Don Minutella e il Decimo Toro

Da qualche tempo seguo due canali YouTube: quello del ‘piccolo resto’ di Don Minutella e quello del ‘Decimo Toro’. 

Don Minutella è un sacerdote che dal alcuni anni critica aspramente la gestione attuale della Chiesa cattolica, mettendo in evidenza il fatto che Bergoglio per quello che dice e fa è manifestamente un falso Papa e che il vero Papa è Benedetto XVI. Per questo ha ricevuto ben due scomuniche ed è stato privato dello stipendio, ma lui lungi dal demordere continua la sua battaglia ed è seguito su you tube da un discreto numero di fedeli, che lui chiama ‘il piccolo resto’. Io lo ammiro perché è uno dei pochi preti veramente coraggiosi che ci sono in circolazione, uno che dice cose veramente cattoliche e che non fa certo i discorsi rinunciatari, insipidi, quando non infarciti di politicamente corretto, che per viltà e paura fa una buona parte dei suoi confratelli.

Stesso discorso, per il ‘Decimo Toro’, ma su un versante più laico. Costui è un maestro elementare dotato di grande cultura, fa discorsi intelligenti sui tempi attuali e il suo scopo è quello di aprire gli occhi della mente alle persone che lo ascoltano, mettendo in evidenza gli inganni perpetrati dal Potere - soprattutto quello occulto, massonico, che è poi quello vero -, che per mezzo dei suoi tentacoli ‘satanici’, cioè tramite i mass media asserviti che purtroppo costituiscono la maggioranza dei mezzi di ‘informazione’, propala menzogne e ottenebra le menti con lo scopo di formare un unico governo mondiale, in cui ci sia un' unica religione miscellanea di tutte le religioni, e quindi una falsa religione, e in cui comandino gli Illuminati, oramai i veri padroni della finanzia mondiale. Anche lui ha un discreto seguito di follower sul suo canale you-tube, circa quarantamila. 

Ovvio che due persone così, che battono sugli stessi tasti, che cercano di svelare gli inganni del potere civile ed ecclesiastico massonico, alla fine si siano conosciuti e che ormai sul tema cruciale ‘Bergoglio falso Papa’ collaborino e dicano le stesse cose. Naturalmente, come è successo a Don Minutella e come accade a tutti quelli che fanno discorsi anti-sistema e che scoprono gli ‘altarini’, puntuali sono arrivate le minacce, gli insulti e le intimidazioni da parte dei bergogliani e finanche attacchi malevoli da parte di alcuni movimenti tradizionalisti che invece dovrebbero stare dalla loro parte e che invece sparano 'fuoco amico'.

A queste due persone coraggiose esprimo la mia solidarietà e la mia stima: in futuro prenderò possibilmente spunto da alcuni temi da loro trattati per rilanciare e scrivere alcuni post con le mie considerazioni, cercando così di dare il mio piccolo contributo alla buona battaglia.
Invito intanto i miei pochi lettori a seguire possibilmente i loro interventi su you-tube, di questi tempi vale veramente la pena ascoltare e sostenere delle persone coraggiose che  fanno aprire gli occhi su le tante cose incredibili che stanno accadendo in questi periodi di menzogna, tempi veramente  diabolici.

15 commenti:

  1. ENTRAMBI FALSI PROFETI ... NON SIATE COME PECORE MATTE
    questa gente è più pericolosa di chi tace

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perché falsi profeti non è lecito saperlo...basta la sua sentenza, vero?

      Elimina
  2. Gentile Professore, buonasera :)
    Per commentare le sue considerazioni ci vorrebbe molto tempo, ovvero scrivere un bel papiro lungo un metro, oltre che una visione di insieme che, a mio parere, solo Dio Onnipotente ha, e che ovviamente io non ho.

    Cioè mi limito ad esprimere il mio pensiero e il mio 'sentire', consapevole che è una visione parziale, forse piccola.

    Penso che i problemi principali siano fondamentalmente 2 : la mancanza di Fede e la mancanza di formazione dottrinale. Questi 2 tarli - mi conceda la metafora banale - corrodono ed indeboliscono sia il clero che i laici, soprattutto in Europa.

    Per Fede, intendo quello che la Chiesa ci propone a credere, ovvero il Credo Simbolo Apostolico e il Catechismo di sempre, ovvero i Sacramenti, ovvero la presenza reale di Gesù Cristo Nostro Signore nella Eucarestia.

    Per formazione intendo, il Catechismo, la Tradizione e il Magistero, l'ABC della Fede e Dottrina Cattolica : la Bibbia, il peccato originale, i Profeti, l'antica Alleanza, l'avvento del Messia Cristo nella persona/Dio Gesù Cristo, nato da Maria Vergine, il Vangelo e l'invito alla conversione, la fondazione della Chiesa apostolica, la predicazione, le persecuzioni, i Sacramenti e la loro efficacia, la Grazia, la potenza e l'efficacia della preghiera, ecc.

    Nella storia della Chiesa ci sono stati periodi con 2 papi - semmai questa esprssione/ossimoro fosse possibile - un periodo addirittura con 3 èaèi....addirittura c'è stato un periodo senza papa, durato circa 19 anni !
    E che dovevano fare i fedeli di quel tempo ?

    Mi domando : ma allora come fecero i cattolici a quel tempo ? Tipo col papa ad Avignone ? o i cattolici del prima Lutero, come facevano ? tra gli sfarzi e figli illegittimi dell'alto clero ? Che dovevano fare ?!? Dovevano perdere la Fede ? Dovevano disperarsi ?!

    Questo è il bello della Fede Cattolica : che ciascuno di noi, a partire dal papa, fino all'ultimo battezzato, è personalmente responsabile davanti al Signore.
    Quando saremo davanti al Suo Trono, io non sarò in compagnia di nessuno, sarò solo, solissimo, con appresso le mie opere, parole, azioni ed omissioni, io, solo solissimo : senza mia moglie e figlie, senza cognati ed amici, senza parroco, senza datore di lavoro. L'unico sarà l'Angelo Custode, che sarà mio testimone, del bene e del male che ho fatto, e dirà, se Dio vuole, i miei attenuanti e miei aggravanti...tutto quì.

    Voglio dire, ciascuno di noi dovrebbe sapere esattamente cosa fare, in ogni caso : se una domenica di giugno, se ne viene il parroco con la camicia a fiori, le infradito e il pallone sottobraccio e ci dice "Andiamocene tutti al mare ! "...che faccio, ci vado ? Certo che no ! Da cattolico formato, so esattamente cosa fare !

    Quindi non capisco perchè prendersela tanto professore, come se la Chiesa fosse distruttibile : la Chiesa è la Sposa di Cristo, Lui l'ha voluta e Fondata, Lui l'ha riempita e rinvigorita di Santi, anche oggi, Lui la ama più di tutti noi messi insieme ! Perchè prendersela tanto ?
    Chi sbaglia, certo pagherà davanti a Dio...perchè, ha dubbi su questo ?

    Il mio dovere personale, di singolo battezzato, rimane immutabile in ogni caso e situazione : anche se tutti si impazzissero e si dessero le martellate sui piedi, che devo fare, me le devo dare pure io ? No !

    Le consiglio di ascoltare anche Don Leonardo Maria Pompei e Don Pierpaolo Maria Cilla, così, tanto per sentire qualche altra campana. ;)

    Il Signore vi dia pace ! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vorrei farle una semplice domanda: Ma nella storia della Chiesa ha mai trovato qualche Papa, anche tra quelli che si comportavano male, che come Bergoglio abbia parlato in maniera così irriverente della Trinità (‘le persone divine litigano tra loro’), di Gesù (‘faceva un po’ lo scemo’, ‘era poco pulito’) e della Vergine Madre (‘ai piedi della Croce ha pensato ‘sono stata ingannata’)? Credo proprio di no!
      Il vero problema è capire se Bergoglio è un vero Papa oppure no. Anche ammesso e non concesso che tutti i ‘vizi’ canonici che hanno portato alla sua elezione fossero inconsistenti, basterebbe il suo comportamento e le cose che dice per far capire che Papa non è.
      E se non è Papa allora sta ingannando i fedeli e sta cercando di distruggere la Chiesa. E’ questo il vero problema che ci si dovrebbe porre.
      Lo so che Cristo disse ‘non prevalebunt’ ma ciò non significa che la Chiesa non ha dovuto passare o non subirà pericolii, tanto più se vengono dal suo interno , e non basta quindi dire ‘ognuno è responsabile dei propri atti davanti a Dio’, sembra quasi un atteggiamento di chi si lava le mani, non va bene cosi, perché non possiamo stare muti mentre le anime si perdono, bisogna cercare di correggerle se no si fa un peccato contro la Carità.
      Lei dice: “Voglio dire, ciascuno di noi dovrebbe sapere esattamente cosa fare”, dovrebbe ma ci sono fedeli che non hanno la preparazione che avevano i fedeli di un tempo, adesso l’insegnamento cattolico si è molto annacquato, si è relativizzato, grazie anche al Concilio Vaticano II, e quindi se si sentono dire castronerie da parte di preti vescovi o papi, pochi se ne accorgono e magari trovano motivo per giustificare un condotta di vita peccaminosa senza crearsi problemi. Fra l'altro lo stesso Bergoglio parla sempre di problemi di quaggiù e raramente delle cose celesti, e se lo fa nella maggior parte dei casi le dissacra.
      Lei afferma: “ciascuno di noi, a partire dal papa, fino all'ultimo battezzato, è personalmente responsabile davanti al Signore. Chi sbaglia, certo pagherà davanti a Dio...perchè, ha dubbi su questo ?”

      Scusi, da dove evince che io avrei dubbi sul fatto che ‘chi sbaglia pagherà? E’ ovvio che tutti pagheremo e fino all’ultimo spicciolo, ma pagheremo anche e soprattutto per aver mancato di salvare i fratelli dalla dannazione eterna pensando solo alla nostra di salvezza!

      Elimina
  3. Grazie per la risposta schietta e veloce.

    Forse mi attribuisce più cultura e più menefreghismo di quanto ne abbia.

    Il mio intervento, invece, era proprio impiantato sulla semplicità che spero non sia stata scambiata per "semplicioneria"; voglio dire, da francescano, mi capisca la prego :
    sì, San Francesco d'Assisi ha fondato un Ordine bellissimo, fedele al Papa e alla Chiesa (per favore, un pò di storia della Chiesa ! ) , raccogliendo consensi tra i ricchi e nobili, tra i poveri, colti e ignoranti - vivente lui stesso - con migliaia di seguaci, dalla Polonia alla Scozia, al Portogallo, con devoti che erano Re e teologi....insomma mi ha capito, ma quello che voglio dire, la cosa veramente strepitosa che ha fatto San Francesco, l'unica cosa in realtà, è stata convertire se stesso !
    San Francesco NON ha fatto nulla di eccezionale, quello che veramente ha fatto di meraviglioso e giusto e grande ed eccezionale è stato convertire se stesso, tutto se stesso, cuore, mente, corpo anime tutte alla ricerca del Signore, del suo regno e vivere il Vangelo in modo radicale.....capito la tesi che voglio sostenere ? I Santi hanno semplicemente convertito se stessi, perchè tutto il resto lo fa il Signore, non gli uomini....mi spiego ?

    Certo che ho a cuore il bene della Chiesa e delle anime che mi circondano ! ..... ma se non converto prima di tutto me stesso, tutti i giorni, ogni giorno, come mai potrò aiutare la Chiesa ? ...ricorda la dottrina della Comunione dei Santi ?

    Se io converto ogni giorno la mia persona alla Fede, alla Speranza e alla Carità, all'umiltà, non potrò mai essere di alcun aiuto nè alla Chiesa, nè al mio prossimo. Mi spiego ? E questo vale per ciascun battezzato.

    E certo che i cattivi esempi - a tutti i livelli - logorano e scandalizzano : ma da francescano, che dovrei "baciare gli zoccoli del cavallo che porta un sacerdote, anche se fosse un pubblico peccatore" (Ammonizioni di san Francesco), proprio non me la sento affibbiare etichette a nessuno. E questo non lo scambi per buonismo o menefreghismo, la mia è solo prudenza e rispetto dello Spirito Santo.

    Come ben sa, il fai-da-te ha dato solo eretici, l'obbedienza ha dato i Santi: noi cattolici non facciamo il fai-da-te ma l'obbedienza, che porta dritti-dritti in Paradiso.

    Il Papa è il Papa, stop : io lo devo comunque rispettare, e perchè è un uomo, come me, e perchè è il Papa, e perchè me lo dice la Chiesa e la Dottrina, stop. Se sproloquia o è maldestro/infelice nell'esprimersi o la vecchiaia lo sta facendo rimbambire, non è un mio problema : io, da cattolico formato, vado avanti lo stesso per la mia strada, che il Signore Gesù mi ha indicato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lei dice: “I Santi hanno semplicemente convertito se stessi, perchè tutto il resto lo fa il Signore, non gli uomini....mi spiego ?” . Vera la prima parte, ma la seconda è vera solo se c’è la partecipazione attiva del Santo secondo l’imperativo “evangelizzate!”. E così per tutti noi.
      Inoltre lo sa che in “Fratelli tutti” di Bergoglio la figura di San Francesco secondo alcuni storici non corrisponde alla realtà? Bergoglio ne ha fatto un santino secondo uso e consumo dei suoi ragionamenti.
      Io non mi scandalizzo del cattivo esempio dei consacrati, sono uomini hanno le loro debolezze o difetti di tutti. Quello che non posso accettare è l’annacquamento o il travisamento della Dottrina che viene fatto in maniera sottile e continua dal Concilio Vaticano II in poi e che porta alla perdizione delle anime.

      Infine lei continua a evitare le due questioni riguardanti Bergoglio.
      Per prima cosa non risponde alla mia domanda se gli altri Papi anche corrotti della storia si sono comportati come lui o dette le cose che dice lui. Rispondo io per lei: no, nessuno.
      Seconda cosa, non considera il problema principale: Bergoglio è Papa oppure no?
      Lei afferma “Il Papa è il Papa, stop : io lo devo comunque rispettare, e perchè è un uomo, come me, e perchè è il Papa, e perchè me lo dice la Chiesa e la Dottrina, stop.” Ma cosa dice? Sarà pure vero, io il Papa lo rispetto, ma posso anche esprimere il mio dissenso sulle cose che dice se contraddicono il Vangelo o la Dottrina. Ma comunque di quale Papa stiamo parlando, se è dubbio anche il fatto che Bergoglio lo sia veramente?

      Elimina
  4. Professore, è evidente che nel 2013 ci siamo trovati di fronte ad una situazione più unica che rara (e non lo scrivo per modo di dire, basta studiare un pò di storia della Chiesa) : ma io eviterei di addentrarci/si in congetture e speculazioni da canonisti, giuristi, teologi...insomma sembra di fare la discussio sul sesso degli angeli, o come si dice, di lana caprina.

    I fatti sono questi : un Papa si è "congedato" ed è stato eletto validamente da un Conclave valido un nuovo Papa. Se vogliamo discutere sul "congedo" è un conto : ma lascerei la questione ai canonisti...che dobbiamo dire, che un medico in pensione non è più un medico ? Che un insegnante di Fisica in pensione, non ci capisce più nulla, ecc.
    Certo, c'è la faccenda del munus, ma Benedetto non ha rinunciato al munus....e siamo sempre lì, lana caprina....no ?

    Però non si può dire che il Papa entrante non è stato eletto validamente.

    Circa l'altra domanda che mi pone, la Tradizione e il Magistero secolare della Chiesa sono limpidi e cristallini : il Papa è infallibile SOLO quando si pronuncia ex cathedra, ovvero quando definisce in modo chiaro, pubblico e ufficiale e solo su una posizione di morale e/o sui Dogmi di Fede, ovvero dichiarando pubblicamente e ufficialmente che sta dicendo una definizione dogmatica e non disquisibile.

    Per il resto, può anche dire che la parmigiana è meglio della carbonara, che la Maserati è meglio della Jaguar, che un rifrattore è meglio di un riflettore, che Linux è meglio di Windows...insomma, sono tutte opinioni che non interessano la Fede.

    Circa l'etica (i così detti "costumi"), ne convengo con lei che è una faccenda complicata e che sarebbe auspicabile un linguaggio chiaro, e che pur sia nella Verità e nella Carità.
    E quì alzo le mani, perchè non sono Papa.

    Ma come detto prima : che ci vuoi fare se uno non si sa esprimere in modo chiaro e netto ? Lei è professore, hai voglia quanti ne ha sentiti di studenti alle interrogazioni e agli esami.
    Eppure non posso pensare che lei tagliava le gambe a uno che, evidentemente aveva studiato, ma che esponeva in modo blando e un pò confuso. Certamente non meritava di essere mandato a casa con un 5/10, semmai con una sufficienza.


    La mia chiosa è questa professore : non può dare la colpa al Papa se maggior parte dei (sedicenti) cattolici sono ignoranti e non formati alla Dottrina.
    Se poi lei mi dice, senza malizia e con rispetto, che un Papa dovrebbe confermare e sostenere nella Fede e fare da roccia, io sono d'accordo con lei : ma in ogni modo, questo nostro accordo non cambierebbe lo stato delle cose.
    Per quanto mi riguarda faccio il mio e provo anche io, nel mio piccolo ad essere fedele alla Fede che mi è stata donata e a testimoniarla con coerenza e coraggio, quando possibile.

    Intelligenti pauca. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Questioni di lana caprina"? Ma sta scherzando? Io direi che invece è una questione fondamentale. Lei non sa che esisteva una 'mafia di San Gallo' composta da dieci cardinali che per loro stessa ammissione tramavano per far dimettere Benedetto XVI ed eleggere Bergoglio? Delle due l'una o non è informato e allora si inforni, oppure queste cose le conosce ma le sottovaluta.
      "Però non si può dire che il Papa entrante non è stato eletto validamente." E chi le dà questa sicurezza? Lei ignora (?) che sono sorte delle questioni serie sull'andamento del conclave che ne hanno messo per lo meno in dubbio la sua validità? Una cosa poteva fare Bergoglio per dissipare i dubbi: togliere il segreto sull'andamento del conclave, in modo che i cardinali potessero raccontare quello che era successo, ma si è guardato bene dal farlo.
      "non posso pensare che lei tagliava le gambe a uno che, evidentemente aveva studiato, ma che esponeva in modo blando e un pò confuso". Ma che esempio è? questo può essere vero per uno studente ma non per un docente... cioè non può essere ammissibile che un insegnate si esprima in maniera "blanda e un po' confusa" e quindi non può essere tollerato in chi siede sulla cattedra di Pietro!
      Ma comunque Bergoglio non 'sbaglia' solo ad esprimersi, e questo per il Vicario del Maestro è una cosa inammissibile, ma anche molte sue azioni confermano i dubbi sul suo corretto operare, e sono innumerevoli, e non starò qui ad elecarle perchè sarebbe una lista interminabile (solo una gravissima perchè atto di idolatria: l'intronizzazione della dea pagana "Pachamama" in Vaticano).
      Insomma mi spiace, lei fa un discorso superficiale, buonista, mieloso e lacunoso, e quindi in definitiva pericoloso perchè mistificatorio. Lei contribuisce, non so se volontariamente o meno, ad aumentare la confusione attuale. Sono in totale disaccordo con lei. Non possiamo scherzare e dire 'tutto va bene madama la marchese' e 'volemose bene'. Ma scherziamo? Qui ne va della salvezza eterna delle anime.

      Elimina
  5. Qualche anno fa, passati gli entusiasmi della prima ora, criticavo mia moglie - non malamente, ma criticavo - per questo per quello....poi, un bel giorno - bum ! - mi illuminò una considerazione su me stesso : "Ma non sarà forse giusto e meglio, che preferisci essere compreso e aiutato, invece di essere criticato ? "

    E se facessimo anche tutti noi, così, tutti insieme...cerchiamo di comprendere (non capire, che è impossibile) ed aiutare il Papa, invece di criticare ?

    Just my two cents ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "E se facessimo anche tutti noi, così, tutti insieme...cerchiamo di comprendere (non capire, che è impossibile) ed aiutare il Papa, invece di criticare ?" Anche qui dimentica, o fa finta di non sapere, che diverse volte svariati cardinali hanno chiesto lumi e in qualche modo 'corretto fraternamente' Bergoglio,(ad esempio con i 'Dubia') ma non hanno avuto risposta alcuna e sono stati ignorati. Di cosa sta perciò parlando?

      Elimina
    2. Ma qualche lettore di buona volontà che è d'accordo con me perchè non interviene e dice la sua? Devo essere il solo a controbattere?

      Elimina
  6. "E in questo voglio conoscere se tu ami il Signore ed ami me suo servo e tuo, se ti diporterai in questa maniera, e cioè: che non ci sia alcun frate al mondo, che abbia peccato, quanto è possibile peccare, che, dopo aver visto i tuoi occhi, non se ne torni via senza il tuo perdono se egli lo chiede; e se non chiedesse perdono, chiedi tu a lui se vuole essere perdonato. E se, in seguito, mille volte peccasse davanti ai tuoi occhi, amalo più di me per questo: che tu possa attrarlo al Signore; ed abbi sempre misericordia per tali fratelli. E avvisa i guardiani, quando potrai, che tu sei deciso a fare così.”

    Lettera ad un ministro, San Francesco d'Assisi, Fonti Francescane n. 234 - il neretto è mio.

    Lei vorrebbe che il Papa si gettasse a terra e chiedesse scusa e perdono e dicesse gridando 'Non ho capito niente !" ? Questo vorrebbe ?

    Professore lei si comporta esattamente come lei accusa stia facendo il Papa : ha messo un'etichetta preconfezionata all'interlocutore ed è diventato sordo a chi le propone un'altra visione delle cose.
    Non può non convenire su questo.

    Per come la vedo io, se lei continua così, perderà la vera Fede.
    L'umiltà va coltivata, la carità va coltivata, la speranza va coltivata, la pazienza va coltivata, la sapienza va coltivata...tutte le virtù vanno coltivate insomma...e invece noi, per noi stessi, le diamo per scontate : io per primo, ahimè.

    Non ce l'ho con lei, e continuerò a leggere il suo Blog, ma lei ha evidentemente frainteso i miei interventi...che dire....pazienza !


    Dio la benedica e la Vergine Maria l'accompagni...scrivo di vero cuore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Per come la vedo io, se lei continua così, perderà la vera Fede."
      La Fede in chi, in Bergoglio o in Gesù Cristo?
      Da quello che ho potuto leggere e a mio parere, purtroppo, invece lei la "vera Fede" l'ha già smarrita, e da un bel po'...
      Mi stia bene.
      saluti

      Elimina
  7. Sono con lei professore. Sul l'interlocutore stendiamo un velo pietoso

    RispondiElimina
  8. Grazie professore per questa bella testimonianza che ci ha dato, di come agisce lo Spirito Santo, che abbandona gli ingrati ministri del Signore,e si rivolge ai laici fra il suo gregge. Certi teologi che hanno sposato la linea modernista ed aperturista al mondo,partorita dal Concilio VaticanoII-"Dal fumo di Satana"-penetrato nella Chiesa,come ebbe a dire Papa Paolo VI e che purtroppo trova la sua massima concretizzazione ai nostri giorni,risultano patetici nei loro tentativi di difendere l'indifendibile,di sostenere l'insostenibile. Non si accorgono di essere nudi agli occhi dei semplici,dei veri credenti in Cristo,nella nuda realtà di essersi schierati con il Nemico. In alcune rivelazioni a Maria Valtorta Gesu' stesso disse:"la Chiesa conoscerà le sue ore di tenebre, la tribolazione, la mia stessa Passione ma più lunga perché non perfetta come quella del Cristo...Ma non può perire la Mia Chiesa,perché cementata dal sangue di un Dio e dei suoi Martiri...E se anche,ahimè, avrò sempre i miei Giuda fra i miei Ministri,No non si fermerà l'evangelizzazione,perché ho a cuore il mio gregge, per questo suscitero' Santi dalle pietre".

    RispondiElimina

Non verranno pubblicati interventi fuori tema o con semplici rimandi a link