4 maggio 2016

Crociere per anziani

Ultimamente mi è toccato leggere una notizia che mi ha confermato il fatto che spesso l'economia e il denaro sono considerati più importanti della vita umana. E' verità terribile ma ovvia, e lo sta a dimostrare la storia dell'umanità zeppa di guerre fatte per interesse meramente economico. Ma almeno le guerre sono stati fatti tragici limitati nel tempo, una specie di impazzimento collettivo a cui sono succeduti periodi di relativa pace e tranquillità, eventi comunque sempre stigmatizzati e considerati negativi proprio perché hanno causato la morte di tantissimi innocenti.

Invece oggi, nei nostri tempi, che manifestano, almeno a parole, la protezione e la difesa del più debole, scoprire che si facciano discorsi del tipo ' l'allungamento delle "aspettative di vita”  mette a rischio i bilanci degli stati più sviluppati ' come dichiarato ultimamente dal Fondo Monetario Internazionale, fa una certa impressione.

Che di già la Comunità Europea tenesse più in conto questioni di bilancio anziché di benessere dei suoi cittadini ce ne eravamo accorti da tempo, vista la sciagurata politica di austerità che impone da anni ai paesi dell'Unione, soprattutto a quelli più deboli, ma che un organismo sovranazionale come il FMI faccia discorsi di questo tipo significa che ormai stanno cadendo gli ultimi paletti sulla sacralità della vita, e tra aborti, eutanasie e risparmi sulla prevenzione delle malattie c'è da temere che con la globalizzazione, basata quasi esclusivamente sul denaro e l'interesse, quando si sarà manifestato nella sua cruda realtà il NWO, il Nuovo Ordine Mondiale auspicato dalle forze più o meno occulte che da tempo lavorano in questa direzione, non potrà che significare la creazione di un forma di governo del Mondo centralistica, tecnocratica e autoritaria, in cui la vita umana sarà considerata un peso. La stessa 'religione' preferita dal NWO, cioè la New Age, se ci fate caso, considera l'uomo come deleterio per l'ambiente, e accetta volentieri politiche di limitazione delle nascite ed eutanasia.

Ma non si facciano illusioni egoistiche quelli che pensano di poter vivere meglio e tranquilli appoggiando politiche di aborti, sterilizzazioni e soppressioni dei malati 'terminali'.
Si dice infatti 'non si sputa in cielo, perchè in faccia ti ricade!'. Tutto torna, e il male fatto alla fine si ritorce contro chi lo fa.
 
Tempo fa sentii parlare di un film surreale ambientato in una società autoritaria in cui i vecchi raggiunta una certa età dovevano partecipare ad una lotteria in cui si vincevano delle meravigliose e lunghe crociere intorno al mondo. Ma nessuno si augurava di essere estratto, perché erano crociere di sola andata...

Insomma, sarò pure esagerato, come qualche volta mi capita provocatoriamente di esserlo, e mi auguro perciò di sbagliarmi di grosso, ma non vorrei che con tutti questi discorsi dei 'giovani senza futuro' perché esso gli verrebbe in qualche modo 'rubato' dagli anziani con la fruizione della pensione, non si arrivasse un giorno a dover considerare la vecchiaia una specie di 'malattia terminale'  e un 'peso costoso' a cui porre un limite temporale per legge...

7 commenti:

  1. Ottimo pensiero , tutto concorre al completamento del piano Kalergi . Una società di schiavizzati , da potersi dominare completamente ! E dunque la fascia dei deboli deve essere eliminata , non apportando introiti al padrone del mondo , sono ritenuti perditempo . questa società non dovrà più avere valori etici - religiosi - il senso della famiglia - la fede nel proprio Creatore - tutto abolito - dal padrone del NOM !

    RispondiElimina
  2. Il film è "I viaggiatori della sera", girato a Torino e Lanzarote, due posti che conosco abbastanza bene.
    Film un po' noioso, che ricordo solo per le due locations.

    RispondiElimina
  3. Ogni cambiamento ha effetti in parte positivi (si spera) e in parte negativi (inevitabilmente). A questo punto si possono fare due errori: 1) andare avanti dicendo che i problemi non esistono; 2) pretendere di tornare indietro. L'aspettativa di vita è passata da 46 a 86 anni in poco più di un secolo e non si può negarlo. Anche l'età in cui si inizia a essere produttivi è modificata: da 14 a 30 anni. Risolvere il problema ammazzando i vecchi è uno dei due possibili... errori. L'altro è pretendere che il modello di società così come è oggi possa reggere (umanamente ed economicamente).

    RispondiElimina
  4. Non reggerà semplicemente perché la razza occidentale sparirà ed allora 'gli altri' faranno a modo loro......leggetevi Il tramonto dell'occidente di Spengler,libro corposo, ma molto istruttivo, non per tutti, per gli altri Aspettare che il cielo ci cada in testa, dicevano i saggi nativi americani sterminati dagli USA, ma loro non meritano giorni della memoria, sono milioni di vittime senza diritti e senza ricordo, ma pesano come il silenzio che li avvolge....

    RispondiElimina
  5. "Ma non si facciano illusioni egoistiche quelli che pensano di poter vivere meglio e tranquilli appoggiando politiche di aborti, sterilizzazioni e soppressioni dei malati 'terminali'.
    Si dice infatti 'non si sputa in cielo, perchè in faccia ti ricade!'. Tutto torna, e il male fatto alla fine si ritorce contro chi lo fa."

    non so se sia l'influsso malefico di Poppea o l'avvicinarsi dell'inizio delle celebrazioni per il centenario di Fatima (uno dei miracoli con il più alto numero di "spettatori".
    sta di fatto che per topogigio oggi è un giorno di festa. a me, che non ho mai fatto parte di nessun coro, girano con movimenti rotatori opposti.
    credo che siamo davvero alla frutta in tutti i sensi. e la cosa triste è che pochi sembrano rendersene conto...

    "Lettera di Mario Palmaro a Riccardo Cascioli

    Caro direttore,

    ho letto il tuo editoriale del 3 gennaio – “Renzi, se questo è il nuovo che avanza” – e non posso che condividere la tua analisi sulla figura del nuovo segretario del Pd, sulla sua furbizia disinvolta, sul suo trasformismo, sulle contraddizioni inevitabili tra il suo dirsi cattolico e il promuovere cose che contrastano non solo con il catechismo ma con la legge naturale. Aggiungo i miei complimenti per quello che fai da tempo con la Bussola su questa frontiera dell’offensiva omosessualista e non voglio rimproverarti nulla.

    Però avverto la necessità di scrivere a te e ai lettori ciò che penso.

    In tutta sincerità: ma il nostro problema è davvero Matteo Renzi? Cioè: noi davvero potevamo aspettarci che uno diventa segretario del Partito democratico, e poi si mette a difendere la famiglia naturale, la vita nascente, a combattere la fecondazione artificiale e l’aborto, a contrastare l’eutanasia? Ma, scusate lo avete presente l’elettorato del Pd, cattolici da consiglio pastorale, suore e parroci compresi? Secondo voi, quell’elettorato che cosa vuole da Renzi? Ma è ovvio: i matrimoni gay e le adozioni lesbicamente democratiche.....

    Mario Palmaro, un vero profeta:
    Il fumo di satana nella Chiesa
    https://gloria.tv/article/1inCX1mSUGU


    RispondiElimina
  6. PAPA FRANCESCO CONTRO GESU'?

    Tutto torna, e il male fatto alla fine si ritorce contro chi lo fa.

    Non so se sto andando completamente fuori tema, ma questa mattina mi sono svegliato con questa strana associazione di idee.

    Dio perdona SEMPRE???

    GESU'
    "In verità vi dico: ai figli degli uomini saranno perdonati tutti i peccati e qualunque bestemmia avranno proferita; ma chiunque avrà bestemmiato CONTRO LO SPIRITO SANTO, NON HA PERDONO IN ETERNO, ma è reo di un peccato eterno." (Marco 3:28,29)

    Papa Francesco:
    Cari fratelli e sorelle, buongiorno.
    Il dono del timore di Dio, di cui parliamo oggi, conclude la serie dei sette doni dello Spirito Santo. Non significa avere paura di Dio: sappiamo bene che Dio è Padre, e che ci ama e vuole la nostra salvezza, e SEMPRE PERDONA, SEMPRE; per cui non c’è motivo di avere paura di Lui!

    https://w2.vatican.va/content/francesco/it/audiences/2014/documents/papa-francesco_20140409_udienza-generale.html

    RispondiElimina