22 marzo 2016

La vita nell'Universo.

Oggi ho assistito ad una conferenza sulla ricerca della vita nell'Universo.
Partendo dal progetto ambizioso e forse un po' ingenuo chiamato SETI, con l'esplorazione di diverse zone della nostra Galassia tramite radiotelescopi per cercare eventuali segnali radio segno della presenza di intelligenza extraterrestre, considerato che dopo quasi 50 anni il risultato è stato 'niente di niente', per dirlo con le stesse parole usate dal conferenziere, si è passati alla ricerca di forme di vita elementare in pianeti o satelliti che orbitando attorno alle loro stelle nelle zone 'che potrebbero permettere la vita' sono candidati allo scopo. 
 
Ad oggi sono stati scoperti almeno 200 pianeti che simili alla Terra per condizioni fisiche, presenza di acqua liquida, atmosfera e temperatura non estrema, potrebbero ospitare la vita. Si pensa che nella nostra Galassia ce ne siano intorno ai 4 miliardi. E si è stimato che nel nostro Universo dovrebbero esserci intorno a 5 mila miliardi e forse più di pianeti abitabili...

Bisognerebbe però mettersi d'accordo su cosa sia la vita: non si può certo intendere il mattoncino Lego di cui ha parlato il conferenziere, bensì un organismo capace di prosperare e riprodursi, anche se relativamente semplice come può esserlo un batterio. Il problema è perciò trovarla questa vita, anche se allo stato elementare. Che sia stato rinvenuto qualche aminoacido nell'acqua delle comete non significa che questo sia una prova della sua esistenza. Infatti perchè ci sia una tale conferma, almeno nelle forme più semplici che conosciamo, sarebbe necessarie per lo meno rinvenire le proteine, che sono strutture  molto complesse formate con gli aminoacidi, e poi tutto il resto, DNA, cellule, e sistemi  organizzati per uno scopo e provvisti di organi quali quelli di moto, ecc...

Ma oltre a questo fatto mi veniva di pensare che il presupposto delle teorie evoluzioniste, quelle che escludono a priori ogni possibile intervento divino nell'insorgere della vita, essendo del tipo 'basta aspettare abbastanza tempo e se le condizioni ambientali sono adatte, prima o poi dei mattoncini si assembleranno per caso e faranno nascere  una primordiale forma di vita da cui poi col tempo e grazie alla selezione naturale deriveranno tutti gli altri organismi più complessi', contiene in sé un problema grave e non risolto e cioè che la probabilità che questo succeda per caso nel tempo di vita dell'Universo è risibile e praticamente nulla, a meno che non esista una legge naturale che favorisca questo assemblaggio spontaneo della materia inorganica e organica per formare strutture complesse, funzionanti e vitali.

In definitiva, a meno come detto dell'esistenza di questa ulteriore legge che renda probabile l'insorgenza spontanea della vita, la ricerca di vita nell'Universo sembrerebbe non avere i presupposti logici e sia quindi destinata a fallire, lasciandoci con la delusione e la presa d'atto di essere completamente soli: infatti se la nascita della vita dovesse veramente essere basata solo sul caso (fortuito) allora è molto probabile che noi potremmo anche essere l'unica forma di vita di tutto l'Universo o, se volete, anche se fosse spuntata qualche altra volta magari in una zona remota dello spazio o del tempo, la probabilità di trovarla sarebbe praticamente zero.
Paradossalmente forse avrebbe allora più senso una ricerca del genere partendo dal presupposto che è stato Dio a creare la vita o le leggi che ne permettono l'insorgenza: infatti la vastità dell'Universo porterebbe subito dopo a pensare che Egli, avendolo voluto così grande, non si sarebbe potuto limitatare alla sola Terra per farla nascere.

4 commenti:

  1. Forse l'ha voluto così grande per darne un giorno in eredità ai suoi eletti...''...bene, servo buono e fedele...''

    RispondiElimina
  2. se qualcuno si degnasse ancora di leggere la genesi si accorgerebbe che
    l'uomo e'stato creato per vivere sulla Terra,cioe'la sua struttura molecolare,il suo dna la sua costituzione come unita'carbonio e'compatibile solo con l'atmosfera terrestre:un esempio? la Cristoforetti che ha passato non so quanti mesi nello spazio presentava decalcificazione delle ossa per assenza di sole(vit d3 ha bisogno di sole perche'sia attiva per fissare il ca)decadimento della
    struttura muscolare per assenza di gravita'e tante altre complicazioni fisiologiche...ma di che cosa stiamo ancora parlando?
    Anche se esistessero ulteriori pianeti compatibili con la vita umana
    non sarebbero mai UMANAMENTE raggiungibili!!!Gene Rodenberry altro non era che un massone con un progetto ben preciso:inculcare nell'uomo
    il concetto che con la tecnologia avrebbe superato ogni limite
    eliminando anche la figura stessa di Dio,dove la nuova morale viene espressa unicamente dalle direttive della confederazione...che DIO abbia pieta'dell'anima sua!!!Tutta questa frenetica corsa su Marte e ricerca di vita nello spazio oltre che aver costi inimmaginabili non sono altro che la continuata sfida dell'uomo che vuole farsi Dio:il cospiratore e'sempre lo stesso,lucifero alias satana,i burattini,gli uomini!

    RispondiElimina
  3. Riporto questo interessante suono emesso da un pianeta:Giove e il sito per ascoltarlo:
    http://www.centrometeoitaliano.it/astronomia-spazio/nasa-registrato-un-misterioso-suono-proveniente-da-giove-e-un-suono-infernale-03-07-2016-41200/?refresh_cens
    Potrebbe essere, Giove, un pianeta che ospita l'inferno? Quando penso all'universo, ai pianeti, alle stelle, allo spazio, lo penso popolato, anche se da spiriti, Angeli e Demoni e anche anime umane, in attesa del giudizio finale, quando verranno uniti anche al corpo risorto. L'Universo, come spazio e materia, vivo e vivibile, ora e per l'eternità, con tutta la fantasia creatrice e trasformante di Dio, che dispone tutto in modo sapiente, ogni singolo elemento, interdipendente e connesso all'Universo, ma dove regna ordine, quindi il Male relegato, isolato, come in un pianeta inospitale, mentre le anime redente e gli Spiriti Fedeli a Dio, luminosi, brillanti come stelle nel firmamento.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Potrebbe essere, Giove, un pianeta che ospita l'inferno?" - che domanda ...e perchè mai dovrebbe esserlo? Fra l'altro en passant dal video di cui riporta il link non mi pare che si senta nessun 'suono' infernale...

      Elimina