28 maggio 2021

Ancora sulle esperienze di pre-morte (NDE)

Ho parlato spesso delle Esperienze di pre-morte (le NDE, cioè le Near Death Experiences) in precedenti post (fra l’altro qui, qui, qui, qui, qui, qui ) e dopo la lettura di un interessante libro edito nel 2007 (1) riprendo l’argomento con ulteriori aggiornamenti. 

Personalmente ritengo che questi fenomeni ci diano un indizio molto forte della possibile esistenza di una realtà al di là di quella esclusivamente materiale e che comunque mettano in dubbio il fatto che si debba considerare la coscienza come il semplice risultato del funzionamento del cervello.

30 aprile 2021

I danni causati dall’ipotesi evoluzionistica

La teoria dell’Evoluzione ha prodotto delle conseguenze negative in diversi ambiti, come ad esempio in quello medico, perché considerando (erroneamente) alcuni organi come un inutile retaggio evolutivo, ha incoraggiato ‘mutilazioni’ chirurgiche non necessarie, in quello genetico, in quanto ritenendo (erroneamente) che il 97% del DNA fosse 'spazzatura', mentre invece è fondamentale per lo sviluppo individuale dei mammiferi e degli altri vertebrati, ne ha frenato lo studio, in quello bioetico, in quanto ritenendo (erroneamente) che l’embrione attraversi stadi ricapitolativi di sviluppo ‘animale’, ha portato alla sua svalutazione e all’incremento degli aborti.

13 aprile 2021

il tempo trascorso sulla Terra è stato sufficiente per la supposta evoluzione?

 “Ai miei amici biologi vorrei fare questa domanda: quale velocità deve raggiungere l’evoluzione prima che inizino a sentirsi a disagio?” (Samuel Bowring) (1)

Anche ammesso che il periodo della supposta evoluzione sulla Terra sia stato di 3,5 miliardi di anni, si presentano due tipi di problemi: l’intervallo iniziale troppo corto e il tempo successivo comunque insufficiente. Ma non solo: da alcuni anni si stanno effettuando delle ricerche che tenderebbero a smentire l'ipotesi che la Terra abbia una età di 4,5 miliardi di anni o che i fossili si siano formati in periodi così lunghi come si è finora ritenuto. Se venisse confermato che questi studi dicono il vero, cioè che il supposto processo evolutivo non è perciò durato 3,5 miliardi di anni ma molto meno, allora la teoria dell’Evoluzione crollerebbe su se stessa perché si sgretolerebbe uno dei due pilastri (già controverso e traballante) su cui poggia: quello del periodo di tempo lunghissimo necessario affinché ciò che è estremamente improbabile  possa accadere.

4 aprile 2021

Alcune considerazioni dopo anni di insegnamento

 Tutti gli educatori sono assolutamente dogmatici e autoritari. Non può esistere l'educazione libera, perché se si lascia un bambino libero non lo si educa.”(Chesterton)

Dopo trentasette anni di insegnamento nella scuola secondaria superiore e un anno di docenza universitaria, vorrei fare delle ulteriori considerazioni oltre a quelle che ho pubblicato tempo fa.

L’insegnamento ce l’ho sempre avuto nel sangue. Quando ero piccolo, all’età di sei anni, nella casa di campagna dei miei nonni, mi mettevo alla finestra e avevo di fronte a me un terreno coltivato a vigneto, fatto di piante di uva basse, e nella mia immaginazione di bambino esse erano i miei alunni a cui potevo insegnare qualcosa. E infatti declamavo a voce alta alcune cose ed ero contento quando, dopo aver chiesto ‘avete capito?’ mosse dal vento sembravano annuire. 

Oggi che sono in pensione, mi manca forse quella professione? La risposta è tutto sommata negativa.

11 marzo 2021

Macroevoluzione e microevoluzione: l'esempio del Gigaro, fiore di campo

Ripropongo un post che ho scritto qualche tempo fa e che si inserisce sull'argomento Evoluzione.

Come ho detto in altri post, e mi ripropongo di mostrarlo più volte riprendendo il discorso anche in futuro, non esiste nessuna prova convincente che convalidi la cosiddetta ‘macroevoluzione’, il meccanismo evolutivo sostenuto dal neo-darwinismo.

Ricordo che per ‘macroevoluzione’ si intende la nascita di nuove specie (tecnicamente ‘tipi base’) da altre completamente differenti, a causa della comparsa di organi e funzioni in precedenza inesistenti, e tutto dovuto a mutazioni genetiche casuali e alla selezione naturale ( nel caso che queste mutazioni rappresentino un  ‘vantaggio selettivo’).

25 febbraio 2021

L’informazione biologica può nascere dal caso?

"I fisici non dovrebbero disprezzare i biologi, perché i fisici si sono presi tutti i problemi facili e ai biologi sono rimasti quelli difficili" (Richard Feynman)

L’informazione tecnica è costituita da diversi livelli. Nel piano più basso abbiamo quello statistico, per cui il contenuto di informazione presente in una frase può essere misurato in base alla frequenza con cui figurano le lettere o le parole, ma non tiene conto del significato di esse: le due parole ‘cesto’ e ‘secto’ hanno la stessa quantità di informazione statistica perché presentano le stesse lettere anche se in lingua italiana la prima parola ha un significato mentre la seconda non ce l’ha. Il secondo livello è quello sintattico, che è quello che riguarda le regole per costruire le parole e le frasi, quello che viene inteso come livello ‘grammaticale’. Il terzo livello è quello semantico, che si occupa del significato della frase. Ad esempio le frasi ‘la luna si riflette nel pozzo’ e ‘il pozzo si riflette nella luna’ sono corrette dal punto di vista grammaticale ma non dal punto di vista semantico. C’è poi un livello che dà conto della intenzione di chi ha costruito la frase e infine il livello che tratta dell’effetto, cioè dell’aspetto del risultato. Si può portare come esempio che copre questi livelli quello di un codice o software che svolge un determinato compito in un computer.

23 febbraio 2021

Spigolature scientifiche – 2

Ho raccolto in questo 2° post alcune delle riflessioni e citazioni a carattere scientifico che ho pubblicato ogni tanto sul mio profilo facebook nel corso di questi ultimi mesi.

Se sbrogliassi le molecole di DNA di tutte le cellule dell'organismo e le incollassi una dopo l'altra, otterrei una catena lunga 50 miliardi di chilometri: iniziando dalla Terra essa finirebbe ben oltre i confini del sistema solare. La luce ci metterebbe 2 giorni per percorrerla tutta! (da - Lee Spetner - 'Not by chance' - pag. 30). Stupefacente ma vero. Infatti siamo composti in media da circa 40-50 trilioni di cellule (dipende dal peso del corpo ovviamente) e in ogni cellula il DNA ha una lunghezza di circa 1,1 metri. Facile quindi il calcolo.

7 gennaio 2021

L'ottimalità del codice genetico


Immaginate di prendere una scala a pioli e di torcerla attorno al suo asse di simmetria centrale, ne otterreste una a chiocciola: tale è la struttura in 3D del DNA, con i portanti laterali che così vengono a a formare due eliche una di fronte all’altra (e per questo le chiameremo in seguito ‘semi-eliche’, in giallo nella figura). I pioli o gradini sono di due tipi differenti e debbono essere pensati perpendicolari alle due semi-eliche laterali portanti e sono composti da due parti complementari (dette basi azotate) (2) che sono: la Adenina (indicata con A) che si accoppia unicamente con la Timina (indicata con T) e la Guanina (indicata con G) che si unisce unicamente con la Citosina (indicata con C).