La ‘bufala’ della ‘Vita artificiale’…


E’ di pochi giorni fa la ‘strabiliante’ notizia della ‘creazione artificiale della vita’ in laboratorio.
Il risultato, pubblicato su Science, sarebbe stato ottenuto negli Stati Uniti dal genetista Craig Venter.
I giornaloni e le agenzie di stampa hanno titolato trionfanti l’accaduto facendo capire tra le righe che quindi questo fatto sarebbe stato anche una conferma indiretta che la vita non avrebbe nulla di ‘complesso’ e di misterioso e quindi potrebbe benissimo essere nata dal nulla, così come affermano gli ormai ‘malconci’ evoluzionisti...

La bella Ipazia...





Siamo alle solite. Basandosi o su falsi documenti, come quelli di cui si è servito Dan Brown ne il ‘Codice da Vinci’ o su fatti storici veri, ma interpretati a proprio uso e consumo, come nel film ‘Agora’ su Ipazia, si attacca il Cristianesimo: infatti è quello il nemico da abbattere oltre alla Chiesa cattolica  e agli stessi Cristiani...

Fatima e il 3° Segreto


Nel 93° anniversario delle apparizioni di Fatima, mentre il Papa è lì come pellegrino a rappresentare la Chiesa, scopriamo che l’interpretazione del terzo segreto che era stata data nel 2000 era forse un po’ troppo limitata. Ricordiamo che era stata spiegata come una profezia dell’attentato a Giovanni Paolo II del 13 maggio 1981 e delle persecuzioni subite dalla Chiesa durante il ‘900.

La fonte autorevole della nuova interpretazione è stato niente meno che il Papa stesso: Benedetto XVI infatti nell’aereo che lo portava in Portogallo, durante l’incontro con i giornalisti rispondendo ad una domanda sul terzo segreto rivelato nel 2000 ha avuto modo di dire:

Dionisiaco e Apollineo


Oggi,  in aula docenti, ho trovato una collega che faceva ricerche  su Nietzsche in internet. Ho scambiato con lei due chiacchere  e ho ricavato l' impressione  che fosse veramente ammirata dal pensiero di tale filosofo.
In pratica Nietzsche si è opposto al pensiero filosofico occidentale, quello nato a partire da Platone e Socrate. È stato propugnatore del cosiddetto spirito ‘dionisiaco’, in breve e per semplificare, il principio degli ‘istinti naturali’, per lui più aderente alla natura umana, e contrario a quello ‘apollineo’, che poi è quello su cui è fondata la nostra civiltà. Disprezzava il Cristianesimo e in generale la religione  (sosteneva la 'morte di Dio'), credeva che l’uomo dovesse abbandonare tutte le illusioni derivate dalla propria civilizzazione, fra cui la credenza in un 'al di là' e le leggi morali, che mortificherebbero lo spirito vitale. Per questo propugnava la nascita del ‘Superuomo’, cioè di un essere umano libero dalle catene della civiltà e che fosse egli stesso creatore della sua morale conseguente alla perdita delle illusioni trascendenti.

Mistica e dintorni: Natuzza Evolo


In questi giorni sto leggendo un libro, uscito da poco, sulla vita di Natuzza Evolo (Luciano Regolo – Natuzza Evolo il miracolo di una vita – Mondadori 2010). Per chi non lo sapesse, Natuzza Evolo,  di Paravati, piccolo comune della Calabria, di umili origini, povera, analfabeta, madre di cinque figli, morta nella festa di Ognissanti dello scorso anno all’età di 85 anni, viene considerata una delle più grandi mistiche dei nostri tempi, addirittura alla stregua di Padre Pio. Fare un elenco di tutti i carismi che l’hanno interessata è difficile, tanto sono stati numerosi. Provo ad elencarne alcuni: stigmate, emografia, bilocazione, divinazione, preveggenza, xenoglossia , visione e dialogo con i defunti, con gli angeli custodi, con i santi, con la Vergine e con Gesù.

Nel suo periodo giovanile venne addirittura chiamata ‘la radio dei morti’ per il fatto che spessissimo entrava in trance medianica e tramite la sua voce parlavano i defunti…