4 febbraio 2010

La Genesi svelata?

Mentre mi interessavo dell’ipotesi Evoluzionistica cercando di leggere alcuni testi e facendo ricerche su Internet, mi è venuto in mente di visitare un sito che non guardavo da diversi mesi e (quando si dice la Provvidenza ..) vi ho trovato un Link da cui si può scaricare un libro molto interessante  che parla della rivelazione avuta tra il 1968 e il 1974 dal  sacerdote Don Guido Bortoluzzi . In esso si spiega come interpretare il simbolismo del racconto della creazione contenuto nella Genesi (soprattutto quella riguardante Adamo ed Eva …). La lettura del libro è come un lampo che squarcia l’oscurità della notte e fa vedere ad un tratto l’opera della creazione dell’Universo, della Terra, delle specie vegetali e animali, e soprattutto la creazione dell'uomo, facendo comprendere il vero significato del peccato originale (e  come questa ‘colpa’ si sia potuta trasmettere a noi che siamo i discendenti di Adamo).
Alcune delle cose dette concordano con le scoperte scientifiche attuali, come ad esempio quella della nascita della Luna che sarebbe avvenuta per ‘esplosione’ di materiali incandescenti fuoriusciti da una profonda spaccatura della crosta terrestre (una specie di 'megaeruzione' nella zona che adesso è occupata dal Pacifico). Questi detriti,  orbitanti prima attorno alla terra sotto forma di anello composto da rocce e polveri, si sarebbero poi addensati a causa della gravità formando così la Luna. Questo scenario coincide con una delle ipotesi scientifiche più accreditate (anche dalla Nasa, come si può vedere da questo filmato oppure anche molto recentemente da altri studiosi come si può leggere qui) sulla formazione del nostro satellite.
Ma soprattutto quello che è interessante è la spiegazione del significato del racconto  biblico della creazione di Adamo. A quanto viene riportato, Dio nel creare ogni nuova specie animale, nelle diverse ere in cui ha voluto farlo, ha utilizzato una femmina di una specie già esistente, affine (ma non uguale) a quella da creare ex novo, ‘inserendo’ nel suo utero un uovo composto da gameti maschile e femminile creati da Lui stesso, e ciò per far nutrire e sviluppare questo uovo senza che materiale genetico della vecchia specie passasse alla nuova. Dall’uovo nasceva un maschio della nuova specie che, una volta raggiunta la maturità sessuale, si accoppiava con quella femmina (che era stata sua madre putativa ma non genetica) e in cui nel contempo veniva creato da Dio un gamete femminile (della nuova specie) che si univa così con il gamete maschile fornito dal maschio. Ne nasceva così una femmina  che una volta cresciuta e raggiunta la maturità sessuale accoppiandosi con il maschio  (suo padre) metteva al mondo i discendenti della nuova specie. Certo c’era un passaggio obbligato in cui avveniva un rapporto iniziale incestuoso nella nuova coppia, ma ciò accadeva per necessità. Qualcuno potrebbe scandalizzarsi pensando  che così Dio non avrebbe creato della nuove specie facendo apparire degli individui adulti già formati, ma si sarebbe servito di altre specie precedenti per generare una nuova specie. Ma questo rientra nell’economia divina che noi non possiamo sondare e giudicare. Infatti certamente nulla avrebbe vietato a Dio di creare degli esemplari di una nuova specie già adulti, ma evidentemente ha preferito seguire una via un po’ meno ‘invasiva’ servendosi fin che ha potuto di altre creature, già esistenti, comparse in precedenza. Quindi pare che  al vecchio dilemma ‘è nato prima l’uovo o la gallina ?’  si debba rispondere correttamente con 'prima è nato l’uovo'!
E veniamo alla creazione di Adamo. Circa 50 milioni di anni fa Dio scelse una femmina che chiama ‘ancestre’, quella che nella Genesi viene chiamata Eva, appartenente ad una razza già esistente (ma sconosciuta ), una femmina con 47 cromosomi anziché i 48 tipici della sua specie o i 46 della specie umana. In questa femmina che Lui chiama ‘testa di ponte’ o anche ‘madre di tutti i viventi’ Dio creò due gameti della nuova specie umana, uno maschile e uno femminile: così nacque Adamo. Quando Adamo crebbe e arrivò alla maturità sessuale, Dio lo fece addormentare accanto alla femmina ‘madre’ ancestre (sua parente solo putativa, non genetica) e servendosi del suo seme fecondò il gamete femminile che nel frattempo aveva di nuovo creato dentro la femmina ‘ancestre’: nacque così la Donna che diventerà sua sposa legittima. Quindi il vero significato delle parole ‘Dio si servì della costola di Adamo per formare la Donna’ sarebbe che Dio fece avere un rapporto sessuale inconsapevole ad Adamo, che quindi utilizzò il suo membro maschile (ecco il vero significato del termine biblico ‘costola’, come si può vedere anche spiegato in questa pagina) per fecondare la femmina ‘ancestre’ e così far nascere la Donna, cioè la femmina della nuova specie con 46 cromosomi come lui. Dio avendo creato così la razza umana perfetta a sua immagine e somiglianza sperava che essa si moltiplicasse abitando la terra… Ma questo doveva succedere non appena la Donna fosse arrivata alla maturità sessuale. Però c’era nel frattempo un pericolo: Adamo non doveva accoppiarsi con la femmina ancestre ‘testa di ponte’ (la cosiddetta Eva) perché, senza la creazione ex novo da parte di Dio di un gamete femminile ‘umano’ dentro di essa, questa avrebbe messo a disposizione il suo gamete femminile ‘ancestre’ che fecondato da Adamo col seme umano (gamete maschile), avrebbe generato (come in realtà poi avvenne ) un essere ‘ibrido’. Per cui Dio proibì espressamente ad Adamo di accoppiarsi con la femmina ‘ancestre’ di 47 cromosomi, che forse aveva anche un aspetto simile ma non uguale a quello umano, e tale femmina, che sarà poi capostipite della razza umana decaduta, viene indicata nella Genesi come ‘albero selvatico del bene e del male’. Allora il peccato originale è consistito nella disobbedienza di Adamo che si volle accoppiare, facendo a meno di Dio e quindi disubbidendolo, con questa donna ‘ancestre’, rendendola così non più solo ‘testa di ponte’ ma vero ‘ponte’ tra la razza umana e quella ancestre. Infatti essa generò un ibrido: Caino. E questo fatto compromise la discendenza ‘umana’,  indebolendola anche contro le malattie,  perché, derivando da Caino, con la trasmissione genetica  portò con se  indelebile una ‘tara ancestre’. Abele invece, che nacque dopo, fu figlio di Adamo e della Donna, vera moglie, quindi di razza umana pura, esente da contaminazione, ma venne ucciso, come sappiamo, da Caino. Allora la chiave del mistero è Caino. Questi, scacciato da Adamo dopo il fratricidio, incontrò la femmina ancestre (sua madre) già resa ‘ponte’ da Adamo e accoppiandosi con essa generò degli esseri ibridi, da cui con diverse ‘purificazioni’ genetiche nel corso di milioni di anni (forse quella che gli studiosi chiamano ‘evoluzione’ che dagli umanoidi ha portato all’uomo attuale) siamo derivati noi esseri umani moderni. Quindi Dio ha creato l’uomo  perfetto perchè a sua immagine e somiglianza, ma è stato Adamo che con la sua disobbedienza ha contaminato la razza umana, essa infatti ha così avuto come una involuzione. Da questa ‘caduta’ essa si è purificata con un lento processo ‘evolutivo’ (evidentemente pilotato da Dio) durato milioni di anni, per arrivare sino all’essere umano attuale. Ma il vero processo evolutivo finale è stato portato da Gesù Cristo, Figlio di Dio e Dio Lui stesso. Infatti avendo noi perso per il peccato di Adamo la qualifica di ‘figli di Dio’, Gesù Cristo con la sua opera di Redenzione ci ha resi ‘figli adottivi di Dio’…

Questa rivelazione non ha avuto ancora l’avallo ufficiale della Chiesa, ma il fatto che sia stata ricevuta da un sacerdote e che non contraddica (a quanto pare) la dottrina cattolica, fa ritenere che possa essere ritenuta autentica, cioè di ‘origine’ soprannaturale.. Vedremo in futuro se verrà ritenute vera. Le conseguenze di un eventuale riconoscimento potrebbero essere enormi. Infatti essa potrebbe rappresentare quel ponte che unisce Scienza e Fede nell’interpretazione della nascita dell’Universo e dell’uomo e che purtroppo adesso manca a causa di una lettura troppo letterale del racconto biblico.

Ho raccontato per sommi capi quello che questo libro dice, il discorso che esso fa è più completo e ricco, per cui al lettore che mi ha seguito fin qui consiglio di scaricare gratuitamente il libro e leggerlo attentamente. Ne vale veramente la pena! Questo è il Link del libro completo:  Genesi Biblica  . Volendo però se si ha poco tempo a disposizione si può leggerne una versione sintetica in questo altro Link.

82 commenti:

  1. E' un libro veramente illuminante!!! Per gli uomini di buona volontà quest'opera getta un raggio di luce in grado di illuminare tutta la vita del cristiano e di condurre ad una adesione più radicata e consapevole al Magistero della Chiesa. Solo ci vuole un pò di apertura del cuore.
    La Verità rende liberi. Dio sia benedetto per il gran dono che ci è stato concesso tramite don Guido
    Talkeim

    RispondiElimina
  2. ho letto solo velocemente il riassunto ma mi sorge un dubbio:
    se il peccato originale secondo questa rivelazione consiste in una relazione di Adamo con una femmina ancestrale, come coniugare tale fatto col racconto biblico che parla di un peccato commesso da Eva e da quest'ultima fatto poi commettere ad Adamo.
    Ho letto troppo in fretta il riassunto o tale riassunto non è del tutto esatto?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nella bibbia c'è scritto che Eva tenta Adamo con la mela e lui la mangio' nella rivelazione spiega che Eva, essendo animale ha i suoi istinti riproduttivi come giusto che sia,tentò più volte di accoppiarsi con Adamo ma lui la respinse anche perché non era troppo di suo gradimento, purtoppo una volta non la respinse e causo 'tutto il casino!!!!!!!! Quindi la colpa è di Adamo!

      Elimina
    2. dov'è che nella bibbia si parla della mela??

      Elimina
  3. Molto semplice. In realtà con Eva si intende la femmina ancestre, invece la moglie legittima di Adamo nel libro sulla rivelazione di Don Bertoluzzi viene chiamata 'la Donna'. In effetti ho fatto un po' di confusione io con i due nomi: correggerò subito il testo. Le riporto un pezzo preso dal libro:
    "Le novità non sono poi tanto nuove come potrebbero sembrare a prima vista, perché
    le due figure femminili, Eva, la femmina ancestre che fu la partner di Adamo nel peccato
    originale e che divenne madre di Caino, e la Donna, la legittima e innocente sposa di
    Adamo che divenne madre di Abele e di Set, sono contemplate anche nella antica
    tradizione ebraica la quale racconta che furono due le ‘cosiddette mogli’ di Adamo: una, la
    prima, Lilith, che generò dèmoni e mostri malvagi, l’altra che generò uomini."

    RispondiElimina
  4. sto iniziando a leggere il testo della rivelazione e vorrei dire due parole, en passant, riguardo alla presentazione della curatrice del testo:

    forse tale curatrice avrebbe dovuto conoscer meglio la dottrina cattolica. Come si fa a dire:
    "coloro che obiettano che la Rilevazione si è chiusa con l'ultimo Apostolo"?

    Coloro?
    Obiettano?

    No, no, no gentile signora. Che la Rivelazione si è chiusa con la morte dell'ultimo Apostolo, non è una opinione di qualche "obiettore", ma è verità insegnata e creduta dalla Chiesa e, pertanto, rivelata da Dio.

    Ritenere pertanto che la Rivelazione è finita non significa "limitare la libertà di Dio"!

    Così come parlare di due funzioni della Chiesa, una gerarchica l'altra carismatica ha un vago sapore "carismatico-pentecostale" e quindi protestantico.

    Comunque vò avanti con la lettura anche se con tali premesse teologicamente zoppicanti la tentazione di non andare avanti con la lettura m'è venuta.
    Proseguo; speriamo bene.

    RispondiElimina
  5. è un libro devastante con una teoria devastante: davvero triste e grigia sotto ogni punto di vista...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. condivido le ultime due osservazioni (di Anonimo e di eranuova) ma coma si fà dico io credere a simili idiozie!? Dio se esiste (e io credo esista) è tale solo se Perfetto.La sua Essenza è perfetta in tutto e un Essere simile non può che crere tutto in maniera perfetta: animali,uomo-donna, fiori, piante, uccelli, pesci...tutto perfettamente creato. Del resto basta guardare la perfezione del suo operato e mi chiedo se ha creato con tanta fantasia e bellezza, non può che essere lo specchio della sua Bellezza, Precisione, Ordine... in tutto. Come si può pensare a due "eve"!? assurdo!non ha nessun senso teo-logico, né scientifico. Il resto è fantasia disordinata di qualcuno che pensa di sporcare tale precisione-ordine e bellezza..Dio ce ne liberi!

      Elimina
  6. Scusi, in che senso sarebbe un 'libro devastante'? Da quale punto di vista? Religioso o scientifico?
    Facile proclamare così! Lei infatti non spiega affatto i motivi di questo suo giudizio così negativo e lapidario..
    E poi il suo pseudonimo 'eranuova' mi sa tanto di NewAge... quella si che è veramente devastante degli animi sotto tutti i punti di vista perchè considera tutte le religioni uguali e false nello stesso tempo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo tale interpretazione si discosta di molto dall'interpretazione dei padri della chiesa e dal magistero e anche dallo stesso testo della Genesi.

      Elimina
  7. no, non sono un seguace della New Age: il mio nome nasce dalla convinzione che ci troviamo vicini ad un cambio radicale della storia dell'uomo e della terra.
    In quanto alla mia critica sulle presunte rivelazioni di Don Guido, posso affermare che esse vanno contro la dignità dell'uomo e, essenzialmente, contro la rivelazione biblica e, in ultimo, ma non ultimo, contro le rivelazioni, cui credo ciecamente, di Gesù a Maria Valtorta...

    RispondiElimina
  8. In merito a quello che dice Maria Valtorta le rispondo con un brano estratto dalla versione sintetica composta dalla curatrice del libro ( e di cui do il Link nel post), sintesi che forse lei non ha letto:
    'Considerando i veggenti più recenti, qualcuno che abbia letto per esempio "l'Evangelo come mi è stato rivelato", scritto da Maria Valtorta sotto dettatura di Gesù e Maria, potrebbe trovarsi in difficoltà quando legge che Gesù nomina Adamo ed Eva entrambi colpevoli come da tradizione. Il lettore è indotto a pensare che Don Guido non sia veritiero. Ma basta riflettere un attimo: come avrebbe potuto Gesù anticipare in quegli scritti quello che avrebbe detto alcuni decenni dopo a don Guido senza che la scienza avesse ancora scoperto il DNA e senza dare delle spiegazioni adeguate che, per la mole degli argomenti trattati, richiedevano una rivelazione a parte? Tuttavia Gesù ha preparato il terreno a questa rivelazione descrivendo molto ampiamente ed in svariati capitoli dei volumi della Valtorta, specialmente nei Quaderni, le conseguenze del peccato originale che resero gli uomini fisicamente simili ad animali e che inoculò in questi ominidi il veleno degli istinti animaleschi, come la prevaricazione, l'avarizia, la sfida, la competizione, la vendetta e il desiderio incontrollabile di appagamento di tutti i sensi. Solo conoscendo le proprie origini, dunque, l'uomo può orientarsi in modo corretto verso la via che Gesù ci ha indicato.."

    RispondiElimina
  9. Dio non può mentire in alcun caso...quindi o ha detto il falso a Maria Valtorta o non ha detto il vero a Don Guido: io escludo categoricamente la prima ipotesi, quindi...

    RispondiElimina
  10. Su questo libro di rivelazioni ho SERI DUBBI.
    Il primo riguarda il fatto che una rivelazione del genere non si capisce cosa illumini davvero: cose che non sappiamo spiegare altrimenti tipo i giganti?
    Perché nostro Signore non avrebbe potuto farcelo capire nel momento in cui stava su questa terra?
    Credo che sia fuorviante pensare che il peccato originale sia soltanto questa "tentazione sessuale" su una femmina pelosa. Ciò sarebbe stato la causa di tutti i mali, morte compresa? ...
    Credo che le spiegazioni date dal Catechismo della Chiesa Cattolica ci dicano meglio e di più.
    Con buona pace del buon don Guido.
    Gesù aveva avvertito della possibilità di "rivelazioni ingannevoli".
    Il peccato originale fu il desiderio dell'uomo di mettersi al posto di Dio a decidere lui cosa fosse bene e cosa fosse male.
    Dio ci aiuti a comprendere sempre meglio la Rivelazione contenuta nella Scrittura e tramandataci dal Magistero.

    RispondiElimina
  11. Anch'io ho letto anni addietro il libro di don Guido e mi fece una grande impressione. Il fatto che come Rivelazione privata fatichi ad accordarsi con altre rivelazioni private, quali quella della Valtorta, che è peraltro mistica e veggente che amo moltissimo, non è un problema, proprio perché Dio accorda le proprie rivelazioni al contesto in cui le cala, senza per questo mai mentire, come è stato scritto impropriamente sopra.
    Vorrei poi precisare che nella rivelazione di don Guido il peccato d'origine non è affatto una tentazione sessuale scabrosa, è detto anzi chiaramente che l'ancestre faceva "abbastanza schifo" ad Adamo, ma fu invece la volontà di costituirsi a capostipite di una razza quella ne mosse i passi, cosaa ben più sottile e perversa. Il degrado ontologico (e genetico) che ne seguì implicò la malattia e la morte, ora comprensibili più pienamente, se si accettano queste pagine.

    Non vado oltre, ma suggerirei a chi parte matita blu in resta di tentare una comprensione maggiore del testo che si legge prima, di criticarlo, e soprattutto prima di rubricarlo tra la farina del Demonio.

    RispondiElimina
  12. Quindi adesso sulla base del racconto di questa "rivelazione" sei disposto a credere alla teoria dell'evoluzione, sulla quale non esiste nessuna certezza scientifica? Sono molto perplesso. Comunque ti faccio i miei complimenti per il blog, lo sto leggendo da un paio di giorni, ma questo post mi ha un po' spiazzato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alla teoria dell’evoluzione così come viene presentata attualmente continuo a crederci poco. Questa ‘rivelazione’ non mi pare che confermi tale teoria perché secondo essa ci sarebbe in realtà un continuo intervento divino nella creazione di nuove specie e non una semplice trasformazione da una specie ad un’altra a causa di processi di mutazione casuale e selezione naturale. E questo è in accordo con i risultati fossili che evidenziano il fatto che le nuove specie compaiono all’improvviso. Per quanto riguarda la ‘evoluzione’ umana, da Caino in poi insomma, credo che questa si debba intendere come ‘microevoluzione’, cioè evoluzione nell’ambito della stessa specie.

      Elimina
  13. E poi, stando a questa rivelazione, il demonio quale ruolo giocherebbe nel peccato originale?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Qualcuno avrà pur tentato Adamo, no? Comunque perchè non legge il libro e poi magari pone delle domande direttamente alla curatrice nel sito in cui si presenta l'opera? Lì le saranno date risposte senz'altro più esaurienti...

      Elimina
  14. Ho letto il riassunto, e mi è sembrato di capire che della tendenza che l'uomo ha al peccato venga data una spiegazione di tipo genetico, tale per cui le tentazioni altro non sarebbero che impulsi interni alla natura umana corrotta dalla ibridazione biologica del peccato originale, e non quindi opera del diavolo. Se così è allora l'uomo non ha colpa, e infatti si dice nel riassunto che l'uomo nascendo non eredita colpa ma eredita solo un corredo genetico imbastardito. In un quadro come questo sembra quasi che Lucifero, l'angelo decaduto, altro non sia che lo stesso Adamo, creatura perfetta del Signore che per superbia decise di ribellarsi al proprio Creatore per avere una propria personale discendenza, perdendo in questo modo l'amicizia di Dio.

    Tutto ciò mi lascia non poche perplessità sulle conseguenze che potrebbe avere una chiave di lettura come questa ad esempio sul sacramento della confessione! Già c'è qualche eretico che sostiene che il peccato è una cosa inevitabile, per cui l'uomo non avrebbe colpe, e da questo discenderebbe l'automatismo della salvezza, con le conseguenze sul piano morale che stanno sotto gli occhi di tutti.

    RispondiElimina
  15. Scusa se insisto, tu condividi queste perplessità oppure suggeriresti una spiegazione? (Possiamo usare il "tu informatico", no?).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che a causa e dopo il peccato originale nell’essere umano ci sia una maggior tendenza a peccare mi pare che lo affermi la Chiesa, e anzi questo apre la possibilità all’azione della Misericordia divina di cui il sacramento della confessione è una conseguenza. Ma che ci sia anche una indubbia opera tentatrice continua da parte di Satana mi pare anche assodato e se nulla dice l’opera in oggetto non mi pare però che lo neghi da nessuna parte. Evidentemente la ritiene ovvia.
      Nessun problema per il 'tu'. Grazie per il commento

      Elimina
  16. Una lettura di questo tipo comporta che il peccato, il male, facciano in qualche modo parte della natura fuori dall'uomo, perché mai questo dovrebbe accadere? Che colpe hanno gli animali? Penso che essi, con la loro totale innocenza, siano tutt'al contrario privi del peccato di tracotanza che ci caratterizza come umani e vivano più in armonia di noi con la volontà del creato poiché non scelgono tra il bene e il male.
    L'occhio amorevole di Dio nei loro confronti appare chiaramente ad una lettura non ideologicamente antropocentrica dei testi sacri. Le consiglio di dare un'occhiata a questo sito http://www.cattolicivegetariani.it/ potrebbe trovarlo interessante
    saluti,
    L

    RispondiElimina
  17. Salve Salvatore!
    Ho letto anche io il libro di Don Guido e posso confermare quello che ha scritto l'utente f.negrelli: secondo Don Guido, il diavolo non ha nessun ruolo nel peccato originale e le tentazioni sarebbero impulsi della natura umana corrotta dalla ibridazione. Quindi, si tratta di un libro che contraddice la dottrina della Chiesa Cattolica e la Bibbia. In soldoni: un'eresia...

    Don Guido inoltre scrive nel suo libro che la prima donna nata dall'ancestre femmina senza pelo non avrebbe nessuna colpa. La femmina ancestre sarebbe una specie di protoscimmia con la fronte schiacciata, orecchie appuntite, braccia lunghe e le gambe corte. Secondo la suggestiva teoria di Don Guido, sarebbe la femmina ancestre la responsabile del peccato originale che si è accoppiata con Adamo. Insomma, Don Guido ha distorto completamente il senso autentico del peccato originale (vedi Sant'Agostino e Maria Valtorta): ha assolto la prima donna e il diavolo dalla responsabilità del peccato originale; sarebbe tutta colpa della libido di Adamo. Io credo di sapere chi è l'ispiratore di questa rivelazione a Don Guido... di sicuro non è lo Spirito Buono, lo Spirito Santo.
    Non entro nel merito della teoria fantasiosa di Don Guido secondo la quale Caino sarebbe nato dall'unione tra Adamo e l'ancestre perché è davvero squallida e degradante.

    Saluti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sono un teologo e quindi non mi sento di giudicare come fa lei ‘eretica’ l’opera di Don Guido.
      Il libro è stato anche commentato da sacerdoti e teologi come può leggere nel sito in cui si pubblicizza l’opera e di cui ho dato il link nel post.
      Fra l’altro vi è stato un convegno il 2 ottobre 2011 sul libro e di cui le do il link qui(http://it.gloria.tv/?media=205971) e che si apre proprio con una relazione sull’opera di Valtorta.
      Conclusione: attenzione a lanciare anatemi in maniera frettolosa, si rischia di buttare via il bambino con l’acqua sporca.

      Elimina
    2. Salve Salvatore!

      Anche se ci sono sacerdoti e teologi che commentano il libro, questo non significa che la loro presenza sancisce in automatico la genuinità soprannaturale dell'opera di Don Guido. Sa quanti sacerdoti e teologi modernisti negano l'esistenza del diavolo ? Per quanto mi riguarda, ciò che conta è il Magistero della Chiesa Cattolica.

      Non c'è nessun "bambino" nell'opera di Don Guido, ma solo acqua sporca:

      1 - Don Bortoluzzi insiste molto sul fatto che Adamo possiede una genetica superiore rispetto l'ancestre peloso.
      2 - Il peccato originale consiste in una ibridazione tra Adamo e la femmina ancestre.
      3 - Don Guido sostiene che Caino sarebbe nato dall’unione di Adamo con la femmina ancestre.

      Ergo...

      Se la morte e la perdita dei beni preternaturali fosse effetto di una ibridazione, allora la redenzione sarebbe dovuta consistere nel recupero della consistenza genetica, cioè il recupero del codice genetico. Dunque: se l’ibridazione è la causa della morte e della corruzione di tutto il genere umano, la resurrezione sarebbe consistita nel dono di una nuova genetica. Quindi, la salvezza consisterebbe nel recupero del "codice sorgente puro".

      L’opera di Don Guido, devo ammettere è davvero suggestiva; ma per chi non si fa incantare, risulta evidente che ha dei chiari risvolti razzisti e soprattutto eugenetici e new-age: sembra sott'intendere che l’uomo dovrebbe regnare su questa terra e la salvezza sarebbe raggiunta nella perfetta autonomia dell’uomo, in grado di restare per sempre su questa terra, con una genetica sana e incorrotta. Questa perfezione, questo miglioramento sarebbe raggiungibile da progressi in campo scientifico-tecnologico (gnosticismo), o addirittura potrebbe avvenire mediante accoppiamenti con esseri geneticamente superiori con cui scambiare geni non corrotti- fonte di salvezza per noi esseri umani ibridi e geneticamente inferiori. In soldoni, si tratta di una velata (ma neanche tanto) eresia che spunta continuamente nell'arco della storia del Cristianesimo, si chiama: gnosticismo...

      Ci sarebbe molto ancora da dire entrando nel dettaglio dell'opera di Don Guido. Ad esempio Don Guido afferma che i suoi scritti che compongono il libro sono una rivelazione privata; ma se davvero si tratta di una rivelazione Divina (perciò infallibile) come mai lo stesso Don Guido scrive nel libro che alcune sue elucubrazioni mentali sono solo ipotesi ?

      Forse Don Guido vuole sott'intendere che Dio potrebbe essersi sbagliato, che non è infallibile ?

      Credo sia sufficiente quello che ho scritto per capire che la rivelazione di Don Guido altro non è che la copia rielaborata dell'opera del naturalista francese George Louis Leclerc morto nel 1788. George Louis Leclerc sosteneva nel “L’Histoire Naturelle Générale et Particulière” la tesi dell'uomo perfetto, corrotto successivamente a causa di un peccato di ibridazione con una specie inferiore. L'opera di Don Guido non è altro che un tentativo arbitrario di accordare Fede e ipotesi evoluzionistica darwiniana. In realtà, non accorda né la vera scienza, né la fede. Al limite, congiunge due visioni filosofiche errate che non hanno riscontro nei fatti; nella vera scienza; nella storia e nell’analisi testuale della Bibbia.

      Saluti, fabio

      Elimina
    3. Si nota subito un errore fondamentale nel suo discorso, nel 2° punto, quando lei afferma che nell'opera di Don Guido si leggerebbe che "Il peccato originale consiste in una ibridazione tra Adamo e la femmina ancestre". Questo non è vero in quanto nel libro viene detto espressamente che il peccato originale consiste nella disobbedienza a Dio da parte di Adamo, in quanto Dio gli aveva proibito di accoppiarsi con la femmina ancestre. Quindi La ibridazione non è il peccato ma una conseguenza del peccato!
      Appare sorprendente che in quello che doveva essere un ragionamento rigoroso da parte sua per 'criticare' il libro lei faccia un errore così incredibile quale quello di scambiare causa (il peccato) con l'effetto (la conseguente ibridazione!).
      Tutto il ragionamento che lei fa sulla Redenzione appare viziato da questo errore e quindi non è molto corretto e in definitiva inaccettabile.
      Mi pare inoltre un bel po' forzato il parallelismo che lei fa tra New Age e l'opera di Don Guido.

      Elimina
    4. Perchè non viene gradita l'offerta di Caino? perchè solo a Caino viene detto "se non agisci bene il peccato è accovacciato alla tua porta; verso DI TE è la SUA BRAMOSIA, ma tu dominala"? Caino non è responsabile del peccato di Adamo ma del proprio, ed ha avuto diritto a maggiore misericordia proprio perchè tarato non per propria colpa, che poi abbia rifiutato tale Misericordia è un altro paio di maniche. Lucifero è puro spirito quindi agisce nel pensiero, quindi nel pensiero di Adamo tramite il serpente Eva. Credibile.Perchè Caino non viene considerato discendente di Adamo ma questi dice di Set "il Signore mi ha concesso un'altra discendenza al posto di Abele che Caino ha ucciso"? Perchè nella Bibbia inoltre si citano due discendenze, una per Caino ed una per Set? Perchè la Valtorta parla di ibridazione di Caino con bruti e fiere (se da 46 cromosomi non si salta a 48 senza anelli di congiunzione)? Eva sarebbe l'unico anello di congiunzione sia per evitare traumi all'Uomo che per metterlo alla prova, l'uomo ha la ragione, gli animali no.

      Elimina
  18. Che forte!!! Dio che gioca come ingegnere genetico.
    Sospettavo qualcosa del genere.
    Ho letto avidamente lo scritto sopra e mi sto informando sull'acquisto del libro.
    Questo conferma le traduzioni delle tavolette sumere da parte di Sitchin, dove racconta che si é giunti all'uomo come oggi lo conosciamo, tramite vari interventi genetici di una civiltá aliena. Conferma anche il lavoro di John E. Mack professore in psichiatria sfociato con la pubblicazione del libro "Rapiti". Avvalora il lavoro di ipnosi regressiva sui rapiti dagli alieni di Corrado Malanga con le conferenze per prenderne coscienza rivolti agli stessi rapiti ed alla gente che vuole saperne di piú sull'argomento. Sottolinea la traduzione sbagliata della parola "costola" rilevata dallo studioso biblico Danilo Valla e spiegata in un suo video su youtube, dove spiega che la traduzione esatta é "metá", dando una spiegazione in chiave genetica.
    Tutto ció é straordinario.
    Chissá in futuro cosa ci attenderá.
    Staremo a vedere.

    RispondiElimina
  19. Ditemi se ho capito bene, per favore: Adamo, per far nascere Abele, si accoppia con sua figlia, mentre per far nascere Caino si accoppia con una estranea, quale sostanzialmente è Eva. Quindi: la Sposa di Adamo è anche la figlia di Adamo, mentre Eva è la nonna di Abele. Ma Caino cos'è, per Abele? Suo cugino?
    E dov'è che Caino incontra Eva? E perchè Eva ha 48 cromosomi?
    Grazie.
    Manuel

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caino incontra Eva quando scappa dopo aver ucciso Abele,e con Eva si accoppiera' piu e più volte,c'è scritto sul libro,anche la storia dei cromosomi dunque, gli ancestri hanno 48 cromosomi,Eva(e solo lei) ne ha 47 e noi uomini 46, perché Eva 47? Perché potesse procreare sia con gli ancestri (come natura vuole)e sia con Adamo, (solo una volta quando Dio ha fatto cadere il torpore su Adamo perché non fosse indotto in tentazione una seconda volta quale poi successe ) infatti Dio ha proibito ad Adamo di accoppiarsi solo con Eva perché solo lei poteva generare ancora da Adamo, avendo quei cromosomi, infatti Dio ha fatto in modo che Eva non fosse così attraente x Adamo ma lui volle a prescindere disobberirlo.

      Elimina
    2. Caino incontra Eva quando fugge dove aver ucciso Abele e con lei si accoppia più e più volte, la storia dei cromosomi è questa:gli ancestri ne hanno 48,Eva (solo lei) 47 e noi esseri umani 46, perché Eva 47? Perché potesse accoppiarsi sia con gli ancestri e sia con Adamo(doveva essere solo x generare la Donna legittima sposa di Adamo invece Adamo ne fece diventare mamma biologica di tutto il genere umano)infatti Dio ha proibito ad Adamo questo perché ben sapeva le conseguenze,ma ci ha fatto liberi e Adamo ha fatto la scelta sbagliata! Spiega aanche che nonostante Adamo abbia disobberirlo e visto uccidere Abele da Caino non capi' il suo errore anzi si infurio 'con Dio perché non aveva protetto Abele infatti non Gli diede più figli,Set era nato durabreve l'omicidio di Abele,Set come Abele sono puri essere umani, perché se Adamo avesse capito il suo errore e si fosse seriamente pentito cosa ci voleva a Dio che tutto può intervenire e sistemare le cose,ad esempio trasformare Caino da ibrido a perfetto? Bene non l'ha potuto fare perché Adamo non si penti'

      Elimina
  20. Scusate, ma Dio non avrebbe potuto prendere 2 femmine ancestri, inserire in ognuna di esse il Suo ovulo fecondato e far nascere Adamo ed Eva? Non ci sarebbero stati problemi di parentela e, puberi che fossero, si sarebbero accoppiati senza tanti problemi. A me pare una soluzione ragionevole, piuttosto che far nascere Adamo, fecondare la donna ancestre col seme di Adamo per far nascere la Sposa di Adamo che poi è anche sua figlia e fare aspettare Adamo fino a che la sua Sposa/figlia diventi pubere, con il rischio che Adamo si accoppi con la donna ancestre, cosa che è effettivamente avvenuta? Cioè: era logico che Adamo, non essendosi mai accoppiato nonostante la maturità sessuale, desiderasse farlo: ma non poteva, perchè doveva aspettare 12-14 anni (il tempo necessario affinché la figlia di Adamo e della donna ancestre diventasse sessualmente matura:) ed è comprensibile che questa lunghissima astinenza forzata sia degenerata. Insomma, non capisco: c'è qualcuno che mi spiega, per favore? Grazie, ciao. Manuel

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se Dio decide di fare qualcosa, chi siamo noi per poter dire che avrebbe invece dovuto fare in un altro modo? Evidentemente se ha agito in tal modo una ragione che solo Lui conosce ci dovrà pur essere (supposto che sia avvunuto veramente così, sulla veridicità o meno della rivelazione di cui stiamo parlando nulla posso dire, spetta alla Chiesa deciderlo)...Forse voleva mettere alla prova l'essere umano così come aveva fatto con gli angeli...chissà! Ma su questa china un po' pericolosa non si finirebbe mai di domandarsi perché Dio ha agito in un modo anziché in un altro..Ad esempio, non sarebbe stato molto più semplice perdonare l’umanità e condonarle il peccato originale anziché inviare il Figlio a morire in croce per redimerci? Troppo spesso il volere di Dio, agli occhi umani un po’ presuntuosi, appare stoltezza.

      Elimina
  21. Tutte queste disquisizioni mi fanno sembrare di essere tornato indietro nel tempo quando imperava il paganesimo, altro che terzo millennio!
    Il Dio da voi espresso è così tanto umanizzato da fare pensare ad un Dio che lo ha creato. Chi può essere quel Dio che lo ha creato? La mente umana!
    E pensare che abbiamo mandato una sonda su Marte! Forse per cercare quel Dio che sovrasta su tutti gli dei pagani partoriti dalla mente degli uomini e che per convenienza non vogliono accettare quello vero.
    Quel Dio galattico che ignora la nostra presenza come noi ignoriamo la presenza di una nostra cellula del nostro corpo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lei dice: “Il Dio da voi espresso è così tanto umanizzato da fare pensare ad un Dio che lo ha creato. Chi può essere quel Dio che lo ha creato? La mente umana!”.
      Sono d’accordo con lei nel considerare gli ‘dèi falsi e bugiardi’ del paganesimo, dotati di tutti i vizi degli umani, come prodotti dalla mente umana . E anche per i tanti falsi ‘dei’ che si è creato l’uomo moderno, compreso il fantomatico ‘Dio galattico’ di cui parla lei.
      Ma il Dio del Cristianesimo è basato anche su comandi del tipo ‘ ama i tuoi nemici’, oppure sulla incarnazione, morte e resurrezione del suo Figlio, cose che nessuna mente umana avrebbe mai potuto inventarsi.
      Inoltre che l’uomo sia da considerare ‘evoluto’ solo perché ha fatto tante scoperte scientifiche ed è arrivato su Marte mi permetta di metterlo in dubbio: la scienza non lo ha per niente migliorato, dal punto di vista morale anzi sembra proprio che invece sia peggiorato…

      Elimina
  22. Se non vado errato Lucrezio Caro circa 2.000 anni b.p. scriveva su "De rerum Natura" "Ormai l'umanità ha scoperto tutto e pertanto siamo arrivati alla fine dei tempi" In 2.000 anni sono mutati più volte la morale, il costume, le leggi e quant'altro ancora. Non si bruciano più streghe sui roghi e le guerre di religione sono andare affievolendosi. Non più morti in nome di un Dio! Ma ciò che maggiormente mi lascia perplesso è che pur essendo per alcuni questo mondo peggiorato non intendono abbandonarlo.
    Questo pianeta è stato lasciato solo dagli astronauti ma per poi farci ritorno.
    La morte è sempre fortemente temuta, eppure i veri credenti in un Dio gestore e curatore della nostra vita anche dopo la morte dovrebbero augurarsela! Perchè stare in questo mondo di peccatori, di nefandezze quando gli attende una vita eterna e di godurie, magari con cascate di miele e di ninfee?
    Se non si cura di noi e non si interessa dei nostri problemi prima e dopo la morte non interesserebbe a nessuno della sua esistenza!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sono d’accordo su quello che dice riguardo alle guerre di religione. Tutt’oggi c’è molta violenza religiosa, in maniera manifesta in alcuni paesi in cui i cristiani vengono perseguitati, e in maniera occulta nei paesi in cui vige una falsa tolleranza religiosa ma in cui la manifestazione dei propri simboli e credenze religiose (tipo presepe, crocifisso) viene osteggiata se non apertamente condannata con la scusa di non dover portare ‘disturbo’ alle altre religioni.
      Devo dire inoltre che sul significato che la vita ha per un credente lei ha le idee po’ confuse, o forse vuole solo assumere un atteggiamento un po’ provocatorio… Il Paradiso non è dato gratuitamente, bisogna meritarlo durante la vita cercando di cambiare le storture del mondo, comportandosi bene, amando il prossimo (anche le persone moleste o che non la pensano come noi…), pregando e amando Dio già quaggiù prima di goderLo lassù. Ognuno di noi ha un compito da svolgere, se uno rifiutasse di portarlo a termine per egoismo o perchè non ci crede non riceverebbe certo un premio nell'aldilà...

      Elimina
  23. Quando Dante scrisse la"Divina Commedia" era preoccupato nella descrizione del paradiso per non incorrere nel giudizio della così detta "Santa Inquisizione". Poi cosa si fà per tutta l'eternità privi degli organi sensoriali? Allora escogitò una nuova forma di goduria, per tutta l'eternità fissare una luce abbagliante (fortunatamente privi degli occhi) che viene emanata da Dio!
    Ma guardare per l'eternità una luce abbagliante e non fare altro non è come annullarsi? Infatti il sommo Poeta aveva già nel 1200 come poi Giordano Bruno (ragione per cui andò al rogo) una mentalità panteistica.
    Il grande piacere infinito è la contemplazione della Natura, più la guardi e la vivi e più ti inebria.
    Anche Gesù era un panteista ed infatti dice di essere figlio di Dio, di quel Dio a cui tutte le cose appartengono, anche le particelle infinitesimali come il Bosone (chiamata appunto la particella di Dio).
    Mia moglie era valdese ed era quasi in sintonia con me in merito alla figure di Gesù. I valdesi non credono nella verginità della Madonna ed ai Santi e pertanto Gesù è figlio di Dio come lo siamo tutti e tutte le cose.
    Il bene,il male e il diavolo sono stati creati per regimentare l'umana gente che 2.000 anni fà era al 98% analfabeta ed un analfabeta non riesce a fare un pensiero astratto.
    La scolarizzazione darà vita ad un nuovo Virgilio, quì in internet e che ripeterà la famosa frase dantesca " e vissi ai tempi degli dei falsi e bugiardi". Certo che la realtà è cruda, infatti mio nipote mi disse a sei anni: Nonno voi grandi siete tutti bugiardi ci volete far credere a Babbo Natale e Gesù bambino che portano i regali. Io non ci credo più ma mi conviene altrimenti i regali non arrivano.
    Così si comporta gran parte dell'umana gente che, fortunatamente, è ancora molto infantile.

    RispondiElimina
  24. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  25. Sono decisamente in disaccordo sugli scritti di Don Guido; nella Genesi è descritto chiaramente come il serpente tentò Eva, che iniziò quel Peccato portato poi a termine da Adamo.
    Così come anche:
    [8]Poi udirono il Signore Dio che passeggiava nel giardino alla brezza del giorno e l'uomo con sua moglie si nascosero dal Signore Dio, in mezzo agli alberi del giardino. [9]Ma il Signore Dio chiamò l'uomo e gli disse: «Dove sei?». [10]Rispose: «Ho udito il tuo passo nel giardino: ho avuto paura, perché sono nudo, e mi sono nascosto».
    [11]Riprese: «Chi ti ha fatto sapere che eri nudo? Hai forse mangiato dell'albero di cui ti avevo comandato di non mangiare?».
    [12]Rispose l'uomo: «La donna che tu mi hai posta accanto mi ha dato dell'albero e io ne ho mangiato». [13]Il Signore Dio disse alla donna: «Che hai fatto?». Rispose la donna: «Il serpente mi ha ingannata e io ho mangiato».

    La disubbidienza è di entrambi, ma è stata Eva che ha ceduto al serpente! Per cui anche:

    [14]Allora il Signore Dio disse al serpente:

    «Poiché tu hai fatto questo,
    sii tu maledetto più di tutto il bestiame
    e più di tutte le bestie selvatiche;
    sul tuo ventre camminerai
    e polvere mangerai
    per tutti i giorni della tua vita.
    [15]Io porrò inimicizia tra te e la donna,
    tra la tua stirpe
    e la sua stirpe:
    questa ti schiaccerà la testa
    e tu le insidierai il calcagno».

    Gli ultimi versetti si riferiscono a Maria, nuova Eva: così come la prima volle peccare, la seconda scelse di essere la 'Serva del Signore'.

    Per chi volesse usare un giusto discernimento, consiglio di leggere le Rivelazioni a Maria Valtorta... queste sì che mi sembrano francamente di Vero altro spessore! A proposito del Peccato originale è disponibile un estratto tematico in mezzo ad altri, condensati dai suoi scritti da qualche persona di buona volontà!! Ovviamente ci sono i riferimenti alle pagine cartacee.. questo è il link:
    http://www.mariavaltorta.it/Peccato%20di%20Adamo.html

    RispondiElimina
  26. Cercavo qualcuno per dialogare su questo.Sono cattolica praticante soggetta al Papa x scelta. Sono stata sconvolta dalla lettura di Conchiglia della SS.Trinità e Don Bortoluzzi, nonchè preceduta da uno scienziato del 17oo circa se ricordo bene. La cosa mi convince parecchio anche se ce ne ho messo un po' x comprendere..però sono contenta di aver trovato qualcuno xchè nessuno ha il coraggio di quelli interpellati.. In quanto alla chiesa io resto credente ma quando i sacerdoti predicano le eresie che predicano .. siamo arrivati "..alle favole a cui gli uomini crederanno negli ultimi tempi"come dice S.Paolo così abusato x queste eresie:sarebbe lui il fondatore..Ora leggo tutto...Ciao

    RispondiElimina
  27. Inizio con alcune mie considerazioni.Da quel che ricordo si dice che la vita viene dall'acqua (anche con riferimento alla vita intrauterina) Collego le varie rivelazioni senza riferimenti troppo lunghi.Non mi pare che si parli di uovo bensì di gamete maschile e femminile nell'OVULO.Ho letto in pèassato Maria Valtorta e non ci vedo contraddizione, ricordo uno schema disegnato da lei stessa in cuui c'è un degrado e una risalita, parla anche che Gesù le ha detto che esistono gli ufo (chiamiamoli così)-altri mondi abitati.Parla di adamo e eva ,giusto anche qui adamo si unsce a eva e alla donna (vedasi mitologie e bibbia ebraica c.s) ma è con Eva che fa il peccato,la femmina animale pre-umana con 47 cromosomi,unica a poter procreare con Adamo,gli altri ancestri avevano 48 c. ed erano buoni.(Rivelazioni allo scienziato lecrerc nel 1700, a don G:Bortoluzzi e a Conchiglia-prima ancora a Mosè e prima ancora i ricordi cei sapienti, varie mitologie).Mosè avrebbe scritto (adottato dalla figlia del faraone, ma nella traduzione volutamente si sarebbe provveduto ad eliminare delle parti,e meno volutamente si sono fatti errori es.confondendo femmina con donna..).Si parla anchedei demoni nella 2^ ibridazione voluta di nuovo da Adamo (che sarebbe all'Inferno)con esseri superiori che si è di nuovo fatto gabbare x avere forza lavoro:giganti.Ciò che era buono come creato da Dio diventa corrotto x l'agire di Adamo(s:Paolo:la creazione tutta attende con ansia la rivelazione dei figli di Dio....)Le varie specie dovevano restare separate (oggi si stanno di nuovo facendo grandi paciocchi che neanche ci dicono al riguardo) ed erano cosa buona.L'uomo era cosa molto buona.Dei giganti possono aver costruito piramidi e quant'altro che non sanno spiegare...Gesù ha detto:Molto avrei ancora da dirvi ma non siete ancora capaci di portarne il peso.Lo Spirito Santo vi guiderà alla verità tutta intera.Adamo ci ha ibridati tutti x sua volontà completa, Gesù èvenuto a sublimarci col SUO SANGUE DIVINO x riscattare l'ibridazione animale-demoniaca.A me quadra bene.Adamo (come Gesù) ha avuto una triplice tentazione, concupiscenza dell'avere (aveva le pietre preziose accumulate..),del potere (ibridazione x avere dominio),del sesso che vedo come la + debole xchè Eva non era x nulla piacevole tanto che la prima volta Dio lo addormenta nella parte spirituale xchè si accoppi.dell'essre il padrone, superbia..Dio gli parlava, lo educava come un padre ma lui decide di fare di testa sua..e annulla il colloquio con Dio (è lui stesso a cercare di nascondersi e Dio a cercarlo ma lui non si pente..)La tentazione è su tutti i fronti, è la PROVA che deve superare, fidarsi di chi tutto gli ha dato e

    RispondiElimina
  28. Adamo ha voluto agire contro Dio, sapeva cosa faceva contro Dio,era piewnamente libero.Totale volntà di andare contro Dio.Dio gli ha dato tutto, gli parlava lo educava gli insegnava. Lui ha fatto ha visto il risultato e NON SI E' pentito non ha chiesto perdono (superbia),peccato contro lo S.S..Il 7^giorno Dio riposò

    RispondiElimina
  29. Cosa vuol dirre che Dio riposò? Dio opera di continuo senno' cessiamo di esistere, vuol dire che ha dato il libero arbitrio all'uomo e lo lasciA fare.
    Il diavolo non è assolto xcheìcreato nell'invisibile agisce nel pensiero di Adamo e lo tenta alla TRIPLICE CONCUPISCENZA dell'avere,potere, godere e Adamo agisce x scelta libera.Caino nei sogni di Don Bosco è vecchio e peloso, esaù era molto peloso..Lucifero è geloso dell'uomo e lo tenta..ieri come oggi.Forse prende possesso di Eva?Caino non è colpevole delle tare ma delle sue scelte operate con la ragione ereditata da Adamo.Il peccato è alla tua porta come unRobes (?) ma tu dominalo (genesi)

    RispondiElimina
  30. la donna assolta :ragionamento adamitico maschilista,Aristotele se non erro dice che le donne non hanno l'anima!La donna è innocente (albero del bene) Eva è colpevole (albero del male)Da Noè discendiamo da Adamo e la donna (Gesù chiama sua madre donna), dai figli diNoè da Adamo e Eva. Da Eva Caino, dalla donna Abele ucciso e Set, poi figli e figlie, visse a lungo, non portava ancora le conseguenze del suo agire.........Io sto col Papa ma il Papa è legato da..

    RispondiElimina
  31. Non credo all'evoluzione ma a questa rivelazione sì xchè spiega gli insoluti della genesi, non contraddice la bibbia,e spiega lo sviluppo delle speci,create di seguito, con teste di ponte con 1 solo intervento divino.Se ho capito bene, Dio crea i gameti nuovi nell'ultima specie con nascita di una femmina che genera poi il maschio.Per l'uomo invece crea una specie ancestre ed in questa famiglia agli inizi subito Eva (47 cromosomi anzichè 48).Stavolta il 1° è l'uomo e la donna dopo.Lucifero si mette di mezzo e vince tanto da creare l'involuzione da cui poi lentamente ci sarà l'evoluzione

    RispondiElimina
  32. Chiedo scusa x la mala scrittura.non so cosa sia venuto fuori.
    I miei punti interrogativi sono: chi sono i Robes ? Bibbia di Gerusalemme genesi.
    Da chi ADAMO ha avuto altri figli e figlie? Genesi
    I giganti in queste rivelazioni sarebbero derivati da 2^ibridazione con creature extra-terrestri demoniache che vogliono l'anima? Come sarebbe avvenuto ciò?
    Perchè solo dopo la nascita del figlio di Set si incomincio' a invocare il Nome di Dio? (Genesi)
    Se qualcuno mi aiuta a capire gliene sono grato.
    Ultima riflessione: esiste l'universo, il multiverso, teorie quantistiche, ..
    Che ci siano altri mondi è evidente, l'universo è in espansione. Come avviene non si sa. Che esistano altre dimensioni ce lo dice la fede, paradiso,purgatorio,inferno sono in un'altra dimensione parallela. Se veniamo da Dio siamo di Dio, anche l'inferno è mantenuto da Dio (unica causa di sè-IO SONO), che mistero...

    RispondiElimina
  33. Mi chiamo Paolo e ho 34 anni. Mi sono imbattuto in questo libro dopo una recente conversione che mi ha cambiato profondamente, prima ero più di cultura tecnica scientifica e pragmatica.

    Prima di passare a questo scritto ho letto molti libri per ricuperare la mia ignoranza in materia religiosa e soddisfare la curiosità e voglia di trovare risposte a molte domande. Tra quelli che mi hanno più lasciato un segno ricordo il diario Santa Faustina Kowalska, Maria Valtorta e questo appunto.
    Posso confermare che è un libro che va digerito, e riflettuto a lungo. Visto che non sono distante da Farra di Alpago sono anche andato di persona agli annuali incontri/conferenza della curatrice del libro per rendermi conto della persona. Devo dire che l'impressione è stata davvero buona.

    Nel mio caso dopo aver visto di persona le manifestazioni del Male (persone possedute) non riuscivo ad accettare che in questo scritto non ci fosse una menzione diretta del tentatore. Recentemente ho letto un saggio sempre della curatrice, Renza Giacobbi, che cerca di colmare questo dubbio che da quanto ho capito era parte delle riflessioni di Don Guido stesso.

    Il saggio si intitola SATANA E IL “MYSTERIUM INIQUITATIS” lo trovate qui: http://www.biblegenesis.org/blog/?p=164 (da leggere sole se prima avete letto il libro di Don Guido).
    Una tesi davvero interessante frutto di anni di ricerca, non anticipo nulla perchè va letto seguendo il percorso logico fatto dall'autrice.
    Leggerlo mi ha posto altre domande, ma credo che faccia parte del cammino di ricerca di ognuno...

    RispondiElimina
  34. Il libro di don Guido è abbastanza pesante, la sintesi che ne fa Renza Giacobbi è ottima. Ma si può dire con certezza che sono cose provenienti da Dio? Se è vero ciò che asserisce la Giacobbi Don Guido rappresenterebbe una sorta di predestinato, un uomo che avrebbe annunciato qualcosa di fondamentale riguardo i grandi temi dell'esistenza, lei lo ha conosciuto e praticato e avrà avuto modo di percepire la persona in profondità. Anch'io ho un grande amico che asserisce di avere avuto rivelazioni divine riguardo la genesi ed altri messaggi che chiariscono importanti temi biblici. Premetto che è una persona assolutamente normale dal punto di vista mentale. Sono stato testimone del suo avvicinamento alle cose di Dio circa 25 anni fa; da quel momento ha abiurato un atteggiamento incline alla fenomenologia spiritistica che lo inglobava radicalmente per dedicarsi ad uno studio talmente approfondito della Bibbia da farmi ritenere che poche persone possono sostenerlo in un discorso sul tema. Egli asserisce che momenti di preghiera di intensità estrema e digiuno gli hanno consentito di ricevere quel Dio che parla a chi con animo sgombro da schermi terreni lo cerca: Anche se la sua inizializzazione è avvenuta tra gli evangelisti da un pò di tempo non si ritiene più vincolato ad alcuna religione, ma solo alla Parola semplice e pura. Le religioni, tutte le religioni sono per lui quelle costruzioni umane che hanno contraffatto e inquinato il Messaggio divino! L'uomo non ha bisogno di intermediazioni per comunicare con il suo Creatore! Io, che sono rimasto cattolico praticante, spesso fatico a tener dietro al suo rigore sulle cose spirituali! Ma, preamboli a parte, chi è che parla o ha parlato al mio amico, a Don Guido, a Maria Valtorta, a Stefania Caterina, a Eugenia Elisabetta Ravasio, insomma a tutte quelle anime che dicono o hanno detto di dialogare col Padre ma non hanno ricevuto l'avallo della Chiesa in merito? E' davvero Dio che misteriosamente comunica con chi sembra volerlo cercare spesso al di fuori di ogni schema predisposto da una certa ufficilità religiosa o è invece un'energia propriamente autonoma che parla da una complessa profondità spirituale che si è andata riempiendo di riflessioni e procedimenti intellettivi che alla fine condizionano la totalità dell'essere ma che sono indipendenti dal concetto divino?

    RispondiElimina
  35. Gli indizi per verificare la veridicità degli scritti di Don Guido sono tantissimi in tutti i campi dello scibile umano, basta voler cercare senza pregiudizi per capirli. Io da medico trovo i libri di patologia medica zeppi di malattie che si spiegano perfettamente coi presupposti di una ibridazione: le patologie auto-immuni ne sono l'esempio lampante.

    Per quanto riguarda l'obiezione teologica più frequente che ho rilevato nel blog, e cioè quella che il peccato originale sarebbe da attribuire alla prima coppia e non al solo Adamo, basta leggere la lettera ai Romani dove San Paolo, nel capitolo in cui contrappone Adamo e Cristo, il peccato e la grazia, è categorico nel ripetere sette volte di fila che se la grazia viene per mezzo di Cristo, per colpa di un solo uomo, Adamo, il peccato è entrato nel mondo!!!

    Un solo uomo: Adamo e non Adamo corresponsabile con Eva.

    La ripetizione pedissequa per sette volte dico sette, come i vizi capitali, di questo concetto, non ci può lasciare dubbi. E non fosse altro che per la vicinanza cronologica di San Paolo, nell'esegesi del quale non si parla mai di tradizione orale rispetto all'autore della Genesi di cui non sappiamo esattamente quando si passò dalla trasmissione orale allo scritto, e di quante traduzioni e trascrizioni ci siano state, chi vede tra i due testi un contrasto, non può che risolvere questo contrasto in favore del testo paolino.

    RispondiElimina
  36. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  37. 14 Allora il Signore Dio disse al serpente:
    «Poiché tu hai fatto questo,
    sii tu maledetto più di tutto il bestiame
    e più di tutte le bestie selvatiche;
    sul tuo ventre camminerai
    e polvere mangerai
    per tutti i giorni della tua vita.

    “15 Io porrò inimicizia tra te e la Donna,
    tra la tua stirpe
    e la sua stirpe:
    questa ti schiaccerà la testa
    e tu le insidierai il calcagno». Gen, cap 3

    Se vogliamo aprire uno spiraglio sul mistero delle possessioni diaboliche dobbiamo partire dalla Genesi e aver chiaro che la discendenza del serpente e quella della Donna sono i due alberi genealogici in cui, a seguito al peccato originale, si è divisa l’umanità alle sue origini.

    Da una parte i discendenti della Donna, i puri, fratelli di Seth e Figli di Dio, dall’altra i cainiti, discendenza di Adamo e della femmina ancestre che partorì Caino.

    Nell’ambito della discendenza pura una parte dei Figli di Dio devono poi avere ripetuto moltissime altre volte il peccato primitivo di Adamo, ibridandosi con le figlie degli uomini, discendenti di Caino: la cosa è descritta dettagliatamente nel capitolo sei.

    6,1 Quando gli uomini cominciarono a moltiplicarsi sulla terra e nacquero loro figlie, 2 i figli di Dio videro che le figlie degli uomini erano belle e ne presero per mogli quante ne vollero. 3 Allora il Signore disse: «Il mio spirito non resterà sempre nell'uomo, perché egli è carne e la sua vita sarà di centoventi anni».
    4 C'erano sulla terra i giganti a quei tempi - e anche dopo - quando i figli di Dio si univano alle figlie degli uomini e queste partorivano loro dei figli: sono questi gli eroi dell'antichità, uomini famosi.
    5 Il Signore vide che la malvagità degli uomini era grande sulla terra e che ogni disegno concepito dal loro cuore non era altro che male. 6 E il Signore si pentì di aver fatto l'uomo sulla terra e se ne addolorò in cuor suo.

    Dal capitolo sei della Genesi è chiaro che i Figli di Dio, continuarono a reiterare il peccato di ibridazione del capostipite Adamo, amplificandone gli effetti di corruzione e degrado progressivo, sia genetico che spirituale, sulla razza umana.

    Il risultato fu una drastica riduzione della vita media, un diffondersi delle malattie fisiche e spirituali. E se la corruzione fisica colpì solo i cainiti, la corruzione spirituale (intesa come morte dello spirito) interessò una buona parte dei figli di Dio e così arrivò per gli uni la morte fisica, e per gli altri l’allontanamento dal Padre.

    RispondiElimina
  38. Ma se i Figi di Dio della Genesi fossero quel terzo delle stelle precipitate sulla terra in seguito alla loro ribellione? Vediamo cosa dice a proposito l’Apocalisse:

    12,1 Nel cielo apparve poi un segno grandioso: una donna vestita di sole, con la luna sotto i suoi piedi e sul suo capo una corona di dodici stelle. 2 Era incinta e gridava per le doglie e il travaglio del parto. 3 Allora apparve un altro segno nel cielo: un enorme drago rosso, con sette teste e dieci corna e sulle teste sette diademi; 4 la sua coda trascinava giù un terzo delle stelle del cielo e le precipitava sulla terra. Il drago si pose davanti alla donna che stava per partorire per divorare il bambino appena nato. 5 Essa partorì un figlio maschio, destinato a governare tutte le nazioni con scettro di ferro, e il figlio fu subito rapito verso Dio e verso il suo trono. 6 La donna invece fuggì nel deserto, ove Dio le aveva preparato un rifugio perché vi fosse nutrita per milleduecentosessanta giorni.
    7 Scoppiò quindi una guerra nel cielo: Michele e i suoi angeli combattevano contro il drago. Il drago combatteva insieme con i suoi angeli, 8 ma non prevalsero e non ci fu più posto per essi in cielo. 9 Il grande drago, il serpente antico, colui che chiamiamo il diavolo e satana e che seduce tutta la terra, fu precipitato sulla terra e con lui furono precipitati anche i suoi angeli.

    Allora: ammettiamo che gli angeli siano i figli puri e i demoni quel terzo che si sono ribellati e sono stati precipitati sulla terra: si comincia a intravedere una logica, si capiscono tanti dettagli che altrimenti sembrerebbero bizzarrie.

    La forza sovrumana dei posseduti: quella di un individuo di due metri e mezzo d’altezza!

    La perfetta padronanza di lingue antichissime: stanno su questa terra da milioni di anni.

    La capacità leggere nel pensiero, di andare contro la legge di gravità, di dominare gli elementi della natura, erano doni di Dio ai Figli.

    La volontà ostinata di non abbandonare il corpo dei posseduti: un modo per perpetuare la loro ribellione al Padre e continuare a schiavizzare i discendenti di Caino.

    A tale proposito però è bene sapere che non siamo in balia del primo demone che si avvicina! Soprattutto dopo la risurrezione di Gesù noi possiamo, col Battesimo, tornare ad essere discendenza della Donna, figli adottivi e coeredi del Regno, ma è indispensabile la triplice rinunzia: a Satana, alle sue opere e alle sue seduzioni.

    RispondiElimina
  39. Questa rinunzia che i nostri genitori compiono durante il rito battesimale va poi confermata continuamente con la nostra vita santa, intrisa dei Sacramenti e degna dell’adozione che San Paolo descrive molto bene in molti passi della sua rivelazione.

    Un passo illuminante lo troviamo nel capitolo settimo della lettera ai Romani!

    14 Tutti quelli infatti che sono guidati dallo Spirito di Dio, costoro sono figli di Dio. 15 E voi non avete ricevuto uno spirito da schiavi per ricadere nella paura, ma avete ricevuto uno spirito da figli adottivi per mezzo del quale gridiamo: «Abbà, Padre!». 16 Lo Spirito stesso attesta al nostro spirito che siamo figli di Dio. 17 E se siamo figli, siamo anche eredi: eredi di Dio, coeredi di Cristo, se veramente partecipiamo alle sue sofferenze per partecipare anche alla sua gloria.
    18 Io ritengo, infatti, che le sofferenze del momento presente non sono paragonabili alla gloria futura che dovrà essere rivelata in noi.
    19 La creazione stessa attende con impazienza la rivelazione dei figli di Dio; 20 essa infatti è stata sottomessa alla caducità - non per suo volere, ma per volere di colui che l'ha sottomessa - e nutre la speranza 21 di essere lei pure liberata dalla schiavitù della corruzione, per entrare nella libertà della gloria dei figli di Dio. 22 Sappiamo bene infatti che tutta la creazione geme e soffre fino ad oggi nelle doglie del parto; 23 essa non è la sola, ma anche noi, che possediamo le primizie dello Spirito, gemiamo interiormente aspettando l'adozione a figli, la redenzione del nostro corpo.

    Quindi in queste poche righe San Paolo ci dice chiaramente che la rivelazione sui figli di Dio sarà uno dei momenti in cui si completerà la nostra redenzione che viene in questo passo identificata con la redenzione del nostro corpo!!!!
    Ecco perché ci sarà la resurrezione della carne: il progetto originario di Dio è quello di avere dei figli a Sua immagine e somiglianza e avrà compimento alla fine dei tempi col recupero anche di quei figli che, pur essendo ibridi, avranno accettato l’adozione, santificando il loro corpo e preparandolo alla gloria che ai figli, discendenza della Donna, spetta di diritto.

    Cordiali saluti, F. Martelli

    RispondiElimina
  40. Ciao a tutti. Poiché ho letto i libri in questione e vorrei tanto poter condividere con voi alcune questioni inerenti i Figli di Dio e i Figli dell'uomo vi volevo chiedere se avete un profilo facebook sul quale potersi tenere vicendevolmente aggiornati su questo argomento troppo affascinante da tenere relegato nel proprio cuore. Io sono Luca Moschini.

    RispondiElimina
  41. http://www.ingannati.it/2014/04/01/se-don-guido-bortoluzzi-avesse-ragione/

    Maranathà

    RispondiElimina
  42. ANCH'IO AVEVO IPOTIZZATO COSE DEL GENERE , MA POI LEGGENDO SUL WEB (L'EVOLUZIONISMO DAI QUADERNI DI MARIA VALTORTA ) GESU' STESSO MI HA TOLTO TUTTI I DUBBI ...

    RispondiElimina
  43. Maria Valtorta non mette in dubbio minimamente lapossibilità di extra-terrestri (come anche padre Pio) come neanche giustifica alcun evoluxzionismo anzi ricordo un grafico scritto dalla stessa in cui c'è un degrado progressivo e POI una ripresa, l'evoluzionismo non esiste, è una "balla"spacciata per scientifica quando di fatto mancano gli anelli di congiunzione e di fatto con le scoperte sul dna l'evoluzionismo è spacciato.La genesi rivelata a Don Guido e poi a Conchiglia della SS Trinità (conferma ed avanzamento nella stessa con spiegazioni origini alieni, demoni angeli) è schoccante ma poi diventa logica, l'unica spiegazione LOGICA. Il terzo delle stelle cadute penso siano i figli di Dio distinti dagli angeli, perchè Lucifero era un angelo, puro spirito e l'esistenza degli angeli (che poi possano essere anime non incarnate? non so) è un dato di fatto come dei demoni, angeli in opposizione al Creatore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'immagine di "un terzo delle stelle cadute" corrisponde a TRE (e c'era forse da dubitarne, essendo Dio Uno e TRINO? :-) diverse realtà:

      1) la caduta di UN TERZO degli Angeli (esseri puramente spirituali NON ad Immagine di Dio: poiché NON aventi in sé Parte Maschile e Parte Femminile: e Renza Giacobbi, scagliatasi contro la "Conchiglia" costituita da Dio "pietra d'inciampo" in questa Seconda Pienezza dei Tempi, finisce appunto per "sfracellarsi" nell'eresia della NEGAZIONE dell'esistenza degli Angeli. E dell'AFFERMAZIONE dell'apocatastasi finale): con la conseguente formazione dei demòni intesi come Angeli dannati

      2) la scelta pro-lucifero di UN TERZO delle Anime (pensate e quindi chiamate all'esistenza da Dio: a Sua Immagine. Nella "scissione d'Amore" FUORI DA SE' che seguì l' "implosione d'Amore" che avvenne IN SE'): con la conseguente origine dei "figli della perdizione". Ossia quelle Anime che si sono liberamente predestinate alla perdizione e che Gesù rappresenta -nella parabola data alla "folla"- con l'immagine della zizzania seminata nel campo da un nemico: e, ancora più precisamente (nell'interpretazione che Egli stesso dà di quella parabola ai Suoi discepoli), come i "figli del maligno" seminati nel Mondo dal "diavolo". Ha ancora la possibilità di salvarsi, la "zizzania": che viene infatti lasciata crescere, dal Figlio dell'Uomo, accanto al "buon grano" delle Anime dei figli di Dio seminate da Lui e soggette -come i figli della perdizione- alle conseguenze del Peccato Originale. Ma, per cogliere tale possibilità: la "zizzania" deve VOLERE salvarsi e deve VOLERE sconfessare la scelta fatta prima di incarnarsi. E per la "zizzania" è ancora più vitale che per il "buon grano" il NON fare il male: appunto perché è SPIRITUALMENTE inclinata a farlo: essendo i figli della perdizione venuti nel Mondo per compiere il male, per sé stessi, per molti o addirittura per l'INTERA Umanità. Santa Caterina da Siena, allorché incontra alcuni figli della perdizione addirittura vestiti da Cardinale (poiché i figli della perdizione, che sono anche "figli delle tenebre" e "figli di questo mondo", oltre che "figli del maligno": sono naturalmente attratti dalle posizioni di potere e fin dall'inizio si sono incuneati nella Chiesa, mentre Essa si espandeva sempre di più), parla infatti di "demòni incarnati". E l'espressione di tale Santa è oggi PIENAMENTE intelligibile alla luce di questa differenza, ESPLICITAMENTE rivelata a Conchiglia della Santissima Trinità: ma che è EVIDENTE in innumerevoli passi della Sacra Scrittura.

      3) il rinnovo del Peccato Originale compiuto da UN TERZO dei Figli di Dio, che hanno imitato il cosiddetto Adamo: non solo e non tanto rinnovando l'ibridazione MAI voluta da Dio, quanto indurendosi ed ostinandosi e dunque non pentendosi fino alla fine delle loro sciagurate scelte, arrivando così a commettere il peccato imperdonabile (quello compiuto contro quello Spirito Santo che è, delle Tre Persone Divine, quella "Vendicativa").
      Tali Figli di Dio (che pure erano, come il Capostipite, "figli di Dio" in Anima: poiché altrimenti Dio non gli avrebbe permesso d'incarnarsi in un Corpo geneticamente immune dal Peccato Originale, per quanto non TOTALMENTE immune da esso per via epigenetica) sono quei "demòni" alla ricerca ossessiva-compulsiva di un "corpo" da abitare. Poiché il Corpo lo hanno avuto (a differenza degli Angeli dannati: che sono puri spiriti per i quali Dio non ha pensato alcuna incarnazione, né permanente né temporanea) e un corpo (benché non perfetto come quello in cui si erano incarnati nella loro incarnazione viatoria) lo continuano a cercare.



      Elimina
    2. A queste tre categorie di "demòni" (Angeli dannati, figli della perdizione incarnati e che manifestano pienamente la loro essenza, Figli di Dio dannati) ce ne sono poi da aggiungere altre due:
      1) le Anime dei figli della perdizione che hanno liberamente deciso di NON incarnarsi per meglio aiutare le Anime dei loro fratelli e sorelle dall'Universo Invisibile
      2) i cosiddetti "alieni cattivi": che sono invece veri e propri "robot biologici senz'Anima", per quanto intelligenti (e persino ESTREMAMENTE intelligenti: al punto tale da essere andati a colonizzare anche altri pianeti, oltre che vaste zone interne della terra); che derivano TUTTI dagli abomini genetici fatti sistematicamente dal Capostipite, vissuto milioni di anni dopo aver commesso il peccato imperdonabile contro lo Spirito Santo. Anche tali "demòni", come i Figli di Dio ribelli, sono "infestanti": ma non perché vogliano un "corpo" (come vogliono i Figli di Dio ribelli) bensì perché cercano senza sosta delle Anime di cui "nutrirsi" (essendone loro privi).

      Tutte "verità troppo pesanti da portare", quindi: e per portare le quali Gesù ha appunto dato il Suo Spirito ai figli di Dio da Lui redenti (e da Maria co-redenti). Prima in caparra e poi in pienezza.
      Ma che da alcuni figli di Dio da Lui redenti (e da Maria co-redenti) e nei quali il Suo Spirito abitava in pienezza: furono ritenute comunque "eccessive" per essere divulgate a tutti i credenti. Decidendo così di limitarsi all'Annuncio salvifico, tanto più che si sapeva imminente il Ritorno di Gesù, che si sarebbe realizzato nel corso di quella stessa generazione (e le lettere paoline, ma anche più di un passo dei Vangeli: lo attestano inequivocabilmente).
      Tale mancato affidamento totale alla Volontà di Dio (poiché la Verità era stata rivelata TUTTA INTERA dallo Spirito Santo perché TUTTA INTERA fosse poi trasmessa ad ogni membro del Corpo mistico di Cristo Gesù, che è la Sua Chiesa), operato dalla maggioranza delle "Gerarchie" della Chiesa primitiva (alla volontà dei quali gli Apostoli stessi s'inchinarono) determinò però la classica "eterogenesi dei fini": e fu la causa proprio del RALLENTAMENTO di quella Parusia che era effettivamente imminente e per la cui imminenza le suddette Gerarchie ritennero di potersi permettere il "tradimento della Tradizione", ossia la NON integrale trasmissione della Verità TUTTA INTERA.
      Ecco il "peccato originale" all'inizio della storia della Chiesa.
      Dal quale Dio trasse, così come del resto fece in occasione del Peccato Originale compiuto, e poi perfezionato, dal Primo Uomo (e solo da lui) e rinnovato da tanti suoi Discendenti: un BENE MAGGIORE.
      Un BENE MAGGIORE per tutti i Suoi figli che Lo amano.

      Maranathà

      Elimina
  44. Il terzo delle stelle cadute sono anche i sacerdoti vari compresi cardinali e loro capo, che apostano dalla verità (il Catechismo lo diceva nel 1995 già : è in atto un'apostasia silenziosa) e sarebbe anche da varie fonti il segreto di Fatima. La Parola di Dio ha molti sensi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se per "loro capo" intendi il Papa: sono a ricordarti che QUALSIASI Papa (che sia veramente tale) NON PUO' cadere nell'apostasia. In FORZA della preghiera di Gesù fatta per Pietro e TUTTI i suoi successori.
      Se per "loro capo" intendi colui che da Papa è solo "travestito" ma che IN REALTA' è l'Antipapa escatologico (in quanto Falso Agnello, Falso Profeta e Bestia della terra): allora vedi bene che la caduta di costoro NON E' NULL'ALTRO che la conferma, nel tempo, di ciò che essi già scelsero all'INIZIO.
      E quindi tale caduta è la rinnovata manifestazione dell'auto-selezione dei figli della perdizione: ad uno dei quali è concesso, nella Seconda Pienezza dei Tempi, di arrivare addirittura a sedersi sul Trono di Pietro.
      Per portare con sé tutti coloro che, assieme a lui: si sono scelti per padre il diavolo.

      A noi il compito di dare inesaustamente l'allarme (in ciò essendo "collaboratori" di Dio nostro Padre e non figli inerti: nella consapevolezza che ogni azione va compiuta con l'attitudine dei "servi inutili") ai nostri fratelli e sorelle che si stanno lasciando ingannare dal Falso Profeta.
      E di ricordare a coloro che sono "vergini addormentate": l'importanza della Riserva d'Olio, in un tempo nel quale sempre più si vuole ridefinire il peccato ed il senso che di esso ha ogni retta coscienza.

      Maranathà

      Elimina
  45. Perfettamente vero, Gesù disse che le pecore avrebbero riconosciuto la VOCE del Pastore, il lupo non lo avrebbero seguito, i figli Dio riconoscono la Voce perchè l'hanno già sentita.
    Ora colui che siede là dove non dovrebbe, ab-usando di un posto che non gli appartiene, infatti dice che i pastori devono sentire l'odore delle pecore, ma è meglio seguire Gesù che parla di Voce.

    RispondiElimina
  46. Veramente ritieni che fin dagli Apostoli (i 12 per intenderci con Mattia -Lazzaro se non erro), perchè sui successivi siamo d'accordo,abbiano di già deragliato?Vero è che San Pietro voleva tenere i piedi in 2 paia di scarpe ma San Paolo gli ha datto una dritta, San Paolo direi di no comunque perchè qualcosa arriva fino a noi che conferma Conchiglia ed altre profezie.Bisogna far ragionare i Figli di Dio perchè sennò rallentiamo la compiutezza del Regno, o meglio ormai rischiano solo di star fuori perchè il Regno si compie presto.Ma accettare la VERITA' evita tanti malanni. Ecco anche perchè lavorano tanto contro sminuendo disprezzando urtando leccando richiamando " benevolmente" all'obbedienza a chi sta contro Cristo cercando un'ammucchiata di volemose' bene fasulli e urlando in ultimo. L'urlo del perdente.Amen

    RispondiElimina
  47. Il Regno è GIA' fra noi.
    Il Regno è GIA' in noi.
    Il Regno è GIA' qui: ogni volta che irrompe il GIA' nel nostro NON ANCORA (come ispiratamente affermò, parlando del Sacrificio Eucaristico, colui che è il Papa, per quanto Emerito; e che è anche il Katechon che si è auto-rimosso, allorquando ha inteso che ciò fosse la Volontà di Dio; e che è anche il Pietro che "da vecchio" -ossia alla fine del Papato- si "sarebbe lasciato portare da qualcun altro laddove non avrebbe voluto"; e che è anche il "Vescovo vestito di bianco" visto dai pastorelli a Fatima; e che è anche il "De Gloria Olivae" profetizzato da San Malachia).

    La questione è: quanti ci entreranno, nella Sala delle Nozze?
    Le "vergini addormentate" veramente tali: entreranno oppure no a seconda della Riserva di Olio.
    Che cui non sarà mai ECCESSIVO ribadire l'importanza.
    Ma coloro che "vergini addormentate" non sono veramente: hanno vitalmente BISOGNO di arrivare a vedere la verità "tutta intera". E comprensiva di quelle verità" troppo pesanti da portare", senza l'ausilio dello Spirito Santo.

    Ecco allora che chi "rallenta": non solo non entra lui (correndo peraltro il rischio di SFRACELLARSI e quindi non solo di non entrare nel Regno di Dio sulla Terra Rinnovata sotto i Nuovi Cieli ma persino di dannarsi per l'eternità. O comunque di scontare il Purgatorio fino alla Fine del Mondo: ossia di soffrire le pene dell'Inferno -poiché le pene del senso del Purgatorio non hanno NULLA di diverso da quelle dell'Inferno- per un tempo INIMMAGINABILMENTE lungo) ma impedisce anche ad altri, di entrare.
    Caricandolo di pesi che lui non porta.

    Ecco quindi che in questi nostri tempi in cui vi sono:
    - coloro che avendo smarrito la chiave, non entrano loro e non lasciano entrare quelli che pur sarebbero pronti ad entrare
    - coloro che si comportano da vignaiolo omicidi, che non solo uccidono i numerosi "servi" mandati dal "Padrone della Vigna" ma poi decidono di uccidere persino il "figlio" da Lui mandato
    - coloro che non adempiono al loro ruolo di servi buoni e fedeli e quindi NON danno il cibo OPPORTUNO al tempo OPPORTUNO ai domestici che gli sono stati affidati dal Padrone di Casa
    - coloro che pur essendo stati invitati al Banchetto del Re che vuole festeggiare le Nozze del Figlio, non rispondono affermativamente al Suo invito, recatogli dai Suoi "servi". E anzi alcuni di loro osarono persino uccidere i Suoi "servi",
    si stanno realizzando sotto i nostri stessi occhi le "parabole del Regno".

    Come quella dei "vignaioli omicidi" del cap 21 di San Matteo o quella del "banchetto di nozze" del cap 22.
    E vediamo sotto i nostri occhi che il Re ha mandato i "servi" a chiamare buoni e cattivi, dagli angoli delle strade e persino dai fossi: per il venir meno della risposta di coloro che erano i naturali "inviatati alle nozze"

    Successe ALLORA.
    Succede OGGI.

    Maranathà

    RispondiElimina
  48. Direi che nella parabola dei vignaioli omicidi si vede sia il Figlio che 2000 anni or sono LO uccisero per prendersi la VIGNA e sia il figlio o figlia che parla a SUO NOME, del Padre che E' Padre e Madre, del Figlio e dello Spirito Santo. E dato che Dio SS Trinità manda inviati con il SUO Spirito Santo ad annunciare il REGNO fino alla fine dei tempi di Satana (nell'esorcismo dei 2 indemoniati dei Gadareni GLI dicono ...perhè sei venuto a tormentarci PRIMA del TEMPO?"...il peccato contro lo Spirito Santo non verrà perdonato. Soprattutto da coloro che LO rifiutano sapendo bene la VERITA' e sono i PRIMI invitati al banchetto di nozze che lo rifiutano per tenere il posto, hanno da fare...Il momento delle nozze delle Anime con lo Sposo di cui hanno parlato i mistici che ne han fatto esperienza ed allora vengono SPINTI ad entrare storpi e zoppi ...

    RispondiElimina
  49. In ferie ho trovato una libreria con edizioni economiche superpocket e tra i vari thriller rilassanti ho trovato "il segreto della genesi" di Tom Knox, (Longanesi 2009), non son riuscita a trovare "il marchio di Caino" (Longanesi 2010). Tom Knox pseudonimo dello scrittore e giornalista Sean Thomas. Riporto parte nota autore " Gobekli Tepe è un sito archeologico risalente a circa 12.ooo anni fa...nella Turchia sudorientale, nei pressi..Sanliurfa.L'intero complesso... è stato deliberatamente sepolto nell'8000 a.c.. Nessuno sa perchè. Nella regione che...tra i curdi... è diffuso ancora oggi.... adorano un dio chiamato melek taus." Conferma in pieno Don Bortoluzzi, anche se l'ipotesi fatta nel romanzo non tiene conto dell'origine in base alla rivelazione a Don Guido per cui doppiamente interessante perchè parla di ibridazione tra 2 gruppi , uno di ominide direi e l'altro di giganti depravati.

    RispondiElimina
  50. Il Dr Salvatore Canto più sopra ha detto “ Ad esempio, non sarebbe stato molto più semplice perdonare l’umanità e condonarle il peccato originale anziché inviare il Figlio a morire in croce per redimerci? Troppo spesso il volere di Dio, agli occhi umani un po’ presuntuosi, appare stoltezza”.
    Queste frasi mi hanno indotto a fare queste considerazioni : sarebbe stato semplice ma non giusto. Giusto/giustizia è uguale a dire ciò che sottostà alla Legge che è immutabile. Dio ha fatto la legge, Lui è una delle parti contraenti del patto stipulato con Adamo al quale ha detto io sono Dio Tuo creatore, se mi accetti come Signore e sottostai alle mie leggi avrai tutta la mia protezione e non ti mancherà nulla che ti renda la vita facile e gradevole su questa terra di cui ti rendo Signore e padrone di disporre di tutti i suoi beni. Come tutte le creature sei soggetto a questa legge “Ognuno si riproduca secondo la propria specie” . Come sappiamo bene Adamo ha trasgredito questa legge comportandosi peggio di qualsiasi altro animale sulla terra (che a questa legge si sono attenuti) a parte Eva animale ancestre coinvolta insieme ad Adamo.
    Se io lascio cadere un oggetto questa azione sottostà alla legge di gravità e l’oggetto, se fragile, si frantumerà. È legge che avvenga ciò. Se Dio avesse condonato la sfida/errore che Adamo fece, Dio avrebbe dovuto transigere anche su qualsiasi altro errore futuro fatto dagli esseri umani in opposizione alle sue leggi. Dio può essere misericordioso ma non debole, può mitigare una pena ma non evitare di applicarla.
    Era nelle possibilità di Adamo che Dio lo perdonasse e ciò sarebbe avvenuto se lui avesse chiesto perdono. Se lui avesse confessato “ ho sbagliato addossa su di me tutte le conseguenze del mio errore e non sulla mia stirpe”… quante volte Dio ha ritirato il suo braccio quando l’uomo si è dimostrato pentito?
    Ma don Guido Bortoluzzi ci ha descritto come Adamo continuò il suo atteggiamento arrogante e fece addirittura un gesto osceno contro Dio.
    Ad-ham significa Signore della Terra (e non fatto di terra) Dio ha donato ad Adamo la Signoria sulla terra e sugli esseri viventi del pianeta. Adamo ritenne sua tutta la sua discendenza carne della sua carne e Dio che gli aveva concesso questo non poteva riprendersi il diritto su di essa con un atto forzoso pertanto immagino che abbia chiesto ad Adamo quale prezzo occorreva per il riscatto dell’umanità. Al che Adamo avrà posto delle condizioni “ 1) che il Tuo figlio unigenito muoia di morte dolorosa 2) che Tu possa riprenderti tutti quelli che continueranno a credere in Te dopo aver visto che Tu hai lasciato morire tuo figlio senza intervenire. 3) Che io sia libero di convincerli che Tu non esisti o che Tu non sei buono (peccato imperdonabile contro lo spirito di amore).4) che mi sia dato un lasso di tempo entro e non oltre in cui io sia libero di operare cercando di attirare a me i “miei figli” cioè quelli che ascolteranno la mia voce invece della Tua.
    È venuto suo figlio unigenito, incarnandosi come Gesù, che ha pagato il prezzo richiesto e ci ha invitato a seguire la "voce del Padre". Il Suo sacrificio ci ha riacquistato alla dignità di Figli adottivi (adottivi= figli di un altro padre) e ora figli e fratelli di Gesù.

    RispondiElimina
  51. Il mio libro recentemente pubblicato, è in grado i dare risposte scientificamente bibliche a quanto asserito da don Guido Bortoluzzi. Consiglio, pertanto, di leggere: Lorenzo Ventrudo, Genesi: la Donna è innocente .... Fede &Cultura, 2014. Lorenzo Ventrudo, Diacono della Diocesi Lucera-Troia. Maranà thà!

    RispondiElimina
  52. NON mi convince..
    Dice s.Paolo che tutta la creazione geme e soffre le doglie del parto aspettando di essere liberata dalla schiavitù del peccato.
    Se esiste l'ancestre, un'animale con quell'istinto, esisterebbe questo universo così come lo conosciamo!
    Quindi sarebbe già questo stesso universo sofferente, questo sotto la schiavitù del peccato!
    Non è però possibile, perché il peccato originale non era stato ancora commesso?
    Come si spiegherebbe?

    RispondiElimina
  53. Tu, labemolle-Paolo, dici:
    "Se esiste l'ancestre, un'animale con quell'istinto, esisterebbe questo universo così come lo conosciamo!
    Quindi sarebbe già questo stesso universo sofferente, questo sotto la schiavitù del peccato!
    Non è però possibile, perché il peccato originale non era stato ancora commesso?"

    Essendo formulato assai male, questo interrogativo che poni: provo a ri-formularlo, dopo aver "estratto" l'intenzione sottostante. E se sbaglio, mi correggerai.

    "Se fosse esistita l'ancestre, un'animale con quell'istinto volto al male, sarebbe già esistito questo universo così come lo conosciamo!
    Quindi sarebbe già questo stesso universo sofferente, questo sotto la schiavitù del peccato!
    Ma come potrebbe essere possibile ciò, posto che il Peccato Originale non era stato ancora commesso?"

    Se la ri-formulazione che ho fatto della tua domanda, Paolo, è esatta: allora la risposta al tuo interrogativo è pressoché IMMEDIATA.

    Eva, la "madre dei viventi" (è questo infatti il significato del nome ebraico HAIWA': e già questo pone un IMMANE problema rispetto alla versione letteralista di Genesi. Essendo che Adamo NON è nato da Eva. E quindi il nome di Eva, che è chiaramente un "secondo nome" femminile, stante la presenza dell'altro nome femminile ISHA', tradotto in latino con VIRAGO: conterrebbe una parziale fallacia. Poiché se Eva fosse la Prima Donna allora sarebbe "madre dei viventi MENO UNO"), la femmina animale pre-umana, la super-ancestre, il "Capo di Ponte" da Adamo resa superbamente "Ponte" (quindi, Adamo è un PONTIERE: ossia un PONTEFICE INCURSORE. Ti ricorda qualcuno, Paolo?): NON AVEVA NESSUN ISTINTO VOLTO AL MALE.

    Il fatto che "tentasse" Adamo fu essere semplicemente il frutto del suo "andare in calore": ma sappiamo anche, con la Ragione illuminata dalla Fede, che quelle messe in atto dalla pre-umana Eva NON ERANO e NON POTEVANO essere delle tentazioni, per Adamo.
    Stante la sua INCOMMENSURABILE superiorità su Eva e la sua TOTALE padronanza e signoria delle sue pulsioni naturali.
    Non aveva alcun "baco", Adamo.
    E, per noi uomini "bacati", nel senso di "ibridi": è difficile financo soltanto immaginarcelo.
    Da qui l'importanza della vita di Grazia: perché se non si vive come si pensa si finisce per pensare come si vive.
    E quindi a ritenere che la purezza e la castità non siano possibili e che il celibato ecclesiastico sia una pretesa inumana e che attesta la fallacia ab origine della Chiesa Cattolica.

    Quindi, labemolle-Paolo, ciò che tu vedi come "tentazioni" nei confronti di Adamo (e che anch'io arrivo facilmente a vedere come tali, se appena mi "abbasso" di livello spirituale. E "vibro" ad un livello più basso, che era poi quello mio ordinario PRIMA che iniziassi a lasciarmi convertire dal mio Maestro, Signore e Dio: Gesù il Cristo, nato da Maria Perfetta Vergine): in verità non lo sono.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un Cattolico Apostolico Romano12 gennaio 2016 08:44

      ERRATA CORRIGE:
      là dove scrivo:
      ***(è questo infatti il significato del nome ebraico HAIWA': e già questo pone un IMMANE problema rispetto alla versione letteralista di Genesi. Essendo che Adamo NON è nato da Eva. E quindi il nome di Eva, che è chiaramente un "secondo nome" femminile, stante la presenza dell'altro nome femminile ISHA', tradotto in latino con VIRAGO: conterrebbe una parziale fallacia. Poiché se Eva fosse la Prima Donna allora sarebbe "madre dei viventi MENO UNO")***

      è da correggersi in:
      ***(è questo infatti il significato del nome ebraico HAIWA': e già questo pone un IMMANE problema rispetto al senso letterale di Genesi. Essendo che Adamo NON è il figlio della Prima Donna ma semmai il contrario. E quindi il titolo attribuito ad Eva, che è chiaramente un "secondo nome" femminile, stante la presenza dell'altro nome femminile ISHA', tradotto in latino con VIRAGO e che si riferisce inequivocabilmente alla Prima Donna: sarebbe parzialmente falso. Poiché se Eva fosse la Prima Donna allora NON sarebbe "madre dei viventi" poiché vi sarebbe UN vivente di cui ella non è "madre": ossia Adamo stesso)***

      Elimina
  54. E, comunque, in quel comportamento "lascivo" di Eva (ed ella divenne EFFETTIVAMENTE lasciva, come si vede in una scena posteriore al Peccato Originale, quando si intuisce che Eva era divenuta adusa ad effettuare sesso orale al Primo Uomo. Ma, ancora una volta: CHI ERA il VERO colpevole, di quella lascivia? La pre-umana corrotta o il Primo Uomo corruttore?): non è detto che non vi fosse una pre-esistente corruzione operata dal Primo Uomo nei confronti di Eva.
    Corruzione operata, ancora una volta: NON per lussuria (cui Adamo non andava in alcun modo soggetto), ma per superbia.
    Hai presente quei bambini che staccano le zampette alle formiche una per una, per vedere "che succede"?
    O che vivisezionano le lucertole, per vedere "come sono fatte"?
    O che attaccano le miccette alla coda di un gatto o di un cane, per vedere "cosa fa"?
    Non è un "peccato", certo: ma è GIA' manifestazione di un atteggiamento di distacco e di ostentata superiorità "a modo degli uomini" e non "a Modo di Dio" nei confronti della Creazione circostante.
    Cosa fece il giovane Adamo su Eva, la "madre dei viventi" e colei che ne era stata "madre gestazionale": NON lo sappiamo.
    Ma non mi stupirei che, mentre egli iniziava ad accogliere le suggestioni PURAMENTE INTELLETTUALI di Lucifero: le avesse fatto del male, in qualche modo.
    Male che aveva "umanizzato" la pre-umana: al punto da inocularvi una "lussuria" che nel mondo animale era DEL TUTTO assente.
    E questo GIA' PRIMA del Peccato Originale.
    Del resto, Adamo GIA' PRIMA del Peccato Originale aveva iniziato ad uccidere gli animali, pur non essendovene necessità.
    Ecco quindi profilarsi, alla Luce della Perla che verso la quale tu ti ostini ad avere un atteggiamento dilazionatorio e nei cui confronti sei stato "ad un pelo" dallo SCAGLIARTI CONTRO: un vero e proprio "pre-Peccato Originale" che ha costutuito di quello l'humus, il terreno e la premessa.
    Così come il Peccato Originale ha costituito l'humus, il terreno e la premessa del peccato imperdonabile compiuto contro lo Spirito Santo, allorché Adamo "addebitò" a Dio la tragica conseguenza del suo scellerato operato.

    Ti va bene così, labemolle-Paolo?

    Vieni, Spirito Santo. Lo Spirito Santo Viene.
    Vieni, Signore Gesù. Il Signore Gesù Viene.

    MARANATHA'.

    Fabio Massimo Patricelli, figlio di Dio, cattolico apostolico romano

    RispondiElimina
  55. leggete BIGLINO
    la rivelazione può venire solo dalla ricerca e dall'uso della ragione ,non da pseudorivelazioni di pseudodei a pseudoprofeti.
    certo non si troverà la pappa già pronta e ciò per molti è scomodo.

    RispondiElimina
  56. cosa accadde all femmina non Eva? non è possibile che ci sia stata una doppia generazione dell' uomo? quello nato tra caino ed eva e quella tra adamo e la non eva?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un Cattolico Apostolico Romano12 gennaio 2016 09:55

      (segue)

      E questo apre definitivamente gli occhi sul perché la masturbazione è un atto impuro e, di per sé: un peccato mortale.
      E le due stirpi, dopo la morte di Abele, la "messa in sicurezza" di Caino e il "tirarsi indietro" di Adamo: come andarono avanti?
      Proprio in occasione dell'uccisione (attuata mediante il primo atto sodomitico: e la rivelazione a Don Guido permette quindi di aprire definitivamente gli occhi anche sull'intrinseca bruttezza e sull'intrinseca omicidarietà degli atti sodomitici, sia quelli fatti tra un uomo e una donna che, a maggior ragione, quelli fatti tra due uomini. Che infatti rientrano, come il versamento del sangue innocente: tra i peccati che gridano vendetta agli occhi di Dio, assieme alla categoria più generale del "peccato impuro contro natura". Il primo grado del quale è proprio la masturbazione) era nato Set, il secondogenito dei Figli di Dio.

      Quindi, la stirpe dei Figli di Dio proseguì avendo Set come nuovo capostipite: che quindi generò figli con la Prima Donna, che era anche sua madre.
      Ed è chiaro, quindi, che l'intera stirpe dei Figli di Dio "risentì" di questo "disallineamento" rispetto al Progetto Originario di Dio: poiché Set e sua madre, la Prima Donna, non erano Anime Gemelle tra loro. E non avrebbero dovuto generare dei Figli. Ma cosa siano esattamente le "Anime Gemelle": lo si può comprendere solo accettando ed accogliendo LA RIVELAZIONE data a Conchiglia.

      La stirpe dei figli degli uomini pure proseguì: con Caino che continuò a generare figli con quell' "Eva" che gli era madre terrena in senso anche biologico (e non solo gestazionale, come per suo padre Adamo).
      E nei confronti di questi "figli handicappati", Dio fu particolarmente attento e premuroso, nell'accudirli e nel seguirli nella necessaria ri-evoluzione.

      Del resto, è esperienza comune per i padri e le madri terrene: che allorché nasce loro un figlio handicappato, assieme a figli sani, il loro amore e la loro cura sono particolarmente "catalizzati" e "focalizzati" dal figli handicappato.

      E così andò avanti la Storia Umana.
      Che vide poi ulteriori (e irrevocabili) cadute:
      1) sia da parte di Adamo (che arrivò a DEVASTARE la Creazione Visibile mediante i suoi abominevoli e satanici esperimenti genetici... e i dinosauri non ne sono certo la parte più orribile, di questi esperimenti genetici), che quindi arrivò, ad un certo momento, a perfezionare l'unico peccato imperdonabile, quello contro lo Spirito Santo... e, da quel momento, stipulò un'ALLEANZA IRREVOCABILE con Lucifero al punto da riceverne in pienezza lo spirito (infatti, anche nell'Universo Invisibile c'è il cosiddetto "horror vacui" e non solo in politica e nella materia: e quando lo Spirito Santo fu irrevocabilmente bestemmiato da Adamo e quindi altrettanto irrevocabilmente lo abbandonò... la sua Anima non restò "vuota di spirito"... ma fu bensì occupata stabilmente da "un altro spirito")
      2) sia da parte dei numerosi Figli di Dio che vollero imitarlo... e nella Genesi è esplicitamente scritto, nel Capitolo 6.


      Elimina
    2. Un Cattolico Apostolico Romano12 gennaio 2016 09:56

      (segue)

      Quindi, quella che sarebbe dovuta essere MONOGENESI, nel Progetto Originale di Dio: divenne "MONOGENESI spuria", a causa del contributo aggiuntivo del DNA ancestrale e non Umano di Eva, la "madre dei viventi".
      E tale Peccato Originale di ibridazione genetica, voluta dal Primo Uomo e solo ed esclusivamente da lui (e poi ri-voluto da altri Figli di Dio - Uomini anch'essi - che lo hanno voluto imitare e ripercorrerne le sataniche orme): ha avuto devastanti conseguenze sulla Creazione TUTTA. Sia quella Visibile che quella Invisibile. Ma se non si intendono prima le cose della Terra, come possono intendersi le cose del Cielo?

      Tantissime altre cose potrebbero quindi già dirsi e darsi, caro Gaetano: ma vanno dette e date a coloro che sono pronti ad ascoltarle e a riceverle.
      E "cartina di tornasole" dell'essere pronti ad ascoltarle e a riceverle è appunto l'ascolto e l'accoglienza nei confronti de LA RIVELAZIONE data a Conchiglia.
      E il credere, e vedere, che LA PAROLA data a questa donna: è puramente e semplicemente La Parola di Dio.

      Ma a lei, Gaetano, faccio a questo punto una domanda preliminare:
      lei, chi dice che sia, Gesù?

      Grazie in anticipo per la sua risposta

      Dio la benedica

      Maranathà

      Elimina
  57. "Dio nel creare ogni nuova specie animale, nelle diverse ere in cui ha voluto farlo, ha utilizzato una femmina di una specie già esistente, affine (ma non uguale) a quella da creare ex novo, ‘inserendo’ nel suo utero un uovo composto da gameti maschile e femminile creati da Lui stesso, e ciò per far nutrire e sviluppare questo uovo senza che materiale genetico della vecchia specie passasse alla nuova"

    E quelle precedenti, della "specie già esistente" chi le ha create?
    Bastava crearle già ben fatte, no?
    A me sembra il gioco del "Piccolo chimico": prendi un po' di questo, inserisci un po' di quello ottieni una cosa imperfetta ma, se ci riprovi, viene meglio... Il primo tentativo, quella vecchia e brutta poi muore e ...ciccia. Anzi no: prima genera esseri imperfetti perché a quello sporcaccione piaceva pelosa e brutta...anzi no, bona pure l'altra...
    Bah! Molto, ma molto più seria la Genesi:
    " E Dio disse: «Facciamo l'uomo a nostra immagine, a nostra somiglianza, e domini sui pesci del mare e sugli uccelli del cielo, sul bestiame, su tutte le bestie selvatiche e su tutti i rettili che strisciano sulla terra»"
    Parla di Dio, l'Essere Perfettissimo, non del "Piccolo chimico".

    RispondiElimina
  58. Un Cattolico Apostolico Romano12 gennaio 2016 10:15

    RISPOSTA AL SIG. LISTER, IN RELAZIONE A QUANTO HA SCRITTO IL 6 NOVEMBRE 2015, ORE 17:00

    Egregio sig. Lister,
    chi ha letto la rivelazione a Don Guido Bortoluzzi, e l'ha letta alla Luce della vera Fede e della retta Ragione: ha perfettamente chiaro che non vi era nulla di imperfetto nella specie Ancestre, che era il culmine del regno animale ed era stata creata da Dio (che tutto crea al meglio e perfetto nel suo stato) come la più intelligente, tra le specie animali, per essere di ausilio all'Essere Umano, creato a Sua Immagine e Somiglianza.
    Anzi: a Loro Immagine e a Loro Somiglianza.

    Poi, culmine del culmine, nel regno animale: era quella "femmina-preumana-ancestre" che era stata creata da Dio con 47 cromosomi, invece che con 48 (poiché questo era il numero dei cromosomi degli ancestri: uguale a quello delle attuali scimmie. E il dott. Francesco Saverio Martelli mostra, in piani termini scientifici e ricorrendo alle acquisizionie ed alle scoperte avvenute nel campo della genetica: come sia oggettivamente impossibile alcuna forma di "evoluzione" da una specie avente 48 cromosomi ad una avente un numero di cromosomi inferiore, e addirittura, inferiore di DUE. Quindi, come la "teoria dell'evoluzione" che avviene sulla base di "mutazioni casuali" del DNA è totalmente erronea ed infondata).
    Ossia quella "Eva", che in ebraico vuol dire "madre dei viventi": che fu creata da Dio per essere "madre gestazionale" di Entrambi i Primi Due Esseri Umani.
    I quali sarebbero stati "anormali" se non avessero conosciuto l'infanzia, come ogni Uomo ed ogni Donna.
    E Dio non fa cose "anormali": appunto perché Egli è l'Essere Perfettissimo, come da lei giustamente ricordato.

    Quindi, è solo e soltanto un suo "erroneo pensiero umano" l'attribuire alla rivelazione a Don Guido Bortoluzzi un qualsiasi forma di inficiamento della verità di Fede che Dio è l'Essere Perfettissimo.

    Ricordi la Parola ispirata a Gamaliele, sig. Lister.
    E la metta in pratica.
    Perché è Parola di Dio.

    Dio benedica i Suoi figli e fratelli.

    MARANATHA'

    RispondiElimina
  59. ONNISCIENTE: SIGNIFICATO!!! Il termine onnisciente (anche omnisciente) è un aggettivo che deriva dalla voce latina “omnisciente” composta dalle parole omni “italianizzato nel confisso onni– che significa tutto, ogni cosa” e di sciens “che vuol dire conoscenza, sapere, scienza”, quindi: che sa tutto, che conosce ogni cosa. Di solito è una dote che viene attribuita a un essere divino in quanto si presume perfetto e dunque scevro da qualsiasi forma di ignoranza (un dio è per definizione, onnisciente, onnipresente, onnipotente).HO LETTO SIA CIÓ CHE SCRIVE LA vALTORTA ,SIA ció che don Guido descrive ,Personalmente non capisco come umano il perché il Creatore avendo tutti gli attributi avuti abbia voluto mettere alla prova Adamo ed Eva quando giá inizialmente ne conosceva il risultato ,certamente non posso sondare nella volontá DIVINA ma onestamente mi pare un racconto da asilo infantile ,altre devono essere le spiegazioni Dio non credo voglia giocare a nascondino con le sue creature ,quel racconto mi pare di troppo comodo per le religioni grazie ! non voglio essere presuntuoso ,ma neanche restare con il dubbio di un DIO burlone .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dio non è 'burlone'. Molto semplicemente ci deve mettere alla prova perchè il Paradiso dobbiamo guadagnarcelo. Rispetta il nostro libero arbitrio e quindi non può esimerSi dal 'testarci' anche se Lui sa che sbaglieremo. Troppo comodo e da presa in giro sarebbe il metterci alla prova solo quando sa che non sbaglieremmo, non crede? E' come se io professore dovessi fare ai miei alunni solo domande a cui so che sapranno rispondere sicuramente: in tal modo non permetterei loro di crescere, come avviene invece sbagliando e impararando dagli errori.

      Elimina