia stata per altri Papi, non hanno certo aiutato a dissipare tali dicerie. Forse è benvoluto dai massoni perché sanno che porta avanti delle idee non del tutto estranee al loro modo di pensare… ma da lì a dire che è stato affiliato ce ne corre e comunque non esistono prove per poter affermare ciò. D’altronde mi sono sempre chiesto, se veramente lui e altri Cardinali si fossero arruolati segretamente alla libera muratoria, non sarebbero risultati ipso facto scomunicati latae sententiae e quindi con ciò ineleggibili ed esclusi come elettori da un eventuale conclave? Può essere che dei Cardinali sani di mente possano essere arrivati a tanto?

(2)  La situazione è veramente delicata in quanto nel momento in cui Bergoglio dovesse prendere delle decisioni importanti, magari  non in linea con quella dei suoi predecessori, chiunque potrebbe sentirsi autorizzato ad allontanarsi dalla Chiesa ritenendo che essa non rappresenti quella voluta da Gesù Cristo in quanto al suo vertice ci sarebbe un  Papa non valido
Forse la soluzione a questa situazione incresciosa potrebbe esserci, ma sarebbe veramente traumatica: Bergoglio dovrebbe rassegnare le dimissioni da una carica che non è sicuro di ricoprire effettivamente, sia dal punto di vista giuridico che dal punto di vista Soprannaturale, e accettare di venire eletto di nuovo, se il Cielo così vorrà, anche se esiste il ‘rischio’ che in quel caso possa venire eletto un altro.
Ma sicuramente così non avverrà,  Bergoglio non si dimetterà, nonostante i dubbi  sulla validità della sua elezione, e dovremo allora convivere con questa situazione di incertezza per molto tempo, segno anche questo dei tempi difficili e confusi che stiamo vivendo...


79 commenti:

  1. Si. letto. Concordo su tutto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il Pontefice in carica è stato scelto dai gruppi di potere per ingannare il mondo intero e i milioni di non credenti o finti credenti che sono tranquillamente caduti nella trappola.
      L’ultimo Papa eletto scelto da Dio attraverso il Santo Spirito definito dalla maggioranza “teologo” si atteneva ai dieci comandamenti e ai precetti stabiliti dalla Chiesa di Gesù e non è stato capito dalla massa, perché il linguaggio di Cristo è difficile da comprendere e soprattutto da accettare. Questa è la sfida di ogni cristiano, comprendere e accettare gli insegnamenti di Dio che si è fatto uomo per salvare tutte le anime, nessuna esclusa.
      Questo pontefice punta sui desideri della gente che sogna una società in cui i diritti umani sono alla base di una convivenza pacifica dando un calcio ai diritti cristiani che dovrebbero essere a primo posto nella chiesa e nulla hanno a che vedere con i diritti creati dall’uomo.
      Accontentando la massa si è accaparrato milioni di consensi, che lo aiuteranno a portare a termine i progetti stabiliti dai gruppi di potere che odiano Dio, affondando la Vera Chiesa.

      Elimina
    2. SEGUE DA POST PRECEDENTE

      FRASI DI BERGOGLIO:
      Come vorrei una Chiesa povera e per i poveri!" (Papa Francesco)
      -Intervista a Papa Francesco: “Avere cura di chi è povero non è comunismo, è Vangelo”
      -Il Papa alla Focsiv: i poveri non siano occasione di guadagno -Bisogna “lottare contro le cause strutturali della povertà”.

      COMMENTO:
      Con questa affermazione si escluderebbe dalla Chiesa il ricco.
      E noi sappiamo bene che la Chiesa riunisce tutte le anime indipendentemente se sono mendicanti o miliardari, non esclude nessuno, è il Cristiano ignorante (inteso come poco fervente, non praticante, che si è inventato un modo di credere AD PERSONAM) che per il solo fatto di essere peccatore, ricco, assassino, egoista, ecc. si auto esclude dal progetto di salvezza divino.
      Perché il vero scopo della Chiesa è la salvezza dell’anima e non del corpo (inteso come materia, quindi soccorso al povero), il soccorso ai poveri fa parte dei tanti precetti della Chiesa, questo è vero (7 opere di misericordia corporale=1. Dar da mangiare agli affamati 2. Dar da bere agli assetati 3. Vestire gli ignudi 4. Alloggiare i pellegrini, ecc.), ma non è sufficiente, perché alle sette opere di misericordia corporale si affiancano le sette opere di misericordia spirituale (1. Consigliare di dubbiosi, 2. Insegnare agli ignoranti, 3. Ammonire i peccatori, ecc.) In questo modo, alla morte corporale il povero o il ricco può andare all’inferno se non salva la sua anima nei modi che ci ha indicato Cristo (sofferenza, umiltà, carità, preghiera, amare il prossimo, ecc. attraverso il rispetto dei 10 comandamenti.
      Fa male pensare che miliardi di persone sono state ingannate con il principio della povertà, principio che impatta sull’opinione pubblica generale e attira un senso di compassione e misericordia, ma che in fondo in fondo non rispetta il Cristianesimo e addirittura ne mina i fondamenti.
      San Francesco d’Assisi ha scelto di vivere il suo cammino spirituale e corporale in povertà, ma mai ha prevaricato i principi cristiani, mai ha giudicato la Chiesa, anzi, con il suo esempio di vita ha insegnato agli uomini di Chiesa e a tutti i cristiani che anche senza il materialismo si può arrivare a Dio, perché meno si possiede più ci si arricchisce in Spirito e che compiendo atti di sacrificio e penitenza è più semplice arrivare a Dio.
      San Francesco ci ha insegnato : liberatevi dalla ricchezza materiale che vi rende schiavi, umiliatevi di fronte al prossimo come si umiliò Gesù sul Calvario, vivete di Spirito in armonia con gli elementi naturali che Dio ci ha elargito in segno di amore e misericordia. E come San Francesco d’Assisi, altri milioni di Santi hanno offerto la propria vita a Dio a imitazione di Cristo ( e non dimentichiamo i martiri) rinunciando al denaro e al potere per abbracciare i valori cristiani.

      Elimina
    3. SEGUE DA POST PRECEDENTE

      Vedi messaggio seguente: ESTRATTO DEL MESSAGGIO DI MDM

      6 Ottobre 2013 – Presto vi verrà detto di usare la vostra fede per creare una campagna politica intorno al mondo per salvare i poveri
      INVIATO DA MESSAGGI DA GESU CRISTO ⋅ OTTOBRE 23, 2013
      ARCHIVIATO IN FALSO PROFETA, PROFEZIE, VATICANO, VERITÀ
      Mia amata figlia predilettta, la voce del falso profeta ruggisce su tutto ciò che è sacro nella Mia Chiesa. Poco, comunque, sarà detto circa l’importanza di sostenere gli Insegnamenti di Dio, i Sacramenti e la Proclamazione della Verità. Invece, vedrete delle deviazioni, come l’assistenza ai poveri e agli affamati nel mondo e questo sarà considerato il vostro primo compito in qualità di servitori di Dio. Come servitori e seguaci di Dio nella Chiesa, la vostra prima fedeltà è alla Verità in ciò che vi ho detto. Amare i poveri e gli affamati aiutandoli è una buona cosa, ma la Mia Chiesa sulla Terra ha un ruolo molto più grande, che è stato giurato a Me. Ciò include l’insegnamento della Verità in tutto quello che vi ho insegnato e voi lo farete, se veramente Mi amate. La Chiesa ha la Missione di insegnare la Verità dei Miei Insegnamenti. Prendere in considerazione un aspetto della Mia Parola, per aiutare i poveri è ammirevole, ma fuorviante, mentre i Miei Insegnamenti affermano chiaramente che dovete aiutare i poveri in spirito. Aiutarli a curare la loro anima, prima di aiutarli ad essere liberi dalle afflizioni della vita. Se vi presento un uomo povero e vi chiedo di aiutarlo, come lo fate? Dandogli vestiti? Soldi per sfamare la sua famiglia? Oppure, Mi salvate prima la sua anima? Presto vi sarà detto di concentrare tutta la vostra attenzione sui poveri del mondo. Vi verrà chiesto del denaro – e questo sarà preso da fonti diverse per aiutare i poveri del mondo, senza lavoro e senza casa. Vi verrà detto che Io, Gesù Cristo, ho sempre amato i poveri. Il problema è questo. Io cerco prima i poveri di spirito – per liberarli dalle loro vite perdute. I poveri di spirito – coloro che hanno poca sensibilità spirituale per Dio – sono quelli che desidero ardentemente.

      Elimina
  2. Qui farei riferimento alla famosa profezia di Malachia che indica Benedetto XVI ultimo papa. Sebbene ci sia un ulteriore papa o vicepapa in contemporanea (Francesco) può essere che dobbiamo aspettarci qualche evento alla morte di Benedetto...?!? - Intanto si avvicina la data limite del 2017 predetta dalla serva di Dio TERESA NEUMANN ...(il tempo di Caino 1999-2017).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quindi per il 2017 si prevede il diluvio di fuoco?

      Non vedo l'ora che arrivi il 2018 per poter dire: "Visto? Non è successo niente!", come il 22 dicembre 2012.

      Elimina
  3. Io ho fiducia di Papa Francesco.

    RispondiElimina
  4. In realtà non si sa se la notizia sul "papocchio" (riferita dalla giornalista Piqué, amica di Bergoglio) sia "frutto di confidenze fatte dallo stesso Bergoglio". Secondo un articolo del Corriere della Sera, la notizia è stata confermata da "alcuni cardinali". Questi cardinali però devono necessariamente rimanere anonimi, perché ai cardinali è vietato dare notizie sullo svolgimento del Conclave.

    RispondiElimina
  5. http://archiviostorico.corriere.it/2014/marzo/09/Ore_eletto_Bergoglio_Benedetto_prima_co_0_20140309_549b771e-a757-11e3-908e-39d4ef7cdb89.shtml

    RispondiElimina
  6. Le profezie sui papi non sono attribuite al profeta Malachia ma a San Malachia. Ci sono comunque buoni motivi per ritenere che siano molto posteriori ai tempi in cui è vissuto il santo.

    http://it.wikipedia.org/wiki/Profezia_di_Malachia

    RispondiElimina
  7. In 2000 anni NON CI SONO MAI stati 2 0 3 papi veri in contemporanea, certo i contemporanei dovevano discernere tra essi e S.Caterina decise per il Papa che risultò vero mentre un altro Santo decise per il falso.Ora è la stessa cosa? Non direi perchè oggi la scelta la può fare chiunque attraverso i giornali e tg almeno, anche se non può dirsi cattolico chi si limita a ciò, per noi la scelta è più facile se si è letto almeno il Vangelo, ora come ora (ecco perchè a Medjugorje Maria chiedeva la lettura della Bibbia), perchè quanto è emerso tra ieri e oggi in modo definitivo dal sinodo (la Chiesa aperta a divorziati e omo, coppie di fatto, con una votazione di maggioranza dei cardinali a favore!!!!!! e una maggioranza rimarchevole) è nettamente CONTRO il Vangelo e San Paolo, CONTRO la SACRA SCRITTURA. Ora può essere papa Bergoglio? Se lo sono stati (papi) quando erano 2 0 3 allora anche lui lo può essere, ma dato che NON ERANO TUTTI PAPI in passato, ma solo UNO, NON lo possono essere neanche oggi e quindi ANCHE OGGI c'è UN solo PAPA e si chiama Benedetto XVI. Quindi l'altro è il falso pastore di cui parla Maria Valtorta, il pastore idolo. Ritengo che mai come oggi gli uomini tutti abbiano potuto scegliere con chi schierarsi, con chi finge di detenere un potere mai avuto (strano ma vero per fare Santi i Papi CI VUOLE sempre la presenza di Papa Benedetto, come mai? Nessuno se lo chiede?) o con chi si è messo da parte perchè di fatto era stato messo da parte (basta vedere i voti dei cardinali, si contino i numeri). Ad ognuno la sua scelta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma sì, un bello scisma è quello che ci vuole per mettere KO la Chiesa Cattolica!

      Marco 3, 24:
      "Se un regno è diviso in se stesso, quel regno non può reggersi; "

      Elimina
    2. Sono venuto a portare la guerra non la pace, padre contro figli figli contro padri nuora contro suocera ecc. Vi dò la ia pace non come la dà il mondo...
      Prendiamo atto della realtà: Bergoglio vuole il divorzio e tutto il resto, allora accetti anche lei come Bergo il divorzio che già c'è tra chi vuole seguire il Vangelo e chi vuole farne uno nuovo, tra chi vuole seguire il mondo e chi almeno si sforza di seguire Gesù e Maria

      Elimina
    3. Tutti a stracciarsi le vesti per questo Sinodo che stava stravolgendo la dottrina cattolica, ed ecco cosa ne è venuto fuori.

      Il "no" alle unioni gay è rimasto. E non poteva essere diversamente, purtroppo.
      Sulla comunione ai divorziati risposati si dovrà ancora discutere, ma il matrimonio rimane indissolubile. E non poteva essere diversamente.

      Ma davvero qualcuno si aspettava che avrebbero approvato le unioni gay? O che avrebbero detto "per 2000 anni abbiamo scherzato, il matrimonio non è indissolubile"?

      Elimina
    4. Non dica che tutto è rimasto come prima ...per non prendere in giro quelli che un minimo di cervello ce l'hanno ancora

      Elimina
    5. Ovviamente un sinodo lo si fa per prendere delle decisioni. Ovviamente qualcosa cambia. Ma è assurdo aspettarsi che un sinodo stravolga la dottrina cattolica.
      La Chiesa cambia da sempre. Cambiano alcune credenze (vedi limbo), la morale, i precetti della Chiesa, i riti. Solo non si possono abolire dei dogmi, altrimenti la Chiesa dovrebbe ammettere di non essere infallibile.

      Elimina
    6. sul limbo mi risulta questione aperta, lasci perdere la dottrina modernista

      Elimina
    7. Adesso Ratzinger è modernista?

      http://www.corriere.it/Primo_Piano/Cronache/2007/04_Aprile/20/limbo_abolizione.shtml

      Elimina
    8. Non mi risulta che sul limbo ci sia una definizione chiusa come lo è sulla comunione ai divorziati, agli omosessuali, ai conviventi: lì la questione è chiusa: NON SI PUò FARE, Parola di Dio

      Elimina
    9. La questione del limbo non è chiusa in quanto non è stato proclamato nessun dogma al riguardo, ma ormai credo che siano rimasti in pochi a credere che i bambini nati senza battesimo debbano essere puniti per un peccato non commesso da loro.

      Sulla comunione ai divorziati (N.B.: risposati) ed ai conviventi (gay o etero che siano) la questione è chiusa, per l'appunto. Poi magari tra mille anni il sesso fuori dal matrimonio sarà peccato veniale ed allora se ne potrà riparlare. In fondo la morale cattolica non è immutabile.

      http://www.pignotti.org/testi.html

      Elimina
    10. L'al di là non lo conosciamo ancora, certo che una società che ammazza i figli nella pancia della madre consenziente è giunta all'ultimo stadio e non ha davanti a sè che un bel burrone... umanamente , tralasciando anche quello che è naturale e ciò che non lo è, ognuno reputa giusto quello che lui ritiene giusto come dice Bergoglio già da qualche tempo. Il Vangelo non cambia però malgrado 118 cardinali abbiano votato per i gay (ct S.Paolo quindi) e i segni dei tempi sono chiari e Gesù ha detto di farci caso.

      Elimina
    11. "Considerai che eravamo, come sempre, alla fine dei tempi [...]" (da "La scrittura del dio", di Jorge Luis Borges).

      E' almeno da duemila anni che si sente dire che "siamo alla fine dei tempi".

      L'aborto esiste fin dall'antichità. Il Giuramento di Ippocrate, che risale al IV secolo A.C., dice tra l'altro "a nessuna donna io darò un pessario abortivo", dove il pessario era un panno imbevuto di sostanze anticontraccettive, spesso causa di infezioni e morte.

      Il paragrafo che ha avuto il voto favorevole dei 118 vescovi (non 118 cardinali) è il seguente:

      55. Alcune famiglie vivono l’esperienza di avere al loro interno persone con orientamento omosessuale. Al riguardo ci si è interrogati su quale attenzione pastorale sia opportuna di fronte a questa situazione riferendosi a quanto insegna la Chiesa: «Non esiste fondamento alcuno per assimilare o stabilire analogie, neppure remote, tra le unioni omosessuali e il disegno di Dio sul matrimonio e la famiglia». Nondimeno, gli uomini e le donne con tendenze omosessuali devono essere accolti con rispetto e delicatezza. «A loro riguardo si eviterà ogni marchio di ingiusta discriminazione» (Congregazione per la Dottrina della Fede, Considerazioni circa i progetti di riconoscimento legale delle unioni tra persone omosessuali, 4).

      http://press.vatican.va/content/salastampa/it/bollettino/pubblico/2014/10/18/0770/03044.html

      Come vedi, non è che tale paragrafo dichari lecite le unioni gay. Dice che gli uomini e donne con tendenze omosessuali (che non necessariamente hanno rapporti omosessuali, così come gli etero non necessariamente hanno rapporti eterosessuali) vanno accolti "con rispetto e delicatezza". E lo credo bene! Non è che uno scelga i propri gusti sessuali!
      Poi dice che si deve evitare a loro riguardo la "ingiusta discriminazione". Forse tu invece pensi che fare ingiuste discriminazioni sia una cosa buona.

      Le ultime due frasi del paragrafo, che tanto scandalizzano taluni, sono state tratte da un documento della Congregazione per la Dottrina della fede del 2003 e dal Catechismo della Chiesa Cattolica(2358). Qualcuno ha commentato "Ci sono 62 padri che hanno bocciato il Catechismo e il cardinale Ratzinger!".

      http://www.vatican.va/roman_curia/congregations/cfaith/documents/rc_con_cfaith_doc_20030731_homosexual-unions_it.html

      http://www.vatican.va/archive/catechism_it/p3s2c2a6_it.htm

      Elimina
    12. Mi pare di aver letto da qualche parte che forse a votare contro sono stati anche alcuni 'progressisti' che avrebbero voluto maggiore apertura

      Elimina
  8. Questa notiazia mi ha spiazzata però, a meno che dato che i cardinali continuano a considerare papa Bergoglio e così fanno di fatto se accettano un sinodo convocato dallo stesso, devono rivolgersi a colui che hanno deciso di considerare tale. In tal caso comprendo la giustezza del dir loro di rivolgersi a Bergoglio. Che tristezza comunque!http://www.repubblica.it/esteri/2014/10/19/news/e_ratzinger_respinse_la_fronda_dei_conservatori_il_pontefice_non_sono_io_decide_francesco-98459341/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me ha scritto a Bergoglio invitandolo alla prudenza, mettendolo in guardia sul pericolo di una spaccatura drammatica nel caso avesse tirato troppo la corda su certi argomenti. ... sul fatto poi che avrebbe affermato che il Papa è Bergoglio e che bisogna quindi rivolgersi a lui, è un cosa ovvia ci sarebbe stato da sorprendersi se avesse detto il contrario.

      Elimina
    2. Notizia non verahttp://ilblogdiraffaella.blogspot.it/2014/10/destituita-di-fondamento-la-notizia.html




      Elimina
  9. Non fidiamoci troppo delle date e preghiamo per Papa Francesco. Sappiate che il vero impostore, potrebbe essere il suo successore. Non mancano molti anni. Per ora non dico altro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E quali sarebbero le prove di ciò?

      Elimina
    2. Parte della risposta, la troverai qui:

      https://it.scribd.com/doc/30645691/Profezie-Della-Madonna-Di-Anguera-2005-2010-Raccolte-e-Tematizzate

      Elimina
    3. Non son entrato .... ma ho letto che Anguera ha profetizzato "verrà il tempo in cui vi saranno 2 troni ma solo su uno sederà il vero...." ed ancora parla di onix (allo specchio xino) onice..pietra nera... papa nero ... gesuita.....bergo.... e queste son profezie datate da tempi fuor di dubbio

      Elimina
  10. lettera aperta a Bergoglio alias papa francesco, premetto che non riesco proprio a considerarlo papa sulla base che 2 papi non ci sono e Benedetto ha detto il 27.2.13, l'incarico papale è per sempre (Incontro coi sacerdoti) quindi lui resta papa e lo dimostra con la veste, lo stemma...


    https://www.facebook.com/Trismen.Cristeros/posts/473799229427251

    RispondiElimina
  11. Ratzinger non ha detto "rinuncio ad essere papa", ma, nel discorso con cui si è dimesso, ha detto "dovrà essere convocato, da coloro a cui compete, il Conclave per l'elezione del nuovo Sommo Pontefice", il che vuol dire che lui cessava di essere papa (visto che non possono esserci due papi contemporaneamente e che il Conclave si tiene solo quando la sede pontificia è vacante). Porta la veste papale, ma non sta facendo il papa: da quando si è dimesso, non ha nominato cardinali, non ha fatto encicliche, non ha fatto nessun atto da papa.

    L'opinione di Socci sulle dimissioni di Ratzinger è smentita da una lettera dello stesso Ratzinger, del febbraio 2014:
    http://vaticaninsider.lastampa.it/vaticano/dettaglio-articolo/articolo/benedetto-xvi-benedict-xvi-benedicto-xvi-32340//pag/1/

    In una lettera al teologo Hans Kung, Ratzinger ha scritto:
    "Io sono grato di poter essere legato da una grande identità di vedute e da un’amicizia di cuore a Papa Francesco. Io oggi vedo come mio unico e ultimo compito sostenere il suo Pontificato nella preghiera".

    Come vediamo, qui Ratzinger riconosce Francesco come Papa.

    RispondiElimina
  12. Avevo letto a suo tempo di questa lettera ma non ricordo se era veramente autentica (come non lo era la notizia di cui sopra), personalmente non credo, anche perchè l'identità di vedute NON ESISTE proprio dato che le loro vedute sono agli opposti. Sull'amicizia sorvolo, anche se sicuramente da parte di Papa Benedetto c'è l'amore di Gesù. Papa Benedetto ha detto "rinuncio a Vescovo di Roma" . Perchè non ha detto rinuncio a papa? Il perchè lo spiega il 27.2.13 all'incontro coi sacerdoti in cui dice che il Ministero Papale è per sempre, vi sarò sempre vicino... rinuncio all'esercizio attivo .... quindi ESERCIZIO attivo (per cui non ha più nominato cardinaliecc) , ma resta nell'esercizio passivo (come Gesù che passivamente si è lasciato arrestare e crocifiggere LIBERAMENTE così liberamente si è fatto da parte Papa Benedetto.) Ora la frase che lei anonimo cita , della convocazione del conclave è quella che mi ha ingannato. Poi ha ancora detto "DECISIONE GRAVE per la CHIESA" come mai dal 13.3.13 non sembra più esserci nulla di grave però? In modo netto da un giorno all'altro? Impossibile . Qualcosa si nasconde dietro a ciò. Poi disse ancora "ORA RIMETTO al PASTORE SUPREMO" CHE è UN RENDERE LE CHIAVI di Pietro e lasciare che ciò che è umano vada avanti per conto suo col vescovo di Roma che fa da pontefice umano perchè il Munus Divino resta a Benedetto (PER SEMPRE). Inoltre il libro di Socci non può essere smentito dalla frase citata perchè lo stesso oltre ad argomentare su quanto scritto dal canonista Violi sulla rinuncia di Benedetto, riferisce fatti accaduti al conclave , eresie dette.... cose che nulla hanno a che fare con Papa Benedetto, fosse anche vera l'amicizia. Ora umanamente non mi interessa un papa ed inoltre Papa Benedetto NON AVEVA più le forze PER l'ESERCIZIO ATTIVO, perchè? E Bergoglio (1o anni in meno circa) INVECE le ha? Tutto strano. Facile da capire però. Papa Benedetto parlò della sporcizia nella Chiesa ... disse "Pregate che abbia la forza di resistere ai lupi" . E dal 13.3.13 i lupi sono forse scomparsi? O si mimetizzano? Ancora io penso che faccia da freno alla piena manifestazione del mistero d'iniquità finchè è vivo (e finchè è a Roma secondo quanto detto dalla beata Caterina Emmerich). E' ancora il Katecon.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nella lettera a Tornielli, che si può trovare tramite il link che ho messo prima o anche qui;

      http://2.andreatornielli.it/?p=7289

      Ratzinger dice tra l'altro "Il prof. Küng ha citato letteralmente e correttamente le parole della mia lettera indirizzata a lui.". Le parole in questione sono quelle che ho riportato.

      Che ne so? Può anche essere tutto falso, la lettera a Tornielli e quella a Kung, l'unico modo per saperlo sarebbe di chiedere a Ratzinger, ma non ci sto molto in confidenza. :-)

      Esercizio passivo, quindi non fa il Papa (non nomina cardinali, ecc.) e non ha intenzione di farlo.

      Non ho affrontato qui le altre questioni affrontate da Socci (presunte irregolarità nel Conclave, presunte eresie). Comunque, se fosse vero che Bergoglio non è Papa per uno di questi due motivi, non ne deriverebbe che Ratzinger lo è.

      Elimina
    2. Benedetto XVI ha detto che il MINISTERO PAPALE è PER SEMPRE, come si fa a dire che non lo è? é forse pazzo a farsi chiamare Papa, a tenere lo stemma da Papa (ed hanno cercato di convincerlo a NON farlo gli amici cardinali!). Non mi risulta... firma anche da Papa

      Elimina
    3. Nei messaggi recenti di cui qui si parla, ha detto "Esco dalla mia clausura solo in casi particolari, invitato personalmente dal Papa". Vuol dire che si invita da sè? O sono falsi anche questi messaggi?

      Lui si fa chiamare "Papa emerito", così come in Italia gli ex- presidenti della Repubblica sono detti "presidenti emeriti", anche se ormai non presiedono più niente (sono senatori a vita).

      Elimina
    4. "Benedetto XVI ha detto che il MINISTERO PAPALE è PER SEMPRE"

      Il "per sempre" .si riferiva al fatto di non ritornare "alla vita privata, a una vita di viaggi, incontri, ricevimenti, conferenze eccetera".

      D'altronde, poco dopo nello stesso discorso ha detto "Non porto più la potestà dell’officio per il governo della Chiesa, ma nel servizio della preghiera resto, per così dire, nel recinto di san Pietro".
      Non porta più la potestà dell’officio per il governo della Chiesa, cioè non governa più la Chiesa, quindi non è Papa.

      Il discorso di Ratzinger è riportato qui:
      http://www.vatican.va/holy_father/benedict_xvi/audiences/2013/documents/hf_ben-xvi_aud_20130227_it.html

      Elimina
    5. Credo ci sia un piccolo ma essenziale particolare trascurato in questi discorsi: chi decide chi è Papa o no non è il candidato ma Dio stesso...

      Elimina
    6. Allora non resta che chiedere a Dio... :-)

      Scherzi a parte, qui si tratta di capire se Ratzinger, quando ha dato le dimissioni ed ha detto che si doveva convocare il Conclave per l’elezione del nuovo Sommo Pontefice, intendeva dimettersi da Papa o no.

      Elimina
    7. Socci accusa Bergoglio di aver fatto "affermazioni che appaiono lontane dal Magistero di sempre della Chiesa", e lo fa confrontando affermazioni fatte da Bergoglio (in interviste o lettere private) con affermazioni fatte da Papi precedenti (in encicliche ed altri documenti ufficiali).

      Con lo stesso sistema, alcuni cattolici tradizionalisti accusano di eresia tutti i papi da Giovanni XXIII in poi, e sostengono quindi che l'ultimo Papa è stato Pio XII:

      http://vaticanocattolico.com/202-eresie-vaticano-ii/#.VFIj68lnt6o

      Elimina
    8. In un articolo del suo blog, Socci parla di un "documento con cui un gruppo di cardinali anonimi, subito dopo il Conclave del 2005, ha infranto il giuramento sul Vangelo diffondendo un presunto Diario delle votazioni che delegittimava Ratzinger e in pratica gli lanciava il segnale di mollare".

      Parla a tal riguardo di "cardinali spergiuri, nascosti dietro l’anonimato", di "complotto" e di "strategia ostile".

      http://www.antoniosocci.com/2014/02/forse-non-e-canonicamente-valida-la-rinuncia-di-papa-benedetto/

      A proposito delle presunte irregolarità nel Conclave che elesse Bergoglio, invece, scrive nel suo libro (capitolo "Il papocchio", paragrafo "Obiezioni"):

      "A blindare la "versione Piqué" è soprattutto l'esplicita e autorevole conferma di "alcuni cardinali" raccolta dal "Corriere della Sera" il 9 marzo 2014. Quindi si parla di testimoni presenti al Conclave.".

      Nel primo caso (Conclave del 2005) i cardinali che hanno testimoniato sono giustamente definiti "anonimi" e "spergiuri", nel secondo (Conclave del 2013) sono definiti "autorevoli", pur essendo ovviamente anch'essi anonimi e spergiuri.

      Elimina
    9. Non giochi sulle parole , sono anonimi e spergiuri tranne Bergoglio in quanto potrebbe , dice. diffondere ora come pontefice, sono autorevoli in quanto cardinali, questo non li esime dall'essere spergiuri.

      Elimina
    10. Giusto. Sono tutti spergiuri perché avevano giurato sul Vangelo di non divulgare informazioni sullo svolgimento del Conclave, e di conseguenza tutti anonimi. Però Socci sembra convinto dell'inattendibilità di quelli del 2005 (infatti parla di "complotto") e dell'attendibilità di quelli del 2013. Immagino che ciò sia dovuto alla sua personale simpatia per Ratzinger ed antipatia per Bergoglio.

      Elimina
  13. gli andazzi di curia romana ......Riccardi nel 2005 era andato a ricevere Bergoglio all'aeroporto?
    Padre Livio lo disse secondo in classifica...mah era già papabile o papato?

    http://www.libertaepersona.org/wordpress/2014/10/mons-oliveri-si-mons-paglia-e-mons-mogavero-no-perche/

    RispondiElimina
  14. Ecco da questi messaggi RECENTI di Papa Benedetto emergerebbe un chiaro riferimento a papa Bergoglio , i messaggi stessi contrastano anche con la pseudo dottrina bergogliana, direi quindi che in effetti abbiamo 2 papi, UNO per MUNUS DIVINO ed uno per mandato umano

    Forse adesso tocca al popolo decidere da che parte stare

    http://vaticaninsider.lastampa.it/news/dettaglio-articolo/articolo/37143/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Esco dalla mia clausura solo in casi particolari, invitato personalmente dal Papa"

      Non dice "dall'altro Papa" o "dal falso Papa". Qui sembra essere dell'avviso che ci sia un solo Papa e che non sia lui.

      Il popolo non ha un'unica testa, e quindi non può fare altro che dividersi, e si è già diviso. Penso che il vero e proprio scisma avverrò se e quando uno o più cardinali disconosceranno Bergoglio.

      Elimina
  15. Ave Maria, stimatissimo Signor Salvatore Canto.

    La prego, La prego, La prego: faccia tutto quanto in Suo potere per diffondere con la massima sollecitudine possibile questo messaggio: si è scatenato l'avversario in questo confronto. E' IMPORTANTISSIMO CERCARE DI RECUPERARE OGGI STESSO.

    Ecco: questo di seguito è il mio appello, scritto in fretta e furia. Ieri sera stavo lavando i piatti nel ristorante di mio cognato e solo stamattina ho avuto la pessima sorpresa.

    Dio la benedica.

    Grazie infinite,

    Stefano Prior.
    Gaglianico (Biella)

    A questo indirizzo si sta consumando un vero e proprio dramma: tra i sostenitori del pensiero laico (i freddi e i troppi tiepidi) che vogliono intitolare il nuovo ospedale cittadino di Biella alla defunta pediatra Maria Bonino (meritevolissima figura laica, ricordiamola nelle nostre preghiere) e chi, invece, lo vorrebbe dedicato a Nostra Signora (i caldi, i ferventi):

    http://www.biellascuole.it/2014/10/08/scegliamo-assieme-il-nome-del-nuovo-ospedale/


    Ebbene, proprio questa notte, nell'odiata notte del sabato che precede la domenica della Resurrezione (e addirittura nel sabato che ha 2 volte le tre della mattina): da pochi voti di differenza fra le due fazioni nel tardo pomeriggio, satana è riuscito a portarsi nella notte a oltre 700 lunghezze di distanza dalla nostra amata Maria Santissima!

    VI INVITO PERTANTO PERENTORIAMENTE A NON PERDERE TEMPO ED A FARE IL COMPITO CHE CI E' CHIESTO: DIFENDERE I NOSTRI VALORI CRISTIANI ED OFFRIRE IL RIFUGIO AMOREVOLE DI MARIA A TUTTI, NELLA SUA IMMAGINE BIELLESE DI NOSTRA SIGNORA DI OROPA

    VOTATE E FATE VOTARE SUBITO, A MEZZANOTTE DI OGGI SCADE IL SONDAGGIO.
    NON E' RICHIESTO VINCOLO DI TERRITORIALITA'


    Stefano Prior
    Gaglianico. Biella

    --

    in Gesù e Maria,

    nostri Perfetti ed Amati Sovrani dell'Universo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo ho letto questo tuo messaggio dopo sole 3 ore dalla scadenza del sondaggio... mi dispiace!

      Elimina
  16. beh io non scrivo tanto per far numero, se ha letto e capito il messaggio le dovrebbe esssere chiaro, altrimenti non era per lei. saluti ultimi

    RispondiElimina
  17. Papa Benedetto è chiamato Sua Santità, le guardie svizzere giurano fedeltà anche a Lui e sui tamburi delle gurdie svizzere ci sono i 2 stemmi di Papa Benedetto e del Pontefice Bergoglio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non possono esserci due papi contemporaneamente.

      Elimina
    2. ... o il Papa è Ratzinger, che non si è mai davvero dimesso da Papa e adesso va dicendo a dritta a manca che il Papa è Bergoglio ma non lo pensa davvero...
      ... o il Papa è Bergoglio... oppure la sede è vacante.

      Tutti e due non è possibile.

      Elimina
    3. C'è da dire, a proposito delle accuse di eresia, che il dogma dell'infallibilità papale dice che il Papa è infallibile quando parla ex cathedra, ossia come dottore o pastore universale della Chiesa (episcopus servus servorum Dei). Dunque, il dogma vale solo quando esercita il ministero petrino proclamando un nuovo dogma o definendo una dottrina in modo definitivo come rivelata. Cosa che finora i papi hanno fatto due volte, proclamando i dogmi dell'Immacolata Concezione e dell'Assunzione in cielo di Maria.

      Secondo la maggior parte dei teologi, anche tre insegnamenti dell'enciclica Evangelium Vitae devono essere considerati dogmi non modificabili; ma la mancanza di un testo così esplicito e diretto spinge alcuni altri a negare il loro carattere dogmatico. La questione è tuttora aperta.

      http://it.wikipedia.org/wiki/Infallibilità_papale

      Elimina
  18. articolo interessante ed interessanti alcuni commenti .....Il Papa è Benedetto per me
    http://chiesaepostconcilio.blogspot.it/2014/11/quando-benedetto-xvi-con-i-suoi-scritti.html

    RispondiElimina
  19. Avete già guardato bene la ferula luciferina col serpente i raggi e sembra il volto della bestia sul petto? senza parlare dei vari crocifissi strambi e ferule altrettanto strambe.. ci sono in internet, orribikli. Comunque il crocifisso che porta al collo e che non ha lasciato (argento simbolo potere) NON è UN CROCEFISSO ma un tale con le mani incrociate sul petto!!!!! Vedere x credere

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche di Wojtyla e Ratzinger è stato detto qualcosa del genere.

      http://www.veritaoltreilsistema.com/2011/05/beatificato-un-papa-legato-allocculto.html

      http://freeondarevolution.blogspot.it/2011/04/lanticristo-la-profezia-dei-papi-e-la.html

      Elimina
  20. https://www.facebook.com/#!/photo.php?fbid=1503099306620167&set=p.1503099306620167&type=1&theater
    questo è la croce di bergo, tra l'altro la colomba verso il basso è simbolo massonico mi dicono

    RispondiElimina
  21. Vorrei sottoporre una questione e sapere schiettamente cosa se ne può pensare . Per me è veramente tanto importante avere parere. Partiamo da punti fermi su cui credo che tutti collimiamo:
    1) satana mente sempre e induce l’uomo a credere alle sue menzogne. E soprattutto impedisce che l’uomo conosca la verità;
    2) Quando questo non gli è possibile (perché la Verità rivelata da Dio è protetta dalle sue grinfie) allora usa un’altra tecnica : distogliere l’attenzione dell’uomo con mille tentazioni e allettamenti facendo leva sulle “bramosie” dell’animo umano. A prova di quanto ho detto vedasi quanto accade per le rivelazioni date a Don Guido e dell’apocalisse: nessuno può cambiare le parole che sono rivelate da Dio ai profeti e poi da Gesù. Riguardo al libro di don Guido mi sono resa conto, girando qua e la per siti internet, che la Chiesa conosce questo libro, sa che viene da Dio (è un suo figlio fedelissimo ad affermarlo), sa che è tradotto in molte lingue e non ha mai osato condannarlo apertamente come eretico ( infatti qualcuno se lo chiede: come mai la chiesa non si pronuncia?). Se potesse dire qualcosa contro quel libro l’avrebbe fatto ma evidentemente “sa” che non può. Per questo usa un’altra tecnica: lo “ignora”, lo lascia alla clessidra del tempo sperando che granello di sabbia su granello di sabbia lo seppelliscano. ( Spera vanamente perché questo non accadrà mai !!!).
    3) Satana vuole indurre l’uomo in tentazione di disobbedire alle leggi di Dio. Quando presenta all’uomo una tentazione insinua in lui che cedere in fondo è una cosa buona, fatta per il suo bene o quello dell’umanità o del prossimo … (poi, con il tempo, l’uomo scopre di essere caduto in un tranello e che il disegno di satana era realizzare tutt’altro)

    La chiesa tiene in grandissima considerazione la profezia della santa Anna Caterina Emmerick (1774-1824), una suora Agostiniana tedesca che portò le stigmate e che predisse la "falsa chiesa dell’oscurità":
    "Ho visto una strana chiesa che verrà costruita contro qualsiasi regola -così come la nuova chiesa eterodossa di Roma. La Chiesa è in grave pericolo. Stanno cercando di ottenere qualcosa da lui (il papa). La dottrina protestante e quella dei Greci scismatici si sta diffondendo dappertutto. La Chiesa viene minata sempre più abilmente alle sue fondamenta. Ho visto molti pastori permettersi di farsi prendere da idee che erano e sono pericolose per la Chiesa. Stavano costruendo una grande, strana e stravagante Chiesa. Chiunque era ammesso al suo interno, per poter essere uniti ed avere gli stessi diritti (immagino sulla salvezza): Evangelici, Cattolici, sette di qualsiasi descrizione. Così sarebbe stata la nuova Chiesa."
    Suor Emmerick sintetizzò la descrizione delle peripezie della Chiesa: "…. la Fede cadrà ai suoi minimi, e verrà preservata solo in alcuni luoghi, in poche case ed in poche famiglie che Dio ha protetto dai disastri e dalle guerre." E ancora : "Ho avuto un’altra visione della grande tribolazione. Mi sembrava che si pretendesse dal clero una concessione che non poteva essere accordata. Vidi molti sacerdoti anziani, specialmente uno, che piangevano amaramente. Anche alcuni più giovani stavano piangendo. Ma altri, e i tiepidi erano fra questi, facevano senza alcuna obiezione ciò che gli veniva chiesto. Era come se la gente si stesse dividendo in due fazioni". (12 aprile 1820) La Messa era breve. Il Vangelo di San Giovanni non veniva letto alla fine,(quando per secoli, prima della riforma liturgica del 1967, la Santa Messa si concludeva abitualmente (salvo rare eccezioni) con la lettura del Vangelo di Giovanni.)
    E riprendo anche le parole di suor Lucia di Fatima che dice la stessa cosa:
    (continua sotto)

    RispondiElimina
  22. (continua 1)… "Il disorientamento è diabolico," scrisse Suor Lucia [29-12-1969], "non fatevi ingannare". Il disorientamento è dottrinale: "in questi tempi di disorientamento diabolico, non lasciamoci ingannare dalle false dottrine." [12-4-1970] E’ un "cancro" nella Chiesa [29-5-1970] che colpisce i "sacerdoti" e "le anime consacrate" che sono state "condotte in errore": "è triste", scrive Suor Lucia [16-9-1970] "vedere un tale disorientamento, e in tali persone che occupano una posizione di responsabilità; essi sono i ciechi che guidano gli altri ciechi." Per questo, sono coloro che occupano le più alte posizione nella Curia Romana ad aver costruito la via per la Grande Apostasia.

    Incuriosita da queste letture ho voluto approfondire. Io ero convinta, come anche tanti cristiani credono, che l’ ”apostasia” è un fatto che si dovrà ancora avverare … che riguarda il futuro.
    Nel frattempo che faccio le mie ricerche-letture accade che papa Benedetto XVI lascia la carica di papa e viene eletto papa Francesco. A qualche giornalista questo fatto ricorda qualcosa riguardo ad una profezia dei “ due papi” e quindi vado a cercare la profezia della Emmerick che riguarda la visione di due papi :

    “Vidi una forte opposizione tra due DUE PAPI… e vidi quanto funeste sarebbero state le conseguenze di una FALSA CHIESA… Essa diventava sempre più grande; eretici di ogni sorta arrivavano alla città di Roma; i chierici accrescevano il proprio lucro, vi era una grande oscurità... Vidi che la Chiesa di Pietro veniva minata dal piano di una SETTA”.
    “La Chiesa si trova in grande pericolo. Dobbiamo pregare perché il Papa non vada via da Roma, verranno mali innumerevoli se lo fa … Quando sarà prossimo il regno dell’Anticristo, comparirà una RELIGIONE FALSA, che andrà contro l’unità di Dio e della sua Chiesa. Questo causerà il più grande SCISMA mai visto nel mondo”.
    Molti credono che questa profezia dei “due papi” si sia avverata con gli accadimenti dell’anno 2013 dopo l’elezione di papa Francesco e le dimissioni del papa emerito Benedetto XVI, due figure biancovestite che circolano contemporaneamente in Vaticano … …..
    In realtà, secondo me, da quel che mi risulta, quella profezia si è avverata negli anni 60 ai tempi dell’elezione di papa Paolo VI. Ecco come e perché:
    Questo è un articolo del 4 febbraio 2011 – ( TGCOM 24)
    “Messe nere in Vaticano” Nella Cappella Paolina riti satanici? Nel giugno 2009 venne aperta al pubblico, dopo anni di restauri, la Cappella Paolina, nel cuore del Vaticano. L’altare venne tolto e poi ricollocato. In quei giorni circolò l’ipotesi che l’intera Cappella fosse stata riconsacrata. Perché? Per riparare a un rito satanico celebrato in gran segreto nel 1963 con il quale sarebbe stata inaugurata l’era di Satana. Uno studio di esperti inglesi, secondo quanto riporta Libero, cita un episodio che sarebbe avvenuto appunto il 29 giugno 1963 e reso noto da un vaticanista ed ex gesuita, (cardinale e noto esorcista) Malachi Martin. Prima della morte, Martin raccontò (ad un giornalista televisivo di un importante network americano) che il rituale venne celebrato per intronizzare Satana. Sempre Martin sostenne l’esistenza di congregazioni sataniste in America, gestite da sacerdoti. Alla luce di tutto ciò si potrebbe spiegare il grido di dolore e l’allarme lanciato da Paolo VI, quando pronunciò nel 1972 una frase che suscitò scalpore: “Attraverso qualche fessura, il fumo di Satana è entrato nella Chiesa”.
    Ed ancora possiamo leggere in modo approfondito: http://fidesetforma.blogspot.it/2011/02/che-vi-avevo-detto.html
    (continua)

    RispondiElimina
  23. (Continua 2) La giornalista Caterina Maniaci su Libero riferisce la storia raccontata da Malachi Martin nel suo romanzo Windswept House e relativa al presunto rito satanico compiuto nella Cappella Paolina la notte del 29 Giugno 1963, a pochi giorni dall’elezione di Papa Paolo VI, aggiungendo qualche interessante dettaglio. Oggi possiamo dire che, stando a voci provenienti dal Palazzo Apostolico, il Papa Benedetto XVI avrebbe riconsacrato l’intera Cappella, come riferito dalla stessa Maniaci.
    Chi avrebbe partecipato al rito nel 1963 secondo Malachi Martin? Cardinali (lui fa intendere almeno Villot e Casaroli), Vescovi, laici e un “legato prussiano” (un satanista? laico e luterano?) che dispone di una sorta di mandato superiore per l’intronizzazione di Satana in Vaticano. Inoltre in una intervista a The New American del 9 giugno 1997 Malachi Martin affermò al giornalista Mac Manus quanto segue:
    Giornalista: “Il suo libro comincia con una vivida descrizione di una Messa Nera sacrilega tenutasi nel 1963 a Charleston, Sud Carolina. E’ realmente avvenuta? (nel romanzo “Windswept House” (la casa spazzata dal vento) Martin racconta di un rito avvenuto contemporaneamente a Charleston e in Cappella Paolina, leggere il mio articolo per maggiori dettagli n.d.r. E’ un romanzo del 1996 ma inutile cercarlo in italiano, non lo troverete! Il libro non è mai stato tradotto, infatti, e probabilmente non è un caso.)”
    Martin: “Sì accadde. E la partecipazione telefonica di alcuni alti ufficiali del Vaticano è anche un fatto. La giovane donna che fu forzata (come vittima innocente) a partecipare al rituale satanico è viva e fortunatamente, si è sposata e conduce una vita normale. Lei ha fornito dettagli riguardo all’evento.”
    Aggiunse poi:
    Martin: “Fra i cardinali e la gerarchia ci sono satanisti, omosessuali, anti-papisti e cooperatori per la realizzazione di un nuovo ordine mondiale …”
    Fantascienza? Complottismo danbrowniano? Può darsi. Come può darsi che Martin fosse un mero ciarlatano. (continua)

    RispondiElimina
  24. (continua 3)
    Chiariamo però qualche fatto architettonico -artistico:
    La Cappella Paolina all’epoca di Pio XI era tutta ben allestita per la Reposizione. Negli anni ’60 sull’altare c’erano i ceri e il crocifisso. In alto al centro un riquadro con l’immagine della Vergine. Nel 1978 in una foto (Conclave di Giovanni Paolo II) l’immagine della Vergine è scomparsa e l’altare è spoglio, privo anche del crocifisso. Anche la cantoria è comparsa. Saranno tutte casualità? Nel 2009 viene riconsacrato l’altare, staccato dal muro, dopo un lungo restauro della Cappella.
    Qui di seguito un estratto dall’articolo di Caterina Maniaci pubblicato quest’oggi su Libero:
    30 giugno 2009. Viene presentata alla stampa la Cappella Paolina restaurata, nel cuore del Palazzo Apostolico Vaticano. Da molti anni chiusa e inutilizzata, sebbene presenti due affreschi di grandissima importanza artistica, dipinti da Michelangelo. Anche l’altare è stato tolto e ricollocato. La Cappella è anche il luogo dove si riuniscono i cardinali all’inizio del conclave, prima di spostarsi nella vicina Cappella Sistina per i giuramenti solenni e l’inizio delle procedure previste. Proprio su questo luogo grandioso, ma sconosciuto ai più, proprio sul fatto che l’altare fosse stato tolto e ricollocato erano circolate varie ipotesi, tra cui quella che l’altare e l’intera cappella fossero state riconsacrate, con un lungo rito, da papa Benedetto XVI. La riconsacrazione è prevista quando,in un luogo sacro, sono stati compiuti atti sacrileghi, blasfemi o violenti. Che cosa sarebbe potuto succedere, in quella cappella? Qualche giorno fa è uscito, in Italia, un libro scritto da due autori inglesi, Stephen Klimczuk e Gerald Warner di Craigenmaddie, intitolato “Guida ai luoghi più segreti del mondo” (Castelvecchi editore). Un volume che dedica molte pagine a Roma e al Vaticano. In esso si parla dettagliatamente della Cappella Paolina, indicato appunto come un luogo depositario di segreti. Gli autori citano, a loro volta, il vaticanista, insegnante ed ex gesuita Malachi Martin, molto noto negli Usa per numerosi best seller. Secondo Martin, infatti, raccontano gli autori, la Cappella Paolina «avrebbe bisogno di un esorcista piuttosto che di un restauro d’arte». Prima della sua morte nel 1999, il vaticanista rivelò che il suo romanzo, Windswept House (“La casa spazzata dal vento”) «era sostanzialmente basato su una cerimonia che si svolse realmente a Roma agli inizi degli anni Sessanta. Secondo il libro, alcuni ecclesiastici importanti, in completa segretezza e apostasia, celebrarono il 29 giugno del 1963, nella Cappella Paolina, un rituale funesto con lo scopo di “intronizzare Satana” per inaugurare “l’era di Satana”». Martin, poi, in altri saggi, ha sostenuto l’esistenza di congreghe sataniste in America, gestite da sacerdoti cattolici e – orrore nell’orrore – dediti alla pedofilia, il che si collegherebbe anche ai terribili casi scoperti e denunciati a partire dal 2000.”
    (nota mia: Si vuol conoscere che fine ha fatto Malachi Martin? Una disgrazia. È morto caduto dalle scale)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. continua 3 E’ possibile che il vero Paolo VI (magari buono e intenzionato a giovare davvero alla Chiesa) sia stato sostituito dalle gerarchie vaticane con un sosia massone, solo allo scopo di continuare l'opera di distruzione della Chiesa stessa iniziata dal suo predecessore?
      Secondo alcuni studi compiuti sulle immagini di Montini durante il suo "pontificato", esse apparterrebbero somaticamente a due persone diverse.
      La prova che il vero Paolo VI fosse stato sostituito ci viene, pare, da un'apparizione mariana che confermerebbe il tutto.
      "Questo impostore, a cui è stata data l'immagine del Papa, proporrà ed ammetterà un modo per compromettere il mondo. E' un programma diabolico per screditare il vero Vicario e per distruggerlo." - Nostra Signora delle Rose, 10 Aprile 1976
      "Il mio Figlio mi dice di rivelarvi una verità triste, ma che deve essere fatta conoscere all'umanità. Il Papa Paolo VI soffre molto nelle mani di quelli di cui lui si fida. Egli non può fare la sua missione. Lo hanno posto ad un livello basso. E' malato, lui è molto malato. Ora c'è un altro che ha preso il suo posto, un impostore, generato dalle menti degli discepoli di satana. Generato chirurgicamente, i migliori chirurghi sono stati usati per generare questo impostore. Io grido dai tetti! Deve essere deposto e rimosso. Da lui non ricevete la verità, il vero Vicario è prigioniero. Agostino Casaroli, condannerete la vostra anima all'inferno! Giovanni Benelli,
      che strada avete preso? Siete sulla strada per l'inferno e per la dannazione! Jean Villot, capo della malvagità, introito voi stesso fra quei traditori; non siete sconosciuti al Padre Eterno." - Nostra Signora delle Rose, 27 Settembre 1975.
      Ora io non è che creda molto a tanti mistici però lo scenario dipinto da questa signora di New York si attaglia molto all’atmosfera dipinta dalla Emmerick (piuttosto che a quella dei due papi attuali) e si attaglia più alla sconfortante atmosfera del Concilio Vaticano II visto che originò uno scisma all’interno della Chiesa).
      A metà degli anni '80 iniziò a circolare negli ambienti cattolici un opuscolo, intitolato Un prete dannato mette in guardia contro l'inferno, curato da Bonaventura Meyer, contenente le rivelazioni scaturite nel corso di un esorcismo praticato negli anni '70 da circa dodici sacerdoti (tra cui tre dottori in teologia e in diritto canonico) su di un'ossessa svizzera. Uno degli spiriti si rivelò essere un certo Verdi Garandieu, un prete finito all'inferno - vissuto nel XVII secolo - che possedeva il corpo della donna insieme ad altri demoni. «Garandieu» rivelò fatti sconcertanti inerenti la storia recente della Chiesa, tra cui il rapimento di Paolo VI (1897-1978), rinchiuso nei sotterranei del Vaticano e sostituito da un sosia al servizio della Massoneria

      Elimina
  25. continua 4
    Tutto quello che ho scritto sopra può sembrare pura immaginazione vero ?
    Ma che cosa si può vedere e constatare con i propri occhi?
    Confrontare le di fotografie e vedere se è sempre la stessa persona. guardare sempre il naso e i lobi delle orecchie (che la chirurgia estetica dell’epoca non poteva modificare) e confrontare sempre la lunghezza del naso in rapporto alla lunghezza dell’orecchio. . Paolo ha un naso lungo, dritto, più appuntito. L'impostore ha un naso più corto e rotondo.
    Poi si possono confrontare le impronte vocali che confrontando identiche parole di benedizione appaiono diverse come firme vocali.
    Le foto sono solo un tipo di prova fisica per distinguere l'identità. Altre prove fisiche comprende le impronte digitali, impronta vocale, accertamenti medici, ecc. Nel suo Umsturz im Vatikan? (Rovesciamento in Vaticano?), Kolberg presenta un'ulteriore prova dell'esistenza del papa impostore. Registrazioni vocali della "Urbi et Urbi" discorso latino di "Papa" sono stati effettuati in due diverse occasioni. Le due registrazioni sono state passate attraverso un analizzatore vocale di frequenza fatta da Kay Elemetrics di Pine Brook, New Jersey. Il tipo di output B/65 sonagram impronte vocali delle stesse parole pronunciate dal "Papa" in due occasioni dimostra che esse sono state fatte da due uomini diversi.
    Il male esiste da sempre, è inutile negarlo. E’ presente in ogni luogo e si fa largo dove esiste corruzione, terra fertile, persone che consapevolmente o inconsapevolmente si vendono l’anima al diavolo con le proprie azioni. E’ presente nella chiesa stessa, ma non dobbiamo meravigliarci perché nessun luogo è esente. In un celebre esorcismo Satana stesso affermò: “Se tutti i demoni fossero visibili, sarebbero così tanti da oscurare il sole.”

    RispondiElimina
  26. Se Satana mente sempre e quella riportata qui sopra è una sua affermazione, dev'essere falsa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mente sempre, ma durante gli esorcismi se il prete gli ordina in nome di Gesù Cristo che l'ha vinto, di dire la verità, deve dirla e nel dirla soffre perchè è umiliato....
      infatti se rivede quello che ho scritto sopra dico " In un celebre esorcismo Satana stesso affermò: “Se tutti i demoni fossero visibili, sarebbero così tanti da oscurare il sole.”

      Elimina
  27. Non concordo sul fatto che non si riferisca ad ora, perchè si riferisce a questo tempo, in cui il cattolicesimo si fa chiamare cattolico ma di fatto è in deriva protestante come dice la Beata C.Emmerick. E i 2 papi ci sono ora in contemporanea e visibili. Che poi Paolo Vi abbia avuto un alter ego sosia come suor Lucia di fatima pienamente d'accordo...e quindi tutto si spiega: tutto preparato un poco per volta.

    RispondiElimina
  28. “Vidi una forte opposizione tra due DUE PAPI… e vidi quanto funeste sarebbero state le conseguenze di una FALSA CHIESA… Essa diventava sempre più grande; eretici di ogni sorta arrivavano alla città di Roma; i chierici accrescevano il proprio lucro, vi era una grande oscurità... Vidi che la Chiesa di Pietro veniva minata dal piano di una SETTA”. .. Quando sarà prossimo il regno dell’Anticristo, comparirà una RELIGIONE FALSA, che andrà contro l’unità di Dio e della sua Chiesa. Questo causerà il più grande SCISMA mai visto nel mondo”.
    Non concordi sul fatto che si riferisca ai tempi di Paolo VI , e dici “perchè si riferisce a questo tempo, in cui il cattolicesimo si fa chiamare cattolico ma di fatto è in deriva protestante”Io ho molta fiducia nelle visioni della Beata C.Emmerick e ho letto la sua profezia che a volte è stata pure rimaneggiata per farla collimare ai tempi d’oggi. In qualche giornale, infatti, la frase che inizia con le parole “vidi una forte opposizione tra i due papi” a volte non riporta “forte opposizione” perché le immagini dei due papi che le tv ci hanno mostrato ce li mostrano in piena armonia tra di loro: si sorridonoi, si abbracciano, pregano insieme”…. E la frase con cui termina il primo capoverso “Vidi che la Chiesa di Pietro veniva minata dal piano di una SETTA” si attaglia perfettamente al piano della massoneria che fece grandi pressioni sul papa Pio XII che non si piegò, e poi su papa Giovanni XXIII che invece accolse le richieste di Jules Marx Isaac (un affiliato al B’nai B’rit) e i 10 punti del piano Seelisberg che furono alla base del cambiamento della liturgia. E C’è corrispondenza anche con quello che conseguì : lo scisma dei Lefevbriani. La Beata Emmerick vide anche la grande sofferenza dei sacerdoti costretti ad accettare un cambiamento antievangelico e di un sacerdote in particolare : immagino che sia stato, forse, padre Pio che aveva il voto dell’obbedienza e celebrare con il nuovo rito era per lui una sofferenza indicibile per cui chiese di essere dispensato portando come motivazione che non vedeva più bene data l’età e quindi gli si consentisse di continuare con il vecchio rito che conosceva a memoria… Per completare l’opera del C.V.II ci sono voluti tre papi … come dici tu “tutto preparato un poco per volta”. Un passo alla volta per arrivare alla nuova religione mondiale tanto bramata dalla massoneria e da papa Francesco.
    Poi tu commenti “E i 2 papi ci sono ora in contemporanea e visibili” ma la Beata Emmerick non ha detto che da tutti “si vedranno due papi” ma dice “Vidi una forte opposizione tra due Papi….” Le sue visioni del non riguardavano cose che avvenivano in pubblico ma nelle stanze segrete del vaticano.
    E che valore dare a Veronica Lueken la mistica della Madonna delle Rose a Bayside, New York che per l’appunto parlava del sosia ottenuto con interventi chirurgici? Che valore dare alle parole del prete Verdi Garandieu che parlò di questo durante un esorcismo tenuto da 12 prelati di alto livello?
    Papa Giovanni XXIII quasi svenne quando lesse il testo del segreto di Fatima ma rinunciò a svelarlo perché disse “non riguarda il mio pontificato” ( riguardava il prossimo pontificato che sarebbe venuto dopo il suo). E che ne pensi della profezia massonico satanica che si sarebbe avverata quando un papa avesse preso il nome di Paolo… Ho trovato questo in un articolo : “Stando al cardinale Malachi Martin si trattava di adempiere ad una profezia del satanismo moderno che annunciava l'avvio dell'era di Satana nel momento in cui un Papa avesse assunto il nome di Paolo. L'ultimo Papa Paolo fu Camillo Borghese, morto nel 1621. Il 21 giugno 1963 fu invece eletto papa il cardinal Montini che assunse il nome di Paolo VI. Martin quindi racconta che la notte fra il 28 e il 29 giugno del '63, a una settimana dall'elezione di Paolo VI, fu organizzato questo rituale satanico in Vaticano, con lo scopo di intronizzare Satana nel cuore della Cristianità”.

    RispondiElimina
  29. http://mail12a.webmail.libero.it/cp/ps/Mail/preview/PreviewFrameset
    Concordo pressochè su tutto tranne che su quanto dice che i 2 papi erano i 2 Paolo VI
    e questo perchè C. Emmerick dice dei 2 papi oltre a quanto da lei citato:" la chiesa di Pietro era minata da un piano elaborato dalla setta segreta..una strana chiesa...costruita contro ogni regola...non c'erano angeli a sorvegliare...in quella chiesa non v'era nulla che venisse dall'alto..la strana chiesa...niente di santo in essa....c'era qualcosa di orgoglioso presuntuoso e violento in tutto ciò ed essi sembrano avere molto successo...il Santo Padre..vive in un palazzo diverso da quello di prima e vi ammette solo un numero limitato di amici... (in proposito l'ipocrisia va di moda ma Benedetto ama anche il nemico x cui lo abbraccia con sincerità a somiglianza di Gesù)temo che..soffrirà molte altre prove prima di morire...la falsa chiesa delle tenebre sta facendo progressi...il Santo Padre è ancora nascosto per....può fidarsi di poche persone....è principalmente per questo che deve nascondersi (e non dica che Benedetto non si nasconde perchè è una presa in giro asserire che lui è libero di fare quel che vuole, dire, agire, daltronde lei ammette che già Paolo VI aveva un sosia, calcoli che un papa è stato ucciso morto, l'altro ferito...e le frecce ecc.lanciate a Benedetto, quindi un clima bollente dato che un Papa vero deve farsi da parte perchè nessuno lo ascolta ma resta Papa -un Papa è per sempre detto da lui stesso- ed un altro deve fare da papa? PERCHE' LUI NO? clima da ultimo atto)....devono (noi) pregare perchè la chiesa delle tenebre abbandoni Roma...vidi cose deplorevoli...pochi erano ancora pii...la Chiesa in grande pericolo...pregare perchè il Papa non lasci Roma..ora stanno pretendendo da lui qualcosa... la dottrina protestante e quella dei greci sismatici devono diffondersi... in maniera così astuta che rimangono a malapena un centinaio di sacerdoti non ingannati...."
    Mi dica lei quindi quali sono i 2 papi se non gli attuali.

    RispondiElimina
  30. io non ho certezze assolute. La cosa che ho scritto sopra mi sembra talmente diabolica !
    Ma a volte vado a sensazioni. E ho la sensazione che l'atmosfera cupa si attagli di più al Concilio Vaticano II e alla crisi che ha generato.
    Anche il fatto che Bergoglio dimori da un'altra parte.... sembra che vogliano ricalcare forzatamente la profezia della Emmerick per distogliere l'attenzione da quella voce ( del sosia di Paolo VI) che da un po' girava sul Web...Non è cosa da poco pensare che certe riforme siano state estorte ad un povero papa malato che firmava in stato di semi incoscienza imbottito di medicinali....
    Alcuni testimoniano che un Giorno Paolo VI protestasse per un cambiamento che c'era stato e chiese "ma perchè non si fa più la data cosa?" gli risposero "è Lei che l'ha voluto" e Paolo VI si mise a piangere...

    RispondiElimina
  31. e lei pensa che la cosa possa essersi fermata là? ... forse non ci vede bene nel seguito di quella crisi che ora è diventata disastro totale. Forse non ricorda che un Papa è morto, e si dice da voci varie assassinato, un altro si è cercato di farlo secco ma ha portato la pallottola a fatima e poi gli strali contro l'ultimo nostro Papa Benedetto non li conosce? e la situazione attuale di iniezioni di misericordina contemporanei a smantellamento dell'ortodossia non solo dei francescani dell'Immacolata forse non l'ha notata?

    RispondiElimina
  32. Non lo penso minimamente. Quello che è avvenuto nella chiesa con papa Giovanni XXIII (proseguito da Paolo VI e perfezionato da papa Giovanni Paolo II) è stato l’inizio dell’APOSTASIA (cioè cambio o stravolgimento di religione).
    Giovanni XXIII e la sua famosa esortazione “guardiamo quel che ci unisce e non a quel che ci divide” che sembra tanto un proposito buono e invece è satanico: Gesù ha detto «Non crediate che io sia venuto a portare pace sulla terra; sono venuto a portare non pace, ma spada. Sono infatti venuto a separare … quelli che aderiranno agli insegnamenti di Gesù da quelli che seguiranno altre volontà. Perché chi non è con la parola di Gesù è contro di lui e non ci sono vie di conciliazione. Chi non è con Cristo è “anticristo”. La religione ebraica è anticristica in assoluto e con quella religione non c’è alcuna possibilità di conciliare in quanto ci dividono le cose basilari.
    Papa Giovanni Paolo II e quel discorso fatto in sinagoga il 13 aprile 1986 . “L’odierna visita vuole … siano superati i vecchi pregiudizi e si faccia spazio al riconoscimento sempre più pieno di quel “vincolo” e di quel “comune patrimonio spirituale” che esistono tra ebrei e cristiani. (come si prefiggeva l’enciclica conciliare Nostra Aetate ) . al punto 4 della Nostra Aetate, tre punti sono specialmente rilevanti : il primo è che la Chiesa di Cristo scopre il suo “legame” con l’Ebraismo “scrutando il suo proprio mistero”. La religione ebraica è “intrinseca” alla nostra religione. Abbiamo quindi verso di essa dei rapporti che non abbiamo con nessun’altra religione. Siete i nostri fratelli prediletti e, in un certo modo, si potrebbe dire i nostri fratelli maggiori.Il secondo punto rilevato dal Concilio è che agli ebrei, come popolo, non può essere imputata alcuna colpa atavica o collettiva, per ciò “che è stato fatto nella passione di Gesù”. …
    Quindi Gesù si sbagliava quando ha denunciato pubblicamente i “vignaioli omicidi” che l’avrebbero ucciso di lì a pochi giorni avendoLo riconosciuto come l’”erede della vigna” venuto a sottrarre ai cattivi gestori il “regno del Padre” da cui non avevano prodotto frutti. Gesù ha perdonato coloro che ignoravano chi stavano uccidendo, loro gli ebrei giudei-farisei Gesù li ha denunciati a chiare lettere e non perdonati; si perdonano i pentiti non quelli che si vantano a tutt’oggi di “ aver appeso giustamente quello lì”.
    L’Apostasia iniziata in quegli anni in cui il “fumo di satana” si è infiltrato in Vaticano vuole completarsi con l’unione delle due religioni :l’ebraica e la cristiana. È chiaro come la luce del sole che papa Bergoglio ha questa finalità; lo ha dimostrato nel suo viaggio in terra Santa con il portare una corona di fiori sulla tomba del fondatore del sionismo e gli onori che ha tributato agli attuali capi di Israele.
    Copio e incollo un interessante articolo per far capire in pieno quello che ho detto :
    I "cristiani sionisti" di Elisa Pinna
    Insediati da alcuni decenni nella città santa, i cosiddetti cristiani sionisti predicano il ritorno del Messia che avverrà alla fine dei tempi e sostengono le frange più oltranziste d'Israele contro la minaccia dell'«impero dell'islam».
    Da alcuni decenni è arrivato a Gerusalemme un altro cristianesimo, che ha ben poco a che spartire con le Chiese storiche e la comunità cristiane di Israele e Palestina. Si fa chiamare cristianesimo
    sionista e si è insediato nella città santa, ostentando molti mezzi e un obiettivo preciso: aiutare gli ebrei a tornare in possesso della loro terra nei confini che la Bibbia indicherebbe, per accelerare in tal modo la fine dei tempi, l'Armagheddon e il ritorno di Gesù. Si tratta di una diramazione dell'evangelismo protestante più radicale, intrecciata con alcune delle sette più inquietanti e visionarie.
    È un cristianesimo organizzato e militante, che identifica la propria missione religiosa con gli obiettivi delle forze più oltranziste di Israele e degli Stati Uniti.

    RispondiElimina
  33. continua 1) Con il suo spirito di crociata rischia di fomentare ulteriori rancori e di mettere a repentaglio la comunità araba cristiana locale e il suo ruolo di dialogo e mediazione.
    Costituisce un pericolo talmente insidioso che alcuni capi delle Chiese cristiane di Gerusalemme hanno deciso, il 22 agosto scorso, quando la guerra in Libano era appena terminata, di redigere un documento congiunto di condanna. Il testo è firmato dal patriarca latino Michel Sabbah, dal patriarca siro-ortodosso Saverios Malki Mourad, dal vescovoanglicano Riah Abu El Assal e dal vescovo luterano Munib Younan. «Noi rigettiamo categoricamente - si legge nel documento - le dottrine del sionismo cristiano come insegnamenti falsi che corrompono il messaggio biblico di amore, riconciliazione e giustizia».
    «Il programma sionista cristiano - spiegano i capi religiosi cristiani di Gerusalemme - contiene una visione del mondo in cui il Vangelo è identificato con l'ideologia imperialista, colonialista e militarista. Nella sua forma estrema, pone l'enfasi su eventi apocalittici che conducono alla fine della storia piuttosto che sull'amore e la giustizia del Cristo vivo oggi».
    «Rifiutiamo inoltre - proseguono i leader religiosi -l'attuale alleanza tra i capi e le organizzazioni dei sionisti cristiani e settori dei governi di Israele e degli Stati Uniti che oggi impongono i loro confini preventivi e unilaterali così come impongono il loro dominio sulla Palestina. Ciò porta inevitabilmente a cicli di violenza senza fine che minano la sicurezza di tutti i popoli del Medio Oriente e del resto del mondo».
    Le parole di mons. Sabbah e degli altri tre capi religiosi lasciano pochi dubbi: nelle comunità storiche cristiane della Palestina i cristiani sionisti sono percepiti come uno scandalo e una provocazione. Se l'espansionismo delle sètte a livello internazionale costituisce una delle principali preoccupazioni pastorali della Santa Sede e di altre Chiese storiche, l'ombra del fanatismo religioso cristiano, che si allunga anche sulla Terra Santa, rischia di portare ad ulteriori tragedie e violenze, e non solo moltiplicare proselitismi e rivalità religiose.
    Ben diversa è però l' immagine dei cristiani sionisti nella società ebraico-israeliana, dove, col passare degli anni, si sono accreditati come un interlocutore privilegiato ed hanno acquisito potere, meriti, alleanze. L'ottobre scorso, l'Ambasciata cristiana internazionale di Gerusalemme (Icej), quartier generale e motore del cristianesimo sionista in Israele, è riuscita a far affluire nella città santa, per una settimana, oltre 5 mila sostenitori da 80 diverse nazioni, anche se in maggioranza nordamericani. Si è trattato del più grosso raduno di visitatori stranieri in Israele durante il 2006, un anno che, con la guerra in Libano, ha visto rallentare del 40 per cento il tradizionale turismo della diaspora ebraica e precipitare quasi a zero i pellegrinaggi religiosi di cattolici, ortodossi e protestanti. La grande manifestazione dei cristiani sionisti ha portato un incasso di oltre 15 milioni di dollari nelle casse dell'economia locale ed ha occupato 16 mila notti di posti letto negli alberghi fino ad allora semivuoti di Gerusalemme. Tanta mobilitazione non è stata per rimarcare qualche ricorrenza del calendario liturgico cristiano, ma per celebrare, insieme e in solidarietà al popolo ebraico «minacciato dall'impero dell'Islam», la festa del Sukkot, o delle Capanne, che rievoca la traversata del deserto, prima di arrivare nella Terra Promessa. Nella settimana di festeggiamenti, la folla di devoti, in un tripudio di bandiere a stelle e strisce e con la stella di Davide, di berretti da baseball e cappelli da cowboys, si è accalcata sulle rive del Mar Morto, ha risalito i tornanti verso Gerusalemme tra gli scenari drammatici del deserto, ha sciamato nei vicoli del vecchio quartiere ebraico e tra le strade della parte ovest israeliana della città, ha pregato davanti al Muro del Pianto.

    RispondiElimina
  34. continua 2) Tuttavia, a marcare ulteriormente l'abisso che vi è con le altre Chiese cristiane, ben pochi cristiani sionisti si sono affacciati nel Santo Sepolcro, quasi che questo luogo, pietra angolare della fede cristiana, fosse loro del tutto indifferente.
    Le celebrazioni si sono concluse con un intervento del primo ministro israeliano Ehud Olmert. «Questo è stato un anno molto difficile per noi», ha esordito il premier. «Dio vi benedica – ha continuato - per il tipo di amicizia che ci offrite, che è particolarmente significativa per il popolo di Israele, in questi terribili tempi. Noi abbiamo avuto il coraggio di affrontare i nemici dello Stato di Israele, principalmente grazie ad amici come voi», ha scandito tra gli applausi di un auditorio esaltato. I cristiani sionisti, in passato, sono stati sottovalutati dalla Chiesa cattolica e dalle altre comunità cristiane, quasi fossero solo una delle tante schegge impazzite del radicalismo evangelico nordamericano. In realtà il cristianesimo sionista rappresenta una lobby politico-religiosa che, dagli anni Settanta, si è rivelata capace di condizionare la politica mediorientale delle amministrazioni americane in chiave acriticamente filo-israeliana. Nella visione apocalittica dei cristiani sionisti, che sognano il dominio dello Stato ebraico sulla Palestina - su tutta la Palestina - come condizione per l'avverarsi delle profezie bibliche, si identificano circa 25 milioni di evangelici fondamentalisti negli Stati Uniti, su un totale di 120-130 milioni di protestanti. Sono concentrati negli Stati del Sud, galvanizzati dalla rete mediatica di telepredicatori come Pat Robertson, Franklin Graham, Jerry Falwell. Quest'ultimo ama affermare che la «Bible Belt (la cintura della Bibbia costituita dagli stati meridionali degli Usa) è la rete di sicurezza per gli israeliani». Innanzitutto perchè finanzia economicamente le colonie ebraiche nei territori e il rientro degli ebrei della diaspora in Israele. In secondo luogo, perché possiede un peso enorme nel potere decisionale della politica estera americana, dato che il presidente George W. Bush è stato eletto in entrambi i mandati con il voto determinante della destra evangelica e del sionismo cristiano. Dagli Stati Uniti, seguendo il percorso delle sètte, il cristianesimo sionista si è propagato in America Latina, in Africa, in Corea
    del Sud. L'Icej, che coordina sin dal 1980 l'attività politica, religiosa, assistenziale della multinazionale del cristianesimo sionista, si trova in una bella palazzina ottocentesca a due piani di Gerusalemme Ovest, a poche centinaia di metri dalla residenza di Olmert.
    I circa 50 funzionari dello staff, nella quasi totalità statunitensi, si occupano di gestire i fondi destinati alle colonie ebraiche, a sostenere l'alya (il rientro degli ebrei in Israele), ed ora la ricostruzione della Galilea, dopo la guerra con gli Hezbollah. L'Icej lavora come un ente parallelo ai dicasteri israeliani e alle organizzazioni ebraiche. Gode di uno status privilegiato. A suggellare l'importanza del cristianesimo sionista, il Jerusalem Post, l'autorevole quotidiano conservatore israeliano, ha deciso di lanciare un mensile, il Jerusalem Post Christian edition, in collaborazione con l'Icej. «Vogliamo costruire un ponte tra la nazione ebraica e il popolo ebraico da un lato e il mondo dei cristiani dall'altro», ha spiegato nel primo editoriale, Moshe Bar-Zvi, presidente e amministratore delegato del giornale. Dove per mondo cristiano, sfogliando la rivista, si intende quello dei telepredicatori statunitensi e dei fondamentalisti evangelici. Delle comunità cristiane che da duemila anni vivono in Terra Santa, delle Chiese cattoliche, ortodosse e riformate ovviamente non vi è traccia.

    RispondiElimina
  35. Faccio una rapida ri-comparsa, per operare una doverosa RIPARAZIONE PUBBLICA di un errore sostenuto in più di una delle "piazze" di questa "città".
    Ed uso le stesse parole usate per fare la medesima RIPARAZIONE in un'altra "città", quella di qelsi

    http://www.qelsi.it/2014/sta-sorgendo-la-nuova-chiesa-lo-dicono-pure-alla-feltrinelli/comment-page-2/#comment-93414

    Sia Lodato Gesù Cristo,
    sia lodata Maria Santissima che è Divina,
    Perfetta, Vergine, Santa Maria di Guadalupe.

    Era il 20 maggio scorso quando formulai, nel rispondere ad un negatore della verità e ad un calunniatore e diffamatore come lo sono le tante “voci nere” al servizio del nemico nostro e di Dio, l’affermazione seguente:
    “Sei liberissimo di credere a quello che vuoi, Luca: persino all’inganno del Falso Agnello travestito da “Papa”. ”

    Nel formulare quell’affermazione ero caduto in un errore GRAVE: nell’errore che il Falso Agnello e Bestia della terra si sia GIA’ seduto sul Trono di Pietro.
    Così, invece: ANCORA NON è.
    Perché Bergoglio, pur “uomo iniquo” e quindi, per definizione, NON Papa: tuttavia NON è il Falso Agnello.
    Ma è, così come rivelato da Gesù a Conchiglia già otto giorni dopo la sua “non elezione” nel “non Conclave”: il Falsario e l’Innominato, oltre che “vicario di lucifero” e “Vicario dell’Anticristo”, e precursore del medesimo.

    Opero quindi la doverosa correzione e smentita rispetto all’errore GRAVE da me fatto.

    Maranathà

    Vieni Spirito Santo. Lo Spirito Santo viene.
    Vieni Signore Gesù. Il Signore Gesù viene.

    RispondiElimina
  36. Lo Spirito Santo elegge un solo papa per volta, che rimane fino alla sua morte. Chi prende il suo posto prima della sua morte e’ un’impostore (FATIMA) .
    Lo Spirito Santo ha tanti mezzi per cambiare o alternare un Papa ad un altro . SE IL RAPPRESENTANTE DI DIO IN TERRA NON E' PIU' ALL'ALTEZZA O NON E' ABILE O E' MALATO E NON PUO' PIU' PORTARE IL FARDELLO , DIO , CHE SA IL FATTO SUO MEGLIO DI QUALSIASI ALTRO ESSERE DELLA TERRA E DEL CIELO , PROVOCANDO UNA MALATTIA MORTALE, LO CHIAMA A SE' IN CIELO .
    E' O NON E' SIGNORE DELLA VITA E DELLA MORTE ?
    E' O NON E' L'ESSERE PIU' INTELLIGENTE E PERFETTO DELL'UNIVERSO ?
    SOLO CHI NON HA FEDE IN DIO E NON LO CONOSCE , PUO' SOSTENERE CHE UN PAPA SI POSSA DIMETTERE !
    CARDINAL RATZINGER HA SOSTENUTO QUESTA TESI (DELL'IMPOSSIBILITA' DI UN PONTEFICE DI DIMETTERSI) NELL'INTERVISTA CONCESSA A BRUNO VESPA SUBITO DOPO LA MORTE DI WOJTILA E PRIMA CHE FOSSE ELETTO PAPA .
    QUESTO ARGOMENTO , MI PARE, TAGLIA LA TESTA AL TORO E FA INTUIRE TANTE COSE , TROPPE COSE SPIACEVOLI !

    RispondiElimina
  37. Nel basamento che sostiene la nuova statua di S.Michele Arcangelo nei giardini Vaticani, voluta da Benedetto XVI, sono stati scolpiti due stemmi papali, quello del Papa Emerito e del Papa Regnante, ma uno sta dalla parte del Nemico e l'altro dalla parte dell'Arcangelo (sono cioe' uno sotto il capo di Lucifero e uno sotto il capo del Principe delle Milizie celesti). Qualcuno ha delle foto al riguardo?

    RispondiElimina
  38. Perché Dio tiene ancora in vita Papa Emerito Benedetto XVI ? Probabilmente perché il ruolo di Benedetto non è ancora concluso ! Chissà quali piani ha Dio nel prossimo futuro per il suo rappresentante in terra , ma quasi certamente non quello di metterlo in quiescenza e di finire la sua vita in un eremo di preghiera ... Potrebbe ripassare da emerito a Papa effettivo per esempio . Le vie del Signore sono imperscrutabili e ignote ai più ...

    RispondiElimina
  39. Invito tutti a leggere il libro "Avvisi dall'altro mondo sulla Chiesa del nostro tempo" di Bonaventura Meyer. Si trova facilmente in PDF su google. A parte la prefazione un po' noiosa, il resto del libro si divora in poche ore. Ci sono testimonianze di vari esorcismi in cui i demoni su ordine supremo della SS Vergine Maria confessano i loro diabolici piani per distruggere la chiesa e danno numerosi moniti ai laici ed ai preti che con il loro "modernismo" contribuiscono a distruggere la chiesa e mandare all'Inferno una moltitudine spaventosa di fedeli fuorviati dai loro insegnamenti sbagliati.

    RispondiElimina