23 giugno 2024

La profetizzata Passione della Chiesa cattolica

Avendo pubblicato un post su Facebook in cui ho rilanciato la notizia che delle suore di clausura in Spagna si sono ribellate a Bergoglio considerandolo “un impostore”, un mio contatto mi ha postato un intervento melenso di una tizia che in pratica ha criticato le suore in quanto, in sintesi, “essendo Bergoglio il Papa bisogna seguirlo e rispettarlo anche se dovesse sbagliare”. Al che io ho commentato: “Parole giuste per un vero Papa. Il fatto è però che Bergoglio non è il Papa!”. 

 

 

Il mio contatto ha allora chiesto: “Quindi secondo lei la Sede e' vacante?” e io ho risposto: “Più che vacante, la Sede è occupata da uno che papa non è! È dal 2013 che mi interesso del problema e ho scritto diversi post sull'argomento. Bergoglio al più può essere considerato un antipapa come gli altri 40 antipapi che ci sono già stati nella storia della Chiesa, quindi non è originale neanche in questo!”.

A questo punto si è inserito un altro contatto che ha detto con tono un po' provocatorio: “Scusi, ma lo decide lei che Bergoglio non è il Papa? Chi lo ha deciso? Quando? Con quale autorità?”.

Ho quindi risposto: “Non c'è bisogno di nessuna autorità, bastano il normale uso della ragione, il Codice di Diritto Canonico, che richiede la rinuncia al 'munus' perchè le dimissioni sia valide - e Benedetto non ha rinunciato al ‘munus’ ma solo al ‘ministerium’, e quindi le sue dimissioni erano invalide - e la Universi Dominici Grecis, che all'art 76 recita: 'Se l'elezione fosse avvenuta altrimenti da come è prescritto nella presente Costituzione o non fossero state osservate le condizioni qui stabilite, l'elezione è per ciò stesso nulla e invalida, senza che intervenga alcuna dichiarazione in proposito e, quindi, essa non conferisce alcun diritto alla persona eletta' ".

“E ancora, nel Canone 332 per la rinuncia è scritto: '§ 2. Si contingat ut Romanus Pontifex muneri suo renuntiet, ad validitatem requiritur ut renuntiatio libere fiat et rite manifestetur, non vero ut a quopiam acceptetur.'. Ebbene se lei legge l'annuncio di dimissioni in latino di Benedetto non c' è il "muneri renuntiet" richiesto per la loro validità, ma 'ministeri renuntiet" ('declaro me ministerio Episcopi Romae, Successoris Sancti Petri, mihi per manus Cardinalium die 19 aprilis MMV commissum renuntiare')'. Questo basta perché la rinuncia sia nulla in forza del diritto della Chiesa e quindi il successivo Conclave è stato convocato illecitamente e nulla e invalida è stata perciò l'elezione di Bergoglio" (1). 

Rivolto ai miei due interlocutori ho anche aggiunto: “E non lasciatevi ingannare dagli ‘una cum’ che vi diranno che per Bergoglio varrebbe la cosiddetta “accettazione pacifica universale" che è una fandonia inventata da due oscuri teologi: non c'è nessun articolo del Codice di Diritto Canonico che ne parli o la contempli. Vale il diritto della Chiesa o l'opinione personale di due teologi neanche canonisti?". A questo punto il mio secondo interlocutore ha replicato: “Ho capito e sono pure d'accordo! Ma finché nessuno della gerarchia si decide a spiegare che la sede è usurpata e che bisogna indire un nuovo conclave, che facciamo? Tutti dietro Don Minutella?”. 

Ho risposto: “Deve valere il giudizio della propria coscienza. Io per esempio non vado a messa dove si è ‘Una cum con Francisco’, perché essendo convinto che Bergoglio non è il Papa ma anzi un antipapa - che è per giunta consapevole di essere antipapa, non è in buona fede - farei peccato a partecipare a quella messa. Seguo quella tradizionale e in latino su Internet, celebrata da un sacerdote che non la fa in unione con Bergoglio. Ma se un fedele è inconsapevole di tutto ciò e segue la Messa ‘una cum Francisco’ allora non fa peccato e i sacramenti per lui saranno validi in quanto in questo caso vale il ‘supplet Ecclesia’. Ormai la Chiesa ufficiale è completamente eretica e apostata, si è scismata dalla vera Chiesa cattolica che permane in un piccolo resto così come d'altronde è stato profetizzato da Santi, mistici e veggenti, e financo da un paragrafo del Catechismo della CC. Siamo alla sua Passione, essa sussiste nello sparuto resto che seguì Gesù Criso fino al Calvario, mentre gli Apostoli,  Pietro compreso, erano scappati per la paura. La Chiesa non può che seguire le fasi della vita del suo Fondatore, adesso, dopo essere stata tradita, è rimasta quasi da sola così come lo fu NSGC in quei momenti terribili e, come il suo Fondatore, verrà perseguitata e crocifissa. Ma  ricordiamoci sempre che dopo il Venerdì Santo c'è stata la Domenica, la Pasqua di Resurrezione”.

__________

Note e Crediti

(1) mi piace mettere la foto del gabbiano che si appollaiò per un bel po' di tempo sul comignolo della Sistina durante il Conclave in cui fu eletto Bergoglio. Ricordo che il gabbiano è un uccello spazzino che spesso popola le discariche. Considero il fatto una specie di segno dato dal Cielo...



Nessun commento:

Posta un commento

Non verranno pubblicati interventi fuori tema o con semplici rimandi con link